Russiagate, Trump è sotto indagine: "Ha ostacolato la giustizia"

Il procuratore speciale avvia un'indagine nei confronti di Trump. L'accusa è ostruzione alla giustizia nel caso delle interferenze russe nelle presidenziali. Il legale del tycoon: "Fuga di notizie oltraggiosa"

Nuova tegola sulla Casa Bianca. Nel giorno del suo settantunesimo compleanno, Donald Trump ha scoperto di essere indagato per possibile ostruzione alla giustizia. Secondo il Washington Post, che per primo ha dato la notizia, il procuratore speciale Robert Mueller, che guida l'indagine sul ruolo della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016, "indagherà alti dirigenti dell'intelligence nell'ambito di una indagine più ampia che ora include l'esame dell'ipotesi se Donald Trump ha tentato di ostruire la giustizia". Quello di cui è accusato il presidente degli Stati Uniti è lo stesso reato per cui Richard Nixon si dimise evitando così l'impeachment.

"La fuga di notizie del Fbi riguardante il presidente è oltraggiosa, non scusabile ed illegale". Mark Corallo, portavoce del legale di Trump, Mark Kasowitz, reagisce alla diffusione della notizia dell'inchiesta a carico del presidente degli Stati Uniti. Come spiegato dal Washington Post, l'ipotesi del reato di ostruzione alla giustizia si è rafforzata dopo il licenziamento a sorpresa dell'allora capo dell'Fbi James Comey che stava appunto indagando sul Russiagate. Successivamente Comey, in una deposizione al Senato, ha accusato Trump di avergli chiesto di far cadere l'indagine sull'ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn. "Hanno creato un falso collegamento con la vicenda della Russia, senza trovare alcuna prova - ha commentato Trump - ora procedono per ostacolo alla giustizia sulla base di una storia fasulla".

Nell'articolo pubblicato oggi il Washington Post cita cinque fonti informate sui fatti, secondo le quali il capo della National Intelligence Daniel Coats, il direttore della Nsa Mike Rogers e il vice Richrad Ledgett, hanno concordato di essere ascoltati nei prossimi giorni dal procuratore Mueller. Quello che non è chiaro è se dovranno descrivere nel dettaglio le conversazioni avute con Trump e altri alti funzionari o se riceveranno indicazioni dalla Casa Bianca per ricorrere all'Executive privilege. In realtà appare difficile che sia percorsa questa seconda strada per bloccare i testimoni. "Durante lo scandalo Watergate - ricorda il Washington Post - la Corte Suprema stabilì che il diritto del presidente e di altre alte cariche dell'esecutivo di non rivelare determinate informazioni non può essere usato in caso di inchieste penali".

Commenti

Mannik

Gio, 15/06/2017 - 08:18

Caspita Rame, il suo pupillo se la sta passando male...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 15/06/2017 - 08:21

buffonate! è la sinistra progressista (vuol dire sinistra!) che si sta inventando di tutto per fermarlo! film già rivisto (con Berlusconi!) ormai siamo esperti a capire al volo chi è che sbaglia!

idleproc

Gio, 15/06/2017 - 08:22

Della serie: " o ti adegui..."

Popi46

Gio, 15/06/2017 - 08:28

Habemus Berlusconem Secundum,Ameeennn.....

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Gio, 15/06/2017 - 08:49

"Il presidente Usa è accusato di aver ostacolato la giustizia mentre indagava sulle interferenze russe nelle presidenziali" -- in Italiano questo vuol dire che chi indagava era lo stesso Trump.

ortensia

Gio, 15/06/2017 - 09:00

Riusciranno a metterlo in stato di accusa? Secondo il piu' popolare sito di scommesse U.K dopo la testimonianza di Comey le probabilita' stanno diminuendo. Con l'impeachment la Presidenza andrebbe a Pence che, sotto l'apparenza gentile, nasconde un carattere da vero repubblicano e con buona pace della Sardoni, la brutta giornalista che stamattina sulla 7 si chiedeva se dopo l'impeachment ci sarebbero nuove elezioni. No, Sardoni, la Clinton is out.

Ritratto di massacrato

massacrato

Gio, 15/06/2017 - 09:07

Situazione MONDIALE paurosa e preoccupante: c'è un sinistro meccanismo, supportato da poteri indefiniti, che si muove in sinergia quasi dovunque e NON TOLLERA IL DISSENSO.

Maura S.

Gio, 15/06/2017 - 09:09

La storia infinta italiana. Un = déjà vu = confermando che pur di sbarazzarsi di un personaggio incomodo tutto il mondo è paese

Klotz1960

Gio, 15/06/2017 - 09:12

Indagato non significa incriminato.

nopolcorrect

Gio, 15/06/2017 - 09:13

Ho l'impressione che quelli del Washington Post dopo il Watergate si siano montati la testa. Che ci sia ogni indagine su possibili comportamenti illegali di Trump ma Trump si difenda coi suoi avvocati. Finirà tutto in una bolla di sapone con sonoro pernacchio finale per il Washington Post. Stiamo assistendo a una durissima lotta per il potere ai vertici degli Stati Uniti, i servizi segreti tentano di affermarsi come quinto potere appoggiato dalla stampa, il quarto potere.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 15/06/2017 - 09:15

E' uno schifo senza fine! ma almeno la smettano di parlare di "giustizia"! E guarda caso negli USA "democratici" cosi come in Italia tutte le fughe di notizie e gli "spifferi" prendono sempre la stessa direzione, direzione ben definita e non casuale, finiscono sempre alle testate predilette. In Usa il "washington pork", in itagli

Massimo25

Gio, 15/06/2017 - 09:15

e questa é la culla della democrazia....é solo il paese di Topolino...

