Inter crocerossa: Milito e Cambiasso fuori 20 giorni

Per l'attaccante prevista una guarigione più lunga. Tutti e due contano di esserci per il derby di metà novembre. Il centrocampista anche per il ritorno di Champions con il Tottenham. Intanto Moratti sogna Messi, pescato in gita a Milano

Fuori altri due. Siamo arrivati a venti: 20 infortunati per questioni muscolari. L'Inter deve fare i conti con i ricordi di una stagione vincente, ma stressante e con un mondiale che ha lasciato tracce. Ci vorranno venti giorni almeno per rivedere Milito e Cambiasso. Più grave Milito di Cambiasso ma per entrambi è stiramento anche se il rientro dei campioni neroazzurri è questione di settimane e non di mesi: è l'esito degli esami medici eseguiti oggi che hanno diagnosticato per entrambi i calciatori uno stiramento al bicipite femorale della gamba sinistra.
Per Milito si tratta di uno stiramento tra il primo e il secondo grado al bicipite femorale della gamba sinistra, mentre per Cambiasso stiramento di primo grado al bicipite femorale della gamba sinistra. In ogni caso - spiega l'Inter - il recupero è questione di settimane e non di mesi e i due argentini saranno certamente in campo anche prima del mondiale dei club, che si terrà dall'8 al 18 dicembre. Probabile che Cambiasso riesca a rientrare per la sfida di ritorno con il Tottenham. Il centravanti, invece, tenterà di ripresentarsi nel derby del 14 novembre. L'amichevole in Giappone dell'Argentina ha provocati seri danni ai giocatori della nazionale. Bolatti ha accusato problemi e pure Tevez è rientrato a Manchester con dolori.
Per Benitez è emergenza continua, soprattutto in attacco. Eto'o è rimasto l'unica punta a origine controllata. Pandev dovrebbe riprendersi, ma continua ad avere remore. Notizie migliori per il centrocampo: Thiago Motta potrebbe essere convocato per la partita di domenica a Cagliari. Zanetti sarà certamente presente. E Moratti si è lasciato sfuggire la battuta che dal cuor gli viene. «Volete un rinforzo? Bene, io vorrei Messi». L'argentino è l'eterno pallino del presidente interista. In spagna sono già preoccupati e fanno notare che, per conquistarlo, servono 250 milioni di euro da girare al Barcellona. Intanto Messi ha passato una giornata e mezza a Milano, per questioni pubblicitarie. Solo? Forse.