Monte Bianco: l'Aiguille Croux blocca Enzo Salvi

Secondo appuntamento con Monte Bianco, l'adventure-show di Rai Due condotto da Caterina Balivo: impegnato nel suo secondo Duello Verticale, Enzo Salvi si ferma sull'Aiguille Croux e viene eliminato

montebianco.rai.it

Secondo appuntamento con Monte Bianco, l'adventure-show di Rai Due condotto da Caterina Balivo. E seconda eliminazione per il cast di VIP pronti a diventare provetti alpinisti: dopo Arisa, uscita dal programma la scorsa settimana, è ora il turno di Enzo Salvi. La Cordata Blu, infatti, si ferma nel Duello Verticale e non conquista la vetta dell'Aiguille Croux, a causa di gravi problemi di crampi. Una prova comunque ottima per l'attore, il quale ha dato il massimo nonostante già provenisse dal precedente e faticoso confronto proprio con Arisa.

La puntata si apre con la consueta Prova Vertigine, quella pensata per ottenere un vantaggio nella successiva Prova Classifica. Svegliati di primo mattino da Simone Moro, gli alpinisti dovranno indossare costumi e mute per una sfida di torrentismo: dovranno scendere per circa 500 metri seguendo il corso naturale di un torrente, tra scivoli naturali e tuffi, recuperando durante il percorso dei moschettoni immersi in acqua. Non solo una prova a tempo, ma anche di astuzia: ogni moschettone recuperato, infatti, riduce di cinque minuti il tempo totale di percorrenza. La più preoccupata appare inizialmente Dayanne Mello, unica del gruppo a non sapere nuotare, ma la ritrosia iniziale ha subito lasciato spazio a una grande grinta, per una prova di alto livello. A rallentare la discesa, però, la perdita del sacchetto con i moschettoni, poi recuperata grazie anche alla Cordata Rossa di Gianluca Zambrotta. Velocissima discesa per la Cordata Gialla di Stefano Maniscalco e Anna Torretta, ma anche buona performance per Filippo Facci e Andrea Perrod. Qualche difficoltà, invece, per Jane Alexander e Roberto Rossi, così anche per Enzo Salvi e Alberto Miele. Al termine della gara, la squadra più veloce sarà inizialmente quella della Cordata Gialla ma, considerato come abbiano recuperato solo tre moschettoni, finiranno in ultima posizione per lasciare la vittoria ai rivali della Rossa. Per i perdenti, una notte da trascorrere sospesi su una portaledge a 40 metri d'altezza, penalità poi rimandata per le condizioni atmosferiche sfavorevoli. Per i vincitori, invece, una doccia calda in un hotel locale, con tanto di barbiere e parrucchiere a disposizione.

Decisamente intensa è stata la Prova Classifica: una lunga scalata, con dei tratti ferrati, per raggiungere il rifugio Monzino a 2.590 metri. Gianluca Zambrotta e Giovanna Mongilardi, in qualità di vincitori del vantaggio, potranno assegnare una penalità ai rivali: portare cinque litri d'acqua - 2.5 litri a testa - fino al traguardo finale. Scelgono la Cordata Blu, tra lo stupore dei compagni, perché convinti Salvi sia ormai agli sgoccioli delle forze. Giunti a un traguardo intermedio, gli alpinisti ritrovano Caterina Balivo che, armata di rocce, proporrà l'ultima fatica prima del traguardo finale. Ogni cordata, infatti, dovrà scegliere un masso, a seconda del peso, a cui corrisponde a un premio per il campo base. Zambrotta opta per 12 bistecche, Dyanne Mello per uno stereo, Filippo Facci per una bottiglia di champagne e così via. La sfida sembra aver penalizzato soprattutto Jane Alexander, in debito d'ossigeno data l'altitudine, ma l'attrice riuscirà comunque a salvarsi arrivando con sei minuti di vantaggio rispetto alla Cordata Blu. Al Duello Verticale finisce quindi Salvi, che si batterà con Stefano e Anna designati invece da Zambrotta.

Il Duello Verticale della settimana è ancora più impegnativo del precedente, quando proprio Salvi era riuscito a battere Arisa nel raggiungere la vetta delle Pyramides Calcaires. Gli sfidanti dovranno infatti raggiungere la vetta dell'Aiguille Croux, tra lunghe camminate e scalate di pareti decisamente impervie. A metà percorso, però, Enzo viene colto da violenti crampi e, nonostante cerchi comunque di continuare nella prova, sarà costretto poco dopo ad abbandonare. La Cordata Gialla raggiunge invece la vetta: data la prova particolarmente stancante, sarà lo stesso Stefano a complimentarsi con il suo rivale per la grande determinazione dimostrata.