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 15/06/2017 - 09:16

Film già visto quando Berlusconi osò impedire alla sinistra di andare al potere. Chiunque non sia gradito al sistema di potere viene distrutto a colpi di magistratura

odisseus

Gio, 15/06/2017 - 09:20

Sono fedele lettore del Giornale cartaceo e online, ma a volte, come in questo caso, non capisco. Gli ultimi articoli su Trump sembrano riedizioni delle news piú mainstream, New York Times e Washington Post, CNN e MSNBC, non tengono conto della stampa indipendente e a titoloni fanno veramente credere che la Casa Bianca sia sull´orlo del terremoto. Gente come Dershowitz hanno chiaramente detto che in termini costituzionali non ci sono neanche briciole di possibilitá contro Trump, mentre bisogna considerare che la maggioranza GOP nella House e quella risicata del Senato, in vista delle prossime elezioni del 2018 non brucerebbero Trump neanche con la pistola puntata alla nuca, il loro elettorato li punirebbe. Per favore, prima di buttare giú un articolo, leggiamola tutta la stampa estera, non solo le prime pagine dei giornaloni legati a Soros o a Jeff Bezos, grandi "amici" dei Clinton e Obama.

steluc

Gio, 15/06/2017 - 09:25

Si è globalizzato anche il vero spirito dem , le elezioni sono belle se vince chi dico io , Trump è solo l'ultimo episodio ( questo è un osso duro) , senza la magistratura che guarda caso 15 gg. prima ha segato Fillon , Macron e signora andavano a rane , da noi non ne parliamo , governano dal 2011 senza neppure i voti . E poi se la pigliano col ventennio.....

antipifferaio

Gio, 15/06/2017 - 09:31

Solite balle comunistoidi di decerebrati aspiranti dittatori quali sono i sinistri. Se avessero avuto prove certe Trump era già da tempo sotto impeachment. Invece l'unica cosa che gli resta è screditarlo di continuo con la stampa che ormai è tutto tranne che informazione visto che il web l'ha soppiantata...Attenzione però, perchè questo "metodo" può essere un pericoloso boomerang che si ritorcerà contro le multinazionali/banche che ormai agli occhi di tutti sono alla stregua di una banda di criminali terroristi...

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 15/06/2017 - 09:35

ODISSEUS copio e incollo.

venco

Gio, 15/06/2017 - 09:36

Abbiamo capito, in Usa non comanda la volontà popolare ma la massoneria della grande finanza.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 15/06/2017 - 09:42

E' uno schifo senza fine! ma almeno la smettano di parlare di "giustizia"! E guarda caso negli USA "democratici" cosi come in Italia tutte le fughe di notizie e gli "spifferi" prendono sempre la stessa direzione, direzione ben definita e non casuale, finiscono sempre alle testate predilette. In Usa il "washington pork", in itaglia per maggiori informazioni rivolgersi alla galassia repubblica e fatto....

ex d.c.

Gio, 15/06/2017 - 09:43

Ancora una volta è la 'giustizia' che ostacola la democrazia

pupism

Gio, 15/06/2017 - 09:44

Quando si muove la finanza sionista e massona (soros e il genero per intenderci)bisogna sempre stare all'erta. quattro anni sono lunghi e far capire a Trump di essere nel mirino lo riportera a piu miti consigli. Ha gia allontanato tutti i suoi collaboratori piu fidati se non si allinea tutto passerà nelle mani del vice un burattino facilmente manovrabile....

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 15/06/2017 - 09:54

alla redazione de il giornale: bravi !!! avete pubblicato l'articolo sulle blatte alle molinette di torino , in orario "morto" e di primo mattino lo avete soppresso , questo fa vera la mia tesi che nascondete la cronaca ai patani ;che normalmente sono deboli di cuore ; complimenti

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 15/06/2017 - 09:55

@odisseus:concordo!!....Lo "stato profondo",la "stampa profonda", stanno facendo di tutto,per delegittimare la sua elezione(frutto del suo programma),voluta dalla maggioranza del SISTEMA elettivo Americano!!!

nerinaneri

Gio, 15/06/2017 - 09:58

...io, avevo letto di magistrati komunisti italiani in vacanza negli usa...

Atlantico

Gio, 15/06/2017 - 10:05

Ma come si fa a dire una cosa del genere ? Trump è sempre stato un uomo ligio alle leggi, tutta la sua vita di imprenditore edile, e non solo, è stata improntata al rispetto più rigido della legge e dei regolamenti specifici, la sua storia sta lì a dimostrarlo. E' evidente che è in atto una manovra dell'Alta Finanza Massonico-Sionista, del Deep State, degli Agenti Occulti del Mondialismo e del Globalismo Internazionalista, sotto la regia del Nuovo Satana del NWO, Soros. Insomma, anche gli USA sono stati infettati dal Comunismo negli ambienti delle Elités Finanziarie, Massmediatiche e Politiche.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 15/06/2017 - 10:13

vero il problema è trump perchè il resto della politica mondiale è tutta pulita, onesta e trasparente e fa gli interessi del popolo. eppoi i nostri politici sono i migliori al mondo. le zecche rosse non sanno più cosa inventarsi!

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 10:14

Due modi e due stili di essere opposti a confronto, quello di Trump e quello di Macron. Il primo espressione della volgaritá arrogante e della ignoranza prepotente tanto diffuso in Italia a sinistra come a destra e l´altro quello della fine intelligenza, della pulizia mentale e della cultura ... La sensazione é che in Italia lo stile Macron per essere realizzabile non basteranno altri 50 anni.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 15/06/2017 - 10:26

I "democratici" non mollano! Se non è una persecuzione questa... Fra un po' ne chiederanno l'impeachment per aver detto "cosce" davanti a un Prelato (cit. Woody Allen).

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 15/06/2017 - 10:32

@giovanni PERINCIOLO,ex d.c.:...concordo!

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 15/06/2017 - 10:34

Noi abbiamo Repubblica come "house" organetto dei comunisti retroprogressisti, gli USA neo(anti)dem, hanno il Washington Post con dei tipi lugubri come Horowitz, che fanno il paio con un bel po' di tipi lugubri o su rimbambiti(tipo Mc Cain) della commissione senatoriale che si arrampicano sugli specchi insaponati per "golpare via"Trump. Chi come me ha seguito in diretta Tv (senza filtri di varie furie scatenate, alla Botteri-_RAI) il contraddittorio con il ministro della Giustizia Session che ha ribadito punto/punto alle ridicole e penose accuse formulate da un perlesso Sen.Rep. Burr (NC), continuamente rimanipolate ed inventate. Ora visto che cronologicamente fino a circa fine Maggio 2017 non ci sono particolari evidenze, hanno reinventato "l'ostacolo alla Giustizia" bel paragrafo di gomma perché altrimenti dovrebbero mandare in galera l'occhioborsuto Comey per i "leaks" messi in giro!

Ritratto di gioc.

gioc.

Gio, 15/06/2017 - 10:37

@Cadaques ma ti pagano per queste sviolinate a favore dell' illustrissimo Macron?

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 15/06/2017 - 10:40

...stile Macron..ci manca solo uno come lui, in Italia...

Ritratto di gioc.

gioc.

Gio, 15/06/2017 - 10:41

Avrebbe ostacolato la giustizia, è tutto ancora da dimostrare.

Garombo

Gio, 15/06/2017 - 10:42

Fuori dalle palle parruccone, bullo e razzista

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 15/06/2017 - 10:46

Per la gioia della Botteri.

gian paolo cardelli

Gio, 15/06/2017 - 10:49

Un film che gli italiani hanno già visto per vent'anni: auguro a Trump di non fare la stessa fine di chi, qui da noi, venne accusato pure dell'incendio di Roma ai tempi di Nerone solo perchè aveva osato andare a razzolare nell'orticello dei "politici"...

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 10:50

a parte i soliti troll che qui dichiarano la propria qualità morale rigettandola su Trump (uno su tutti: Garombo)... va detto che non c'è lo spazio temporale né i numeri per arrivare in fondo all'impeachment...

Ritratto di gioc.

gioc.

Gio, 15/06/2017 - 10:55

@Garombo ammazza che grinta..

Jimisong007

Gio, 15/06/2017 - 10:56

Quando non lo possono assassinare ci pensano i tribunali

kitar01

Gio, 15/06/2017 - 11:04

Ovviamente il Russiagate è una teoria del complotto che non ha bisogno di essere dimostrata. L'accanimento contro Trump è spiegabile solo con l'ipotesi che la sua vittoria abbia dato davvero fastidio al vero potere e bisogna toglierlo di mezzo in ogni modo.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 15/06/2017 - 11:17

il tentativo di colpo di Stato prosegue e noto che anche negli USA il segreto istruttorio vale solo per gli amici. Trump deve prendere misure drastiche (anche contro i vertici repubblicani)

timba

Gio, 15/06/2017 - 11:23

Washing Post come Repubblica. Ci ha informato anche sull'angolazione ipotetica delle presunte palpate del cav a casa sua alle 3 di notte. Vagonate di inchiostro sul non poteva non sapere, etc.. Poi è arrivato Renzi sul quale ci sarebbero da scrivere enciclopedie di nefandezze (famiglia ed entourage compresi) e Repubblica va in letargo. E si dimentica pure chi sia e cosa abbia combinato il suo editore cittadino svizzero. Se il WP avesse usato un centesimo delle attenzioni riservate a Trump verso i Clinton e l'abbronzato... Mamma santissima!!! Quante ne sarebbero uscite!! Ma, come in Italia, non succederà mai, tranquilli.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 11:23

gioc. 10:37 ... In Italia la pulizia mentale e la inteligenza da cui segue (che non ha niente a vedere con la meschinitá della furbizia) non sono considerate valori, si lo sono invece la prepotenza e l´artificio mafioso della menzogna e dell´inganno per conseguire il proprio interesse personale ... Il problema é che chi fa proprio questo stile di vita, basato sull´angusto egoismo, non si avvede di quanto sia distruttivo non solo per tutti coloro che gli sono disgraziatamente vicini ma anche per se stesso ... É questo limite della intelligenza che appartiene alla "anti cultura" di ogni settarismo che condanna l´individuo e una societá alla disperazione di una sicura e angosciosa sconfitta ... Lo stile della bellezza, che dal tono del tuo intervento sembra che difficilmente potrai comprendere, non ha prezzo, é la forma del dispiegamento della intelligenza.

Paolobbb

Gio, 15/06/2017 - 11:26

Dai che ce la fate a farlo cadere...lo avete già fatto in Italia con Berlusconi..la sinistra è geniale in queste cose,e si,quando non riesce ad andare al potere con i voti del popolo (con cui tanto si riempie la bocca) allora mette su colpi di Stato...capito i democratici,quelli "onesti",si si!!!

timba

Gio, 15/06/2017 - 11:29

CADAQUES. Ti ricordo che anche quando arrivò Obama si disse "finalmente un dotto, uno che sa parlare... Mica quel burino di Bush..". Addirittura premio Nobel a prescindere. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Una Waterloo. Se devo scegliere, a me interessa che uno governi bene e non che sappia parlare. Guarda a sx. Sono tutti laureati, tutti chic, tutti acculturati. Citano Kant. Poi quando devono sporcarsi le mani e governare... Disastri indicibili. Il perchè è semplice: mai lavorato in vita loro. Ma citano Kant... In USA hanno detto che solo i laureati hanno votato la Clinton. Ed infatti lei è stata un disastro per gli USA e per tutto il mondo. Monti è un professorone...Dio scampi. Meglio che i laureati studino ed insegnino. Al resto ci pensiamo noi agresti...

