All’Hungaria un torneo al femminile con 56 coppie

Tullio Prata

Le carte e la bravura a giocarle hanno portato a premio più di una coppia, ma l’intuizione e il coraggio di Daniela Bicchieri ed Elena Venditti che hanno organizzato la manifestazione sono i protagonisti del torneo federale Regine di Picche, giocato nelle sale dell’Hungaria Roma Bridge. Un evento tutto al femminile, riservato alle signore del bridge, che ha raccolto al tavolo verde ben 56 coppie. In n/s due ragazzine, Eleonora Carfagna e Paola Celio hanno messo in fila campionesse e giocatrici ben più esperte, salendo sul gradino più alto del podio con un buon 63.66 per cento che ha lasciato più indietro di due punti percentuali Luisa Bersani e Cristina Dinari, seconde con il 61.28. Molto lontane Annarita Nicoletti e Luisa Triulzi terze con 56.25, poi Scordamaglia-Pace 56.21, Pittorri-Combino 56.00 e Bernetti-Martino 55.22. In e/o, dopo aver organizzato, è andata anche in premio Daniela Bicchieri assieme a Daniela Giubilo, prime con uno strepitoso 73.06 per cento che ha lasciato a oltre dieci punti Sara De Rosa e Annamaria Cioffi seconde con il 62.41. Un terzo strepitoso posto con il 61.23 per Emanuela Pramotton e Federica Mancinelli addirittura ancora allieve. Alle loro spalle Lombardi-De Simone 60.74, Giarnella-Calderini 60.36 e Brucculeri-Marzano 59.20.