Protesta anti-rom a Casal Bruciato: "Raggi assegni l'alloggio agli italiani"

Nuove proteste a Casal Bruciato, il quartiere che si è ribellato all'assegnazione di un alloggio popolare ad una famiglia rom e che ora chiede venga dato agli italiani

Tra i palazzoni grigi di Casal Bruciato sventolano i tricolori. Li hanno portati i residenti per rivendicare un’appartenenza ed un diritto: quello alla casa. Mentre Noemi, la giovane mamma che ha occupato l’alloggio popolare di via Facchinetti, assegnato dal Comune di Roma ad una famiglia rom, si prepara a trascorrere la sua prima notte in tenda. A casa di sua nonna, appena 30 metri quadri da dividere in otto, non vuole tornare. Dice che lo fa per suo figlio che ha sei mesi ed è nato in una città che non concede riscatto. “I diritti qui te li devi conquistare, ed io non mollo”, ci aveva confidato a denti stretti questa mattina. Lei e la sua famiglia adesso possono contare su cento mamme e sul sostegno di un intero quartiere.

Tutto è cominciato il giorno prima, con l’assegnazione di uno degli alloggi dell’immobile ad una famiglia rom. Tanto è bastato per trasformare il quartiere in una nuova Torre Maura. “Quando gli inquilini si sono accorti dell’arrivo dei rom – spiega Stefania – si sono spaventati ed hanno reagito”. Una reazione spontanea, di pancia, che si è tradotta in una barricata di cassonetti ed ha avuto l’effetto desiderato: i nomadi hanno rinunciato all’appartamento. Nel giro di qualche ora gli è subentrata Noemi che, per poco, ha potuto assaporare il sogno di una casa tutta sua. Ha desistito quando sono arrivate le forze dell’ordine: “Temevo che potessero togliermi il bambino”, dice.

La sua nuova sistemazione è una tenda verde, montata nel giardino condominiale di via Facchinetti. “L’alloggio lo devono dare a lei, non ai rom”, dicono in coro gli inquilini, determinati a rimanere al suo fianco finché non otterranno quello che chiedono. “Se non vogliono che scoppino nuove rivolte – avverte Fabrizio Montanini, coordinatore dei comitati di zona – diano una casa a Noemi”. L’assessorato al Patrimonio di Roma Capitale, però, ha già fatto sapere che “le assegnazioni delle case di Edilizia residenziale pubblica vengono effettuate esclusivamente e scrupolosamente in base alla disponibilità degli immobili e all’ordine delle graduatorie, escludendo qualsiasi discriminazione, possa essere essa di etnia, credo o religione”.

Una spiegazione che non convince gli abitanti di Casal Bruciato. “Noi italiani – dice Maria – non abbiamo diritto a nulla, siamo stanchi di vivere da invisibili, a casa di nonni e genitori con mille figli”. Le fa eco una donna sulla settantina: “Mio figlio dorme dentro ad una macchina, come un barbone, a lui la casa popolare non gliela danno, ci sentiamo discriminati”. “Voglio essere libera di entrare ed uscire senza paura, senza dovermi guardare le spalle”, spiega Anna Rosa che vive nell’appartamento di fronte a quello assegnato ai rom. “La Raggi li portasse in Campidoglio i nomadi, noi qui non li vogliamo perché c’è già abbastanza degrado”, aggiunge un’altra inquilina suggerendoci di andare a vedere cosa succede in via Tommaso Smith. “Lì c’è un insediamento rom che non viene mai controllato, i nomadi sono allo sbando, bruciano, rubano, rovesciano la spazzatura a terra, siamo stanchi”.

