Cellulari, con Zeromibile telefonare dall'estero costa meno

Zeromobile è il primo operatore globale di telefonia mobile attivo in Italia e rivolto a chi viaggia all'estero per business e turismo. La società guidata dal fondatore Manuel Zanella conta di vendere quest'anno 50 mila sim grazie alla moltiplicazione dei punti vendita che diventeranno circa 2000 entro la fine dell'anno. I punti vendita sono le agenzie di viaggio dato che le sim di Zero Mobile sono dedicate a chi viaggia all'estero. Il meccanismo è semplice. Chi si reca all'estero deve soltanto inserire la sim Zeromobile nel telefono, potendo così da subito effettuare e ricevere chiamate con in più la possibilità di essere raggiungibile anche sul proprio numero, mentre si è in viaggio. Con questa sim è possibile risparmiare fino all'85% sulle chiamate effettuate dall'estero, fino al 100% su quelle ricevute e circa il 40% sugli sms inviati. Volendo si può comperare anche uno Zerofonino, un cellulare dual sim umts distribuito dalla società in grado di ospitare due sim attive, ossia quella originaria e quella di Zeromobile. Sul sito www.zeromobile.it ci sono tutte le tariffe praticate. Tanto per fare un esempio da Antigua chiamando con Tim in roaming si spenderebbero 3 euro al minuto mentre con la Sim Zeromobile si spendono 69 centesimi. Per le chiamate ricevute non si spende nulla mentre gli sms costano 39 centesimi contro 89. Il costo della sim e di una ricarica da 10 euro è di 19,90 euro.
Sul fronte finanziario Zeromobile è partecipata al 75% da due società di Ennio Doris: H Invest e H Equity. Il 15% è nelle mani dello stesso Zanella. Il 10% è di Petrovilla Group società petrolifera di Daniele Bortolotti, cognato di Zanella.