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 15/06/2017 - 11:41

Ogni mente libera dovrebbe considerare che perfino colui che fino a ieri era ritenuto l'uomo più potente del pianeta deve sottostare a poteri che stanno più in alto, pur agendo nell'ombra. Il cosiddetto DEEP STATE, che aveva già pianificato la vittoria della candidata democratica. Il voto popolare ha deciso diversamente e i poteri nell'ombra non lo possono accettare. Se pensiamo che gli Usa sono quelli che hanno condizionato il voto in molti Paesi secondo i loro disegni planetari, è ridicolo solo immaginare che il voto americano possa venire condizionato da Putin. Brutto segno comunque, certe cose possono capitare nelle colonie, come l'Italia, dove avevano deciso che Berlusconi era UNFIT e l'hanno segato. Il Nuovo Ordine Mondiale sovrasta tutto, perfino un presidente americano non gradito.

VittorioMar

Gio, 15/06/2017 - 11:47

...RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI A DEFENESTRARE IL PRESIDENTE TRUMP ?? ...DA NOI CI SONO RIUSCITI MA IN USA E' DIVERSO..!!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 15/06/2017 - 11:48

"Il presidente Usa è accusato di aver ostacolato la giustizia mentre indagava sulle interferenze russe nelle presidenziali". Questa frase scritta così significa che Trump ha ostacolato la giustizia mentre sempre Trump(sottinteso) indagava sulle interferenze... C'è da chiedersi: perché a indagare sulle interferenze c'era Trump e non la giustizia (magistratura)? Asini! Ritornate alle scuole medie per imparare di nuovo l'analisi logica.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 15/06/2017 - 11:52

Se Trump perderà le elezioni di medio termine, allora potrà essere incriminato, se le vincerà non sarà incriminato. Ovvero: la questione è esclusivamente politica.

steluc

Gio, 15/06/2017 - 11:57

Quelli del p.u.d. , pensiero unico dominante , siccome non possono accettare che gli americani votando non abbiano seguito il loro verbo , tirano fuori la fola che Trump è stato messo lì da Putin , così da scatenargli addosso orde di radical-chic e cavialari. La democrazia? inutile orpello....

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 15/06/2017 - 12:06

primo, e' impossibile da parte di qualsiasi paese influenzare le elezioni Usa, due vuol dire che il controllo spettante all'AMMINISTRAZIONE OBAMA fino a quel momento, aveva la coda di paglia, quindi erano inadeguati? tre la questione mail Clinton e' seria perche non si indaga? quattro quanti funzionari messi da Obama Clinton hanno ancora potere? quinto i rapporti pre insediamento su canali parlleli a quelli ufficiali coi russi non sono una novita' gia fatti in molte altre amministrazioni, morale Trump indaghi sui golpisti politici dem/neocon

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 15/06/2017 - 12:06

Questa storia del Russia-gate è tutta una montatura che non porterà da nessuna parte dato che sarà impossibile provare che i Russi usarono trucchi particolari per dirottare i voti verso Trump, così come sarà impossibile provare che Trump ha ostacoilato la giustizia visto che lo stesso Comey ha detto che l'FBI non indagava Trump e L'espressione 'spero' usata da Trump in merito alla question Flynn non era certo un 'ordine' dato a Comey di abbandonare le indagini sul Flynn.

liberoromano

Gio, 15/06/2017 - 12:12

Non è che se commetti un reato e vieni perseguito sei per forza un perseguitato. Non è che essere stato eletto prevede che ogni accusa nei tuoi confronti sia artefatta. Magari c'è chi commette reati anche dopo essere diventato presidente...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 15/06/2017 - 12:16

Quel che i magistrati che fanno politica non capiscono è che se si andasse ad elezioni con tutti i disastri combinati dai Demo, Sanders le perderebbe. Invece Donald Trump vincerebbe alla grande.

1967

Gio, 15/06/2017 - 12:19

Non e' vero che ha avviato una indagine. Ha solo detto che sta parlando con gli attuali capi dei servizi segreti e dell'FBI per capire se esistono gli estremi per aprire un indagine, cosa che non succedera' perche' lo stesso Comey, ex capo dell'FBI, ha dichiarato sotto giuramento che Trump non gli ha mai chiesto di fermare l'indagine Russiagate e anche che Trump non e' mai stato indagato. Quante balle che scrivete sui giornali Italiani.

agosvac

Gio, 15/06/2017 - 12:19

Negli Usa c'è una guerra civile tra chi ha votato Trump cioè il popolo americano e chi invece fa parte della nutrita schiera degli obama/clinton. Una cosa francamente mai vista prima. Di solito negli USA ci si scornifica prima delle elezioni ma poi chi perde si fa di lato e lascia governare chi ha vinto. Questa volta chi ha perso aveva investito miliardi per fare vincere gli obama/clinton sperando di averne poi un ritorno finanziario consistente. La vittoria di Trump ha rotto tutti gli equilibri di quelli che avevano finanziato gli obama/clinton, pertanto stanno facendo il possibile e l'impossibile per estromettere Trump. Per come la vedo, gli USA stanno vivendo un momento tragico della loro esistenza come stato democratico, infatti se un Presidente eletto dal popolo non ha la possibilità di governare, allora è definitivamente finita la democrazia negli USA, tanto vale modificare la Costituzione e renderla una monarchia ereditaria del partito democratico.

