Africa, nasce il santuario della natura più grande del mondo

Si tratta del Parco Transfrontaliero Kawango-Zambesi. Attraverserà per oltre 100 mila chilometri quadrati l'Africa subsahariana, toccando cinque stati. Un investimento di 100 milioni di dollari che verrà presto arginato dai turisti in arrivo in Africa con i Mondiali di Calcio del 2010

Nairobi - Alla fine l'accordo è stato trovato. Ed entro un paio di anni sarà aperto il più grande parco naturale del mondo. Si chiamerà Parco Transfrontaliero Kawango-Zambesi e si estenderà in orizzontale nell'Africa subsahariana.

Attraverserà cinque stati Il parco attraverserà ben cinque nazioni - Botswana, Angola, Namibia, Zambe e Zimbabwe. Insomma un parco naturale esteso per oltre 100 mila chilometri quadrati, senza restrizioni di movimento nè per animali nè per turisti. Agli amanti dell'Africa è data un altro motivo per tornare nel Continente Nero: nel nuovo gigantesco parco, potranno confrontarsi con flora e fauna sconfinata e diversa, e potranno lasciarsi affascinare da paesaggi mozzafiato dove l'intervento dell'uomo è ancora invisibile.

100 milioni di dollari Il parco più grande del mondo non poteva che richiedere un investimento molto elevato: 100 milioni di dollari. Ma si calcola che lo sforzo economico sarà ripagato in tempi brevi visto il gran numero di turisti che nel 2010 si recheranno in Africa per seguire la Coppa del Mondo di calcio, che si terrà nella Repubblica del Sudafrica.

Il confronto con il Great Limpopo Anche se è difficile determinare con esattezza la portata esatta dell'iniziativa - l'accordo per la sua realizzazione è arrivato solo qualche giorno fa a Gaborono, capitale del Bottswana -, il Kawango-Zambesi mira ad essere un'opera gigantesca, notevolmente superiore a quello che attualmente è considerato il parco naturale più grande dell'Africa, il Great Limpopo: con i suoi 35 mila chilometri quadrati, attraversa Sudafrica, Monzambico e Zimbabwe, ricco di animali e con almeno 300 diverse specie di alberi.