Allegri: «Ibra e Seedorf, che campioni!»

Il tecnico pensa di recuperare lo svedese in Champions. «Quando c'è, si sente». Sull'olandese: «Bisognerebbe clonarlo: un esempio per i giovani. Non si arriva per caso a 35 anni nelle sue condizioni»

Ibra e Seedorf, ecco i due amuleti del Milan di Allegri. Settimana difficile: domani la Champions, domenica la Juve. Servono quelli che contano e fanno la differenza. Appunto, leggere le parole di Allegri per capire. «Ibra sta discretamente bene, ha fatto un buon allenamento con la squadra. Lui è un campione ed è normale che quando c'è si sente. Se domani ci sarà per noi sarà un grosso vantaggio, anche per i compagni che gli giocheranno accanto», aggiunge riferendosi a Cassano, sicuro titolare. «Altri dubbi di formazione? Problemi fisici non ne abbiamo: Boateng, Robinho, Pato, Ambrosini, Gattuso, Flamini, Mexes...», scherza il tecnico, elencando i molti giocatori ancora in infermeria.
«Le motivazioni in Champions sono sempre tante, dovremo avere grande rispetto del Viktoria e per vincere servirà una grande partita. Dovremo stare attenti a non esporci al contropiede perchè finora quando lo abbiamo fatto abbiamo sempre pagato a caro prezzo», avverte Allegri, che chiede ai suoi «grande attenzione, spirito di sacrificio e soprattutto buona tecnica». Una ricetta, sottolinea, che la squadra ha applicato in questo avvio di campionato «nonostante sia stata criticata anche in modo eccessivo. Abbiamo pagato a caro prezzo gli errori fatti ma la squadra ha sempre dimostrato padronanza del campo ed è in una fase di crescita, credo che ci sia solo da pensare in positivo».
Vincere per valorizzare il pareggio con il Barcellona e per arrivare a giocarsi il primo posto del girone con i blaugrana a San Siro. È questa la parola d'ordine di Allegri alla vigilia della sfida di Champions con i cechi del Viktoria Plzen a San Siro. Il tecnico stila la tabella di marcia dei rossoneri in Europa. «Abbiamo la possibilità di arrivare primi nel girone ma dovremo essere bravi in queste tre partite per arrivare allo scontