Addio alla professoressa che raccontò l'incontro fra Roma e il cristianesimo

La morte di Marta Sordi, studiosa delle origini del cristianesimo e docente di storia greca e romana all'Università Cattolica

Aveva tolto Gesù Bambino dal presepe. E aveva collocato il Cristo sul fondale della storia: la storia della Palestina di duemila anni fa. Marta Sordi, professore emerito all'Università Cattolica, è morta domenica all'età di 83 anni. La Sordi ha insegnato per una vita storia greca e romana alla Cattolica, ma per il grande pubblico il suo nome resta legato ad un libro fondamentale: I cristiani e l'impero romano che la Jaca Boook aveva pubblicato negli anni Ottanta e rilanciato nel 2004. In quel testo, denso ma chiaro, la Sordi porta per mano il lettore a ritroso nel tempo e gli fa incontrare Cesare Augusto e Tiberio, Pilato e i sommi sacerdoti del Sinedrio. Gli avvenimenti, quelli che hanno spaccato in due la storia del mondo, ci sono noti attraverso i vangeli e un po' tutti li conosciamo e nello stesso tempo, succubi di una mentalità razionalista di matrice illuminista e prima ancora protestante, tendiamo a leggerli come favole, senza ancorarli ai fatti e ai personaggi storici. Esattamente il contrario della ricerca avviata dalla studiosa livornese: capace di raccontare per filo e per segno il processo a Cristo, le resistenze di Pilato, le accuse di bestemmia dei componenti del Sinedrio, la morte di Nostro Signore forse il 7 aprile del 30. E poi la diffusione, sorprendente, del cristianesimo in quell'impero romano che lei, storica rigorosa ma anche appassionata divulgatrice, paragonava un po' all'impero americano di oggi. Nel giro di trecento anni, pur fra persecuzioni e massacri, il cristianesimo sfonda: un fatto è certo, per lei la Chiesa primitiva non ha paura del potere, non è una chiesa povera come certa mentalità di sinistra ci ha fatto credere. E ala fine di questo percorso, Costantino si converte forse per un'esperienza mistica. Certo, non per convenienza. Anche le se la storica ci mostra come Costantino, in linea con il padre Costanzo Cloro, praticasse il culto del Dio solare: il summus deus. Il Sole, onnisciente e onnipotente. In sostanza, la cultura pagana più avanzata era già arrivata ad una raffinata forma di monoteismo. Ma la scoperta di Cristo cambia tutto. I funerali di Marta Sordi si sono svolti ieri a Milano nella basilica di Sant'Ambrogio.