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 12:21

@cadaques, trolleggiare forbitamente non è sintomatico di fine intelligenza, ma solo di furbizia. I tuoi postulati mi ricordano il percorso radical chic, prima a sinistra, poi dopo i fallimenti empirici, contrordine, equidistanti dai poli e riposizionamento al centro. In Francia con Macron, in Italia con Renzi. 2 stili diversi, ma il medesimo programma elettorale del "un colpo al cerchio e uno alla botte", così da rivendicare per i propri elettori e così da accomodare gli euroburocrati. Un paese non si governa con la puzza sotto il naso, ma con manovre forti e producenti. Nulla spendi in virtù di un miglioramento della qualità di vita, ma tutta la tua analisi si spende nella forma delle cose. Mi sovviene una questione, non è che hai così poca intelligenza da non poter scendere nella sostanza?

1967

Gio, 15/06/2017 - 12:28

@CADAQUES: La fine intelligenza di Macron ? Quale ? Quella del suo mentore e creatore Attali ? Noto oligarca massonico, che propone, quale soluzione al problema delle pensioni, l'eutanasia di stato per gli anziani. Ma vai a quel paese tu e tutti i Macron del mondo.

hornblower

Gio, 15/06/2017 - 12:30

@CADAQUES - si certo, come no? si "la grande bellezza" !!!! Va bene che ti sei innamorato del pifferaio Macron, ma fai attenzione di non fare la fine dei topi, tutti "En Marche", al suono del suo piffero.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 15/06/2017 - 12:34

La strategia dell'Islam è quella di far litigare i cristiani tra di loro, specialmente USA contro Russia. L'arma che hanno in mano sono i petroldollari con cui corrompono i politicanti e notabili giudiziari, mentre illudono gli elettori più ignoranti, al fine di sottomettere il mondo.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 15/06/2017 - 12:58

-il deep state non sa che farsene dell'impeachment di trump--ha già risolto-ha già resettato trump come una marionetta ed i risultati ottenuti sono eccellenti-obama era guardingo e scettico nei confronti di israele-trump invece è praticamente appecoronato alle volontà e desideri del fascista netanyahu-obama aveva un buon rapporto con l'iran-considerato intelligentemente come baluardo ultimo al tracimare incontrollato del wahabismo sunnita-trump invece considera l'iran uno stato canaglia e le sue stupidate portano ad un rischio di conflitto-obama tollerava la corea del nord-trump invece ci porta sull'orlo di un'altro conflitto con la corea che può assumere connotazioni nucleari-obama negli ultimi tempi guardingo con gli arabi-trump invece vende ad essi miliardi di dollari di armamenti ben sapendo che molti rivoli arriveranno all'isis-dov'è la politica estera isolazionista americana tanto sbandierata da trump in campagna elettorale?-

impiccione

Gio, 15/06/2017 - 13:11

Dottor Rame, è mai possibile che tutti i suoi articoli su Tramp debbano prendere spunto da WP che notoriamente vive di fake news? Sono disonesti buffoni e prezzolati ( wikileakes ce lo ha detto ).

cecco61

Gio, 15/06/2017 - 13:12

Facciamo un po' d'ordine Signor Rame. L'impeachment di Nixon derivava dalla sua falsa testimonianza di fronte al Gran Giurì (cosa che fece pure Clinton per il caso Lewinski). Il primo giurò di non sapere niente delle intercettazioni illegali mentre, il secondo, giurò di non aver mai avuto rapporti con la ragazza. Entrambi poi smentiti dalle prove. I democratici obbligarono Nixon ad andarsene mentre, i repubblicani, lasciarono Clinton al suo posto. Trump a Comey disse solo di ricordare, nell'espletamento delle sue funzioni, che l'indagato era una brava persona. Della serie: fai quel che devi ma non andare troppo pesante, riconoscigli le attenuanti. Secondo Comey invece era un esplicito ordine ad insabbiare il tutto. Va poi detto che, le richieste della Clinton di bloccare la pubblicazione delle sue e-mail, fu pubblica e molto più imperativa, senza mezzi termini e senza possibilità di interpretazioni. I sinistrati, come sempre, hanno una visione della giustizia a senso unico.

marcs

Gio, 15/06/2017 - 13:25

Sig zagovian, i numeri parlano chiaro: trump 62984825, Clinton 65853516, il mentecatto ha vinto solo a causa dell'insulso sistema elettorale degli usa, ma la vera vincitrice, guardando i numeri, e Hillary Clinton. Smentitemi, se potete.

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 13:37

ringraziamo elkid per aver dimostrato che i fascisti non sono mai stati antisemiti al contrario di comunisti e nazisti... e se lo dice un compagno fumatore, c'è da crederci!

Iacobellig

Gio, 15/06/2017 - 13:39

SE I GIUDICI AMERICANI DI SINISTRA SONO COME QUELLI ITALIANI FA BENE TRUMP A CACCIARLI A CALCI. BENE LUI CHE LO PUÒ FARE. IN ITALIA IMPOSSIBILE!

Libero 38

Gio, 15/06/2017 - 13:59

I komunisti sono uguali in ogni parte del mondo.Come dire nascono lupi non moriranno mai pecore.La cricca filo corvo-cornacchia le stanno provando tutte per far fuori Trump malgrado fosse stato eletto dagli americani.La giustizia e stampa komunista americana e' come quella italiana.In America sembra rivedere il complotto organizzato nel 2011 dal kompagno giorgio e dalla stampa filokomunista italiana per far fuori Berlusconi.