A spalleggiare i residenti, anche questa volta, c’è CasaPound. Ma guai a bollare la protesta come “razzista” o “fascista” perché Paolo, strillando, vi risponderà: “Non siamo razzisti, in questo condominio ha vissuto per sei mesi una famiglia siriana e non è volata una mosca, qui c’è gente di destra e di sinistra”. Dal canto suo, Davide Di Stefano, dirigente nazionale delle tartarughe frecciate, sposa in pieno le ragioni della piazza. “Se si ritrovassero dieci rom sul pianerottolo – ragiona – penso che protesterebbero pure ai Parioli dove però non viene mai portato nessuno. Il problema è sempre e soltanto dei quartieri popolari come Casal Bruciato o delle periferie come Torre Maura”.

Commenti

veromario

Mar, 09/04/2019 - 08:19

hanno ragione da vendere avanti così.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 09/04/2019 - 08:23

finalmente si cambia!! era ora..alla facciaccia degli europeisti che volevano conservare le "tradizione e culture" dei rom!! ma non hanno specificato qual isiano!! a maggio i lpopolo vi dara' un calcio sonoro che se lo ricorderanno...gli ubriaconi

giovanni951

Mar, 09/04/2019 - 08:39

chissá come mai nessuno vuole i rom vicino a casa......comunque, quei cittadini hanno fattobene a protestare in quel modo.

dredd

Mar, 09/04/2019 - 08:51

Tutti fascisti? Tutti razzisti? O semplicemente ne hanno tutti piene le scatole?

Ritratto di pigielle

pigielle

Mar, 09/04/2019 - 09:08

Ma se per definizione e, di fatto, sono "nomadi" che ca..volo ci fanno di un domicilio "fisso"?. ....l'importante è ottenerlo così..aggratis, per poi, come di solito fanno, subaffittarlo.....W L'TALIA ..ma è logico che non scapperanno mai...

jaguar

Mar, 09/04/2019 - 09:11

Hanno ragione, la sinistra deve smetterla di aiutare in ogni modo migranti e rom, relegando gli italiani in un angolo. Di questo passo le periferie diventeranno un campo di battaglia, e la responsabilità sarà soltanto della sinistra.

trasparente

Mar, 09/04/2019 - 09:11

Cari politici, cercate un paesino sperduto di montagna, di quelli quasi disabitati che offrono gratis le case, trasferite lì i Rom e tutti vivranno felici e contenti nelle loro case, senza più problema di furti, sporcizia e degrado.

Ritratto di Grifona

Grifona

Mar, 09/04/2019 - 09:16

Prima chi paga o a sempre pagato le tasse, versato contributi, partecipando attivamente alla spesa sociale di questo paese, vivendo nella legalità da sempre. Non ci sono SE, non ci sono MA. PRIMA GLI ITALIANI!!!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 09/04/2019 - 09:21

PRIMA GLI ITALIANI VERI!!!!!

Totonno58

Mar, 09/04/2019 - 09:23

Sì, però ora si sta esagerando...si vogliono sgombrare i campi rom per le condizioni in cui queste persone vivono?Ok...e dove li sistemiamo?E poi...chi ha detto che non sono italiani?!?

dagoleo

Mar, 09/04/2019 - 09:24

perchè i rom non se li mette nella via dove abita lei ai Parioli? Perchè l'appartamento non glielo trova là?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 09/04/2019 - 09:27

questo bisognerebbe farlo in tutte la grandi e piccole città italiane! ma non solo contro i rom ma contro tutti gli stranieri!

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Mar, 09/04/2019 - 09:39

Bisogna mandarli al confino,che ritornino in Romania o da dove sono venuti

AndyFay

Mar, 09/04/2019 - 09:44

Ci rendiamo conto in che situazione siamo finiti? Italiani, teniamo duro!

Holmert

Mar, 09/04/2019 - 09:52

Sono tanti i commenti su questi episodi. I più accesi, sono quelli di certi religiosi, come un tal priore che ha sparato ad alzo zero, contro i manifestanti,ideologicamente razzisti ed empi, che mostrano tanto livore contro i rom. Potrebbe essere un ragionamento giusto, ma è troppo in superficie. Bisogna capire che le proteste arrivano da lontano, bisogna capire la fama che si portano dietro i rom. Sono forse cittadini onesti e laboriosi o è gente che vive alla giornata commettendo reati contro il viver civile? Nessuno vorrebbe una banda di persone poco perbene come coinquilino o vicino di casa. Agli onesti nulla viene rifiutato e negato. Amor con amor si paga e non sempre si è propensi a prendere schiaffi sulle guance, che sono solo due.

SAMING

Mar, 09/04/2019 - 09:58

@L’assessorato al Patrimonio di Roma Capitale, però, ha già fatto sapere che “le assegnazioni delle case di Edilizia residenziale pubblica vengono effettuate esclusivamente e scrupolosamente in base alla disponibilità degli immobili e all’ordine delle graduatorie, escludendo qualsiasi discriminazione, possa essere essa di etnia, credo o religione”.Quanto dice l' assessore se è corretto sotto il profilo etico non lo à sotto il profilo pratico perchè non bisogna dimenticare che se vi è una ricchezza anche minima in Italia a formarla sono stati gli italiani stessi ai quali va riconosciuto un diritto di prelazione. E' chiaro che il mussulmano o il rom potrebbe avere più figli perchè meno autoresponsabile della quantità di figli che mette al mondo e ciò lo farà salire in graduatoria.

Cheyenne

Mar, 09/04/2019 - 10:05

BENISSIMO FINALMENTE IL POPOLO COMINCIA A MUOVERSI. PRIMA GLI ITALIANI

titina

Mar, 09/04/2019 - 10:14

giusto prima agli italiani: siamo in italia. ma sarebbe giusto dare la casa solo temporaneamente, finchè vive la persona che ha diritto, veramente povera. Quante volte ho visto che alla morte dei genitori che avevano avuto la casa, i figli che avevano già una casa propria, hanno avuto in eredità la casa del genitore. Non è giusto: quella casa deve tornare al Comune che dovrebbe darla a un'altra persona povera.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mar, 09/04/2019 - 10:14

FIORI SULLA VITA, LA RAGIONE E LA POESIA...fiori sugli ultimi che non si fanno la guerra tra di loro.. Sono oltre 7 milioni gli immobili/case vuote 1 su 5 di quelle abitate...agibili, non agibili, diroccate probabilmente in parte le ultime due...comunque credo sia IMPRESSIONANTE che siano così tante, se andassimo a indagare la superficie occupata inutilmente da quelle diroccate e inagibili spesso cascine in mezzo ai campi che potrebbe essere riutilizzate per le coltivazioni o se riadattate per rimettere in moto le coltivazioni magari biologiche sarebbe un bella cosa...ci sarebbe una casa per i ROM, i migranti, gli italiani DOC...umani tutti... per fare cose buone per tutti...invece di farsi la guerra tra gli ultimi. UNA SOLA TERRA UNA SOLA UMANITÀ....

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 09/04/2019 - 10:17

sta finendo l'epoca in cui il popolo subisce passivo i soprusi ideologici della sinistra e torna padrone del proprio territorio, delle risorse che produce dei servizi che gli spettano.- decenni di indottrinamento pseudo buonista svelano oggi il grande inganno.- immigrazione incontrollata per minare il tessuto sociale del paese, la proletarizzazione forzata e diffusa in vista del grande salto....l'antico sogno della sinistra da realizzare non più attraverso una rivoluzione armata, ma mediante una lenta trasformazione del Paese nelle sue dinamiche sociali. ancor prima che economiche e politiche.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Mar, 09/04/2019 - 10:18

ERA ORA CHE I ROMANI SI SVEGLIAVANO, SPERIAMO SI SVEGLINO ANCHE QUELLI DELLE CITTA' DOVE L'INUTILE SINDACO "ORLANDO IL FURIOSO" VUOL FAR SBARCARE TUTTI I MIGRANTI DELL'AFRICA, ASIA E SUD AMERICA, MA CHE CI DEVE FARE

Pippo3

Mar, 09/04/2019 - 10:48

"si vogliono sgombrare i campi rom per le condizioni in cui queste persone vivono?Ok...e dove li sistemiamo?" divertente Totonno, se tu rimani senza casa qualcuno di preoccupa di dove sistemarti? No finisci a dormire in macchina o sotto un ponte, perché dovremmo preoccuparci di dove sistemare i rom?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 09/04/2019 - 11:12

I ROM sono Italiani (solo una minoranza non lo è) e da più generazioni. Sono un’etnia come i Ladini delle Dolomiti o gli Albanesi in Sicilia. Parlare di loro come di stranieri manifesta ignoranza o malafede. In quanto Italiani, hanno doveri e diritti di tutti i cittadini italiani. Discriminarli per l’appartenenza alla loro etnia non ha alcuna base identitaria nazionale ma è solo manifesto razzismo. Le periferie sono piene di assassini, ladri, scippatori, accattoni e di questo rispondono alla legge secondo le norme in vigore: la persecuzione delle minoranze è un semplice atto di viltà.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 09/04/2019 - 11:17

I ROM italiani sono per la stragrande maggioranza di nazionalità italiana. Hanno lo stesso diritto di tutti gli altri Italiani indigenti a ricevere aiuti per sostentamento e alloggi. C’è chi li vorrebbe in campi circondati da mura invalicabili in posti sperduti fuori dalle città: questi si chiamano “ghetti” e rimandano a tristi pagine della storia europea. Eliminare i campi nomadi va bene ma poi bisogna dare a chi è bisognoso un tetto dove stare.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 09/04/2019 - 11:23

Ora che i nazi-fascisti hanno scoperto che anche i ROM sono Italiani, gli toccherà discriminare gli abitanti del suolo italico non più in base alla nazionalità ma all’etnia di appartenenza (e in Italia ve ne sono tante): Ladini, Albanesi, Occitanici, Carnici, Friulani, Grecanici, Rom vedranno revocata la cittadinanza e dichiarati apolidi.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Mar, 09/04/2019 - 11:27

Quindi i commentatori sono tutti per l'occupazione delle case? Basta essere italiani?

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Mar, 09/04/2019 - 12:02

Coloro che si professano anti-razzisti, che hanno governato fino a ieri grazie al comunista NAPOLITANO, QUALI PROBLEMI HANNO RISOLTO? Nessuno. I comunisti anti-razzisti hanno fatto fallire la Russia. Credete forse che non ci riescano con la piccola Italia? Ah già, ma loro NON SONO RAZZISTI. Stanno solo creando un NUOVO GULAG qui in Italia.

jaguar

Mar, 09/04/2019 - 12:04

DemetraAtenaAngerona, bella la sua poesia-predica, peccato che la realtà sia tutt'altra cosa. Vada a recitare i suoi poemi in qualche periferia, tanto per sentire cosa ne pensano gli abitanti.

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 09/04/2019 - 12:04

@stamicchia.. non è l essere o non essere stranieri il problema per costoro.. ma è il contributo che questa etnia dà alla società. i servizi di cui usufruiscono da chi sono PAGATI..? quanto hanno contribuito alle risorse del Paese..? diritti e doveri certo.. ma siamo anche stufi di mantenere gente che a vario titolo ignora le esigenze di una collettività e vive grazie al Lavoro altrui. saluti.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mar, 09/04/2019 - 12:25

@stamicchia 11.12 11.17 11.23 COMPLETAMENTE D'ACCORDO CON LEI. PAROLE SANTE!!!! UNA SOLA TERRA UNA SOLA UMANITA.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mar, 09/04/2019 - 12:30

FIORI SULLA VITA, LA RAGIONE E LA POESIA...fiori ROM E SUI DISCRIMINATI e gli umanisti. C'era una bambina di circa 10 anni che viveva nel Polesine nel 1951 e che a causa dell'alluvione assieme alla sua famiglia emigrò in Piemonte. La bimba dagli abitanti del posto, anche adulti, veniva così apostrofata in dialetto piemontese che traduco “Gente cattiva che vi riproducete come i conigli, ladri” e non si affitta e non si dà lavoro ai veneti...qualcuno però fu con lei e con la sua famiglia gentile, umano e solidale tra questi la chiesa, la Casa del Popolo e un liberale illuminato, così lavorando e con una casa fece “successo”. Credo che senza quelle umane persone, ladra lei e la sua famiglia lo sarebbe diventata. UNA SOLA TERRA UNA SOLA UMANITÀ.

Treg

Mar, 09/04/2019 - 12:57

Stamicchia, io non ho mai visto un Ladino, Grecanico, Friulano ecc. chiedere elemosina o peggio borseggiare i passanti. Di Rom ne ho visto tanti farlo. Come la mettiamo ?

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 09/04/2019 - 13:27

Ma per la miseria visto che delle conduttrici televisive come la Bortone e la Merlino ci marciano quotidianamente, mandiamo i rom e accampiamoli davanti a casa loro e dimostrassero veramente il loro interesse per loro

Malacappa

Mar, 09/04/2019 - 14:12

Io saprei dove mandarli e vedrete che con un mese di zingari sotto casa anche i piu'buoni radical chic cambieranno idea

Divoll

Mar, 09/04/2019 - 14:25

E' assolutamente falso che le case vengano assegnate secondo l'ordine prestabilito e senza discriminazioni! I discriminati sono gli italiani, gli anziani soli, le giovani famiglie e perfino i disabili. Famiglie straniere passano sempre avanti. Non si puo' continuare cosi', anzi, bisogna smetterla di dare case popolari agli stranieri tout court. Ma che siamo, Bengodi?

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 09/04/2019 - 14:29

I Rom sono un problema sia che siano a Roma o in altre località, inutile e strumentale girarci intorno senza soluzioni applicabili e permanenti. Detto questo anche i Romani hanno le loro responsabilità per aver sottovalutato un problema annoso che la politica "Romana e Nazionale" trascina da anni e manifestano per accogliere immigrati clandestini.

rokko

Mar, 09/04/2019 - 14:44

I fatti sono che la signora in oggetto non ha mai fatto domanda di assegnazione di casa popolare, quindi non ne ha diritto. Il ripristino della legalità di cui qui si parla consiste nel prendere una donna con la bambina piccola, che fino al giorno prima non aveva nemmeno mai pensato di farsi assegnare una casa popolare, ed occupare forzosamente l'alloggio popolare.

Reip

Mar, 09/04/2019 - 14:55

FINALMENTE ERA ORA! ERA ORA CHE QUALCUNO INIZIASSE A PROTESTARE E A COMBATTERE PER I PROPRI SACROSANTI DIRITTI!

rosolina

Mar, 09/04/2019 - 15:26

su un giornale ho visto un articolo e questo diceva "siete ignoranti sui rom"...e se anche uno sapesse tutto a che cosa varrebbe questo? Perché il fatto di sapere chi sono, che cultura hanno deve essere una cosa che giustifica i tanti che si fanno beffe di chi vive con sacrifici? una cultura diversa cosa può giustificare? Le nostre leggi non sono forse state fatte per regolare la vita comune delle persone? E non sono i rom come tanti altri parte della nostra società quando sono nel nostro Paese? Forse camminano su marciapiedi diversi? No, ma non ci é permesso far valere alcun diritto, come se di fatto tutti gli altri fossero inferiori...

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 09/04/2019 - 15:41

Treg, io ho visto tanti Italiani chiedere elemosina (si chiamano “poveri”, forse le faranno schifo ma non sono contagiosi) o peggio borseggiare i passanti, molto più che i ROM. Come la mettiamo?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 09/04/2019 - 15:46

Egregio sig. Elvissso mi dica: ROM, Occitanici, Carnici, Albanesi, Grecanici, Sardi e tutte le etnie presenti in Italia, sono forse Italiani finti?