Mr Blonde

Gio, 15/06/2017 - 14:02

MArcs l'insulso sistema elettorale...? Ma mi faccia il piacere! E' una repubblica federale e come tale da importanza ai singoli stati, quanto al resto non capisco cosa c'entri la sinistra visto che sara' eventualmente pence il nuovo presidente e non mai la clinton. E speriamo che accada prima di danni irreparabili

Atlantico

Gio, 15/06/2017 - 14:13

Secondo alcuni giureconsulti qui presenti, l'essere eletti determina il configurarsi di una situazione di "legibus solutus". Ora, una tale sciocchezza può essere affermata da chi non riconosce, per ignoranza, il potere giudiziario che, lo ricordo ai giureconsulti, è una teoria non più riconosciuta a far data dal tramonto delle "monarchie assolute" che si rifacevano alla teoria del "diritto divino dei re" ( XVII* secolo ). Il fatto che Trump sia indagato, non ne fa, ipso facto, un "colpevole" ma starà agli organi della funzione giudicante riconoscerlo tale o no. In ogni caso spetta solo a loro incolpare, istruire e giudicare innocenti e colpevoli: non certo a chi ha portato il cervello all'ammasso delle sciocchezze tipo deep state, mondialismo, globalismo e via farneticando, ai quali consiglio di passare a teorie simili tipo l'origine extraterrestre della vita sulla terra o l'esistenza delle sirene e dei rettiliani tra gli umani contemporanei.

cecco61

Gio, 15/06/2017 - 14:17

@ marcs: nel caso non lo sapesse il sistema americano è molto simile a quello adottatato in Italia per il Senato. Il signor Prodi ottenne la maggioranza al Senato con meno voti di Berlusconi. Ma, da bravo sinistrato, tutto va bene quando siete voi a vincere, mentre diventa "insulso" quando perdete. Va a ciapa' i rat...

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 15/06/2017 - 14:18

marcs e i numeri... I numeri certo! Si dà il caso che come argomento vale un acca, dal momento che la legge elettorale americana sarà pure bislacca ma non la cambiano ogni volta come facciamo noi. Vale sia per i democratici che per i repubblicani. In altre parole non è un sistema proporzionale. Serve un disegno?

fenix1655

Gio, 15/06/2017 - 14:21

Così anche gli americani conosceranno il significato dell'uso politico della giustizia. Noi Italiani abbiamo esportato mafia, camorra, 'ndrangheta ed ora anche questa. Abbiamo ottimi maestri ed ancor migliori propagandisti negli Stati Uniti. Basta seguire qualche telegiornale dei nostri per stanarli. Giornalisti che anche sulla base di un solo soffio riescono a tessere servizi infamanti e teorie colpevoliste. Tanto non devono rendere il dovere della prova. Mai si era visti negli Stati Uniti tanto rancore e odio da parte degli sconfitti. Chissà se anche lì vedremo qualche magistrato guadagnarsi un sicuro futuro politico come ringraziamento per i servizi prestati.

giomag42

Gio, 15/06/2017 - 14:24

Concordo al 100% con quanto scritto da Odisseus". Questi "pseudo-giornalisti" stanno portando Il Giornale sempre piu' in basso. Ci manca solo che ora scriva qualche artticolo ancche la Botteri...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 15/06/2017 - 14:36

@marcs:.....Ho parlato di "SISTEMA elettivo Americano",che è così da una vita....Smentisca se può!!!!!!

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 15/06/2017 - 14:41

Garombo & marcs due da Ius soli...LOBOTOMIZZATI SERIALI

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 15/06/2017 - 14:45

-----Atlantico--se non ci vedi le stesse manine che partono dall'abbattimento delle torri gemelle e arrivano a Saddam Hussein- Gheddafi -e ora Assad---che passano con disinvoltura dalle primavere arabe---dai tumulti in turchia alla situazione ucraina fino al tentativo di sedizione in venezuela--se non vedi le voglie dei sionisti di creare un grande israele secondo piani non inventati da gente che farnetica ma da carte e mappe note fin dal lontano 1982 ---e se credi che queste manine possano essere condizionate da un presidente quandanche si tratti del presidente americano----allora continua pure a vivere nel tuo cunicolo sotterraneo come le talpe e coltiva la tua dotta ignoranza socratica ad libitum---swag ganja

greg

Gio, 15/06/2017 - 15:12

REDAZIONE PUBBLICARE Quando si tratta di fare interventi a favore della sinistra americana, state tranquilli che l'ipocrite MANNIK è sempre il primo. Washington Post e New York Times stanno facendo di tutto per recuperare i soldi che hanno perso con la NON ELEZIONE della Clinton, i due quotidiani sono nelle mani dei liberals, vale a dire delle banche d'affari, di Wall Street e di Soros, le loro redazioni sono sempre aperte, giorno e notte, per inventare balle in serie, che se Trump scoreggia, immediatamente viene imputato di inquinamento planetario. Il punto è che in otto anni di obamismo, la sinistra ha infiltrato suoi uomini ovunque, come in Italia con PCI/PD. Il programma, con la Clinton presidenta, era di ridurre tutto il paese agli ordini del NWO. Gli è andata male, ed ora nulla contano gli americani che hanno votato Trump, l'importante è strappare il potere legittimo del legittimo presidente, anche a costo di fare finire l’America in povertà

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 15/06/2017 - 15:17

Giovinap, boccalone: cosa centra il tuo commento con l'articolo. Si parla di patate e rispondi con bietole. Ricordati: il giorno che la ''patania'' finalmente si libererá dalla palla al piede, il napoletanume e compagni affini mangeranno ortiche. La gallina dalla uova d'oro é volata via.

alox

Gio, 15/06/2017 - 15:19

Il problema dell'ostruzione di giustizia non c'era...l'ha creato Trump ed il Suo modo di agire al limite della legalita'...Trump va' "capito" e scusato e' un ignorante del sistema e delle leggi (lo si sapeva gia' prima che avrebbe fatto questa fine!).

Ritratto di VittorioDettoToi

VittorioDettoToi

Gio, 15/06/2017 - 15:27

Che abbiamo esportato il Team di Magistrati anti-Berlusconi in America ? Certo che la politica ora fa un po schifo pure la.......... Ciao a tutti da Vittorio

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 15/06/2017 - 15:29

---greg---ancora a fare distinzione tra destra e sinistra americana--è tutta la stessa pasta---con chi fa affari il genero di trump che è anche il suo miglior consigliere?---con soros of course---trump c'è dentro fino al collo--

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 15:34

Ho speso alcune parole a favore della intelligenza e noto che si é scatenato un putiferio ... A tutti voi che ve la siete presa a male, molto probabilmente perché questa qualitá non vi appartiene e pensate di supplirla con la prepotenza diró che é proprio l´autoritarismo della stupiditá che é la combinazione della stupiditá e della prepotenza é la autentica causa di ogni funesta disgrazia a livello individuale e sociale ... Vi diró ancora che la intelligenza non é solo e unicamente una qualitá innata e che puó essere coltivata e incrementata a livello individuale e collettivo da una specifica cultura ... Ma a questo punto dopo aver detto queste parole che dovrebbero essere oltremodo portatrici di speranza in un paese che si trova disastrato proprio per l´autoritarismo della stupiditá prepotente devo chiudere ... Avrei bisogno di uno spazio notevole che qui disgraziatamente non tengo.

alox

Gio, 15/06/2017 - 15:48

...non solo con il "russiagate" che ha portato all'ostruzione di giustizia ma anche in ogni altro problema ha visione semplicistiche e viene bloccato sistematicamente prima ancora dalla destra, che dalla sinistra...e Tuesday Sessions se ne e' lavato le mani dicendo: che Muller vada avanti nelle indagini, io non centro!

bobots1

Gio, 15/06/2017 - 15:49

Berlusconi non veniva dalla politica e lo hanno distrutto. Trump non viene dalla politica e lo distruggeranno. Non entro nel merito ma il metodo è schifoso.

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 15:58

@marcs, vedo che sei stato smentito, non ti preoccupare, è normale non avere cultura in certi ambienti. Io stesso ho dovuto smentire "Atlantico" in un medesimo passaggio, anche lui priva del necessario bagaglio culturale per padroneggiare il tema.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 16:20

Trump disgraziatamente non é Reagan ... Il protezionismo di Trump, come quello di tutti i regimi autoritari nasce come conseguenza della repressione delle capacitá creative interiori ... Ora é vero che Trump abbassando le tasse, come fece Reagan, dará impulso alla creativitá interna del paese ma quello che probabilmente succederá é che quando questa creativitá in piú avrá necessitá di svilupparsi fuori del paese si troverá ostacolata proprio dal protezionismo che é stato introdotto ... Il muro costruito per proteggersi dalle minacce esterne si trasformerá in una barriera asfisiante.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 15/06/2017 - 16:20

ottimoabondante , sei il prototipo dell'idiota patano ,ho dovuto fare il commento su altro articolo perche "il giornale" nasconde le notizie di cronaca della patania(ma tu questo non lo puoi capire ,sei troppo sfornito d'intelligenza) ieri voi finti polentoni , avete fatto la guerra per quattro formiche all'ospedale san paolo di napoli , mentre voialtri vivete gomito a gomito con le blatte . e tra i tanti chi ha abboccato ? il piu scemo ! a proposito di uova da dove le prendi le uova d'oro ; forse volevi dire uova di blatte ?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 15/06/2017 - 16:39

Quanto odio verso una persona! Ma che vi ha fatto? Detto da gentaglia che va nelle piazze a gridare razzisti e xenofobi a tutti quelli che non la pensano come loro, è proprio il colmo. Sono loro stessi i peggiori razzisti, con una verve molto subdola, da viscidi.

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 16:43

@cadaques, vede qual è il problema di vivere di forma senza ricercare la sostanza? Poi ci si sente in obbligo morale di dire qualcosa senza neppure averla capita. Tu sostieni che l'abbassamento delle tasse creerà lavoro interno, ma poi esso si bloccherà nell'espansione esterna. L'alternativa è non creare lavoro interno, quindi meno posti di lavoro. Tu stesso hai fatto un bilancio occupazionale ed hai concluso che è meglio avere più disoccupati. In attesa del prossimo pensiero incompleto, saluto cordialmente.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 15/06/2017 - 16:52

il mondo governato dai TRAFFICANTI DI UOMINI, speculatori finanziari, pedofili, gay, gender...zoofili

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 16:52

@cadaques, mi permetta di spulciare il suo pensiero. Reagan non aveva a che fare con la globalizzazione, ma solo con il "mercato occidentale" (nord America e Europa dell'ovest). Trump non è a capo di un regime totalitario. Se esistessero repressioni di capacità creative interiori, le colpe risiederebbero nel mandato democratico che ha preceduto Trump. Tra il lavoro per il mercato interno e il non lavoro per la competizione con il mercato esterno, la scelta non è difficile. Vede? La forma dialettica senza la sostanza culturale è nulla. Se lei fa il professore di filosofia, non si diletti in economia! Saluti

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 15/06/2017 - 17:01

CADAQUES esisteva il mercantilismo, che non ha bisogno di mondialismo, io posso essere, protezionista, perchè so farmi da solo le armi o i sanitari, e tu non lo sai fare, quindi mondialismo o no ti accorderai con me per scambi commerciali,tu magari mi fornirai lo "zinco", quello che si vuole bocciare è il concetto di "industria globale" tutto lo fanno tutti, e tutti non fanno il tutto, basta

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 17:04

Libertá75, sembra che hai fatto un bel pastrocchio autoritario per affossare la qualitá dell´abbassamento delle tasse che tu a priori ti neghi a riconoscere ... Questo perché sei uno statalista che vivi della creativitá degli altri ... É il protezionismo, che tu non citi, que arriverá ad asfisiare l´aumento di produttivitá indotto dall´abbassamento delle tasse.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 15/06/2017 - 17:06

Metodo pd procure italiano. The italian job...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 15/06/2017 - 17:11

Libertá75, é il protezionismo che é un atteggiamento di vigliaccheria autoritaria ... Invece che stimolare lo sviluppo delle forze interiori per vincere le difficoltá finisce per reprimere queste capacitá.

Ritratto di gioc.

gioc.

Gio, 15/06/2017 - 17:11

@CADAQUES ma smettila con questo atteggiamento da saccente, sei solo fuffa...

Atlantico

Gio, 15/06/2017 - 17:15

@elkid, capisco che sei ossessionato dal fatto che una Sola Oscura Mano Internazionale Sionista/Massonica/Mondialista sia all'origine di tutte le disgrazie capitate al pianeta dal diluvio universale ad oggi ma, se tu non conosci il principio della separazione dei poteri dello stato in una moderna democrazia, non è colpa mia. Per le tue personali ossessioni tipo NWO e simili scemenze, invece, posso solo consigliarti di rivolgerti al CIM competente per la tua zona di residenza, ove dovrebbero essere in grado di aiutarti. Auguri

Libertà75

Gio, 15/06/2017 - 17:29

@cadaques, rilassati, vedo che se ti prende il nervoso ne risente la qualità del tuo italiano. Il protezionismo non è un atteggiamento di vigliaccheria autoritaria. Trattasi solo di crescita economica e costruzione di posti di lavoro. Quello che tu auspichi invece è un mercato unico mondiale, dove per assurdo il lavoratore "occidentale" dovrebbe competere con il lavoratore "orientale", il cui costo del lavoro è la metà se non a volte un decimo. Dato che non esiste un salario unico mondiale, va di pari passo che i governanti debbano cercare di tutelare i propri cittadini e la propria capacità produttiva e lavorativa. Lo so, lei è un montiano, io no. Punti di vista diversi. Comunque, lei non argomenta con passaggi logici, ma solo con giudizi senza arte né parte. Come detto, non ha sostanza, solo forma. Saluti

glasnost

Gio, 15/06/2017 - 17:39

@odisseus : +1

marcs

Gio, 15/06/2017 - 17:58

Allora caro libertà 75 mi ripeto: il sistema elettorale americano, si basa su una evidente disparità poiché i grandi elettori hanno un peso molto maggiore del popolo, che come ho detto, aveva votato come presidente la Clinton. Il mentecatto ed è lì solo perché ricco, ma questo anche la Clinton, e populista fino alla vergogna. Comunque i numeri dei voti parlano chiaro. Nessuna smentita da parte di voi poverelli lettori del giornale.

gian paolo cardelli

Gio, 15/06/2017 - 18:08

marcs, devo darle una brutta notizia: TUTTI i Presidenti USA sono stati votati con quel criterio, anche i cialtroni come Obama e Clinton...

Anonimo (non verificato)

MarcoE

Gio, 15/06/2017 - 18:39

Questo Trump è un pasticcione ma dietro questi giochetti ci sta il vizietto della solita sinistra sedicente democratica (per carità quella italiana post comunista è molto peggio ... ) di ribaltare gli esiti delle elezioni!

Atlantico

Ven, 16/06/2017 - 09:59

Dunque se gli organi deputati ad individuare eventuali reati, quando fanno il loro lavoro stanno invece effettivamente cercando di "ribaltare gli esiti delle elezioni". E poi mi chiedono perché legg oi commenti dei lettori del Giornale !

Libertà75

Ven, 16/06/2017 - 11:43

@¤marcs, come a suo tempo altri non informati sinistri, le rispiego che negli USA c'è il federalismo, questo implica solo 2 tipi di sistemi elettorali. Uno quello presente negli USA con delegati nazionali tutti monocolore oppure come in Europa in proporzione in ogni Stato. Il sistema elettorale attuale (per tua incommensurabile mancanza di cultura) è difeso dai democratici, i quali sono più forti negli stati più popolosi ossia con più delegati. Infine, il tuo appunto avrebbe valore soltanto se esistesse un collegio unico di unione, ma sarebbe la negazione del federalismo (fondante degli USA). Sperando di aver colmato minimamente il tuo vuoto culturale, ti saluto cordialmente.

Libertà75

Ven, 16/06/2017 - 13:34

@marcs, secondo invio, il problema è che lei manca di cultura. Quello del confronto assoluto delle preferenze si può fare soltanto in presenza di un collegio unico nazionale. Ma, essendoci il federalismo negli USA, non si possono confrontare prestazioni assolute. L'alternativa sarebbe dei delegati proporzionali ai voti, ma sono i dem che perderebbero più delegati, essendo più forti negli stati più popolosi. Quindi hai dimostrato solo di non sapere. Ciao ciao

Garombo

Sab, 17/06/2017 - 00:13

Buffone razzita sbruffone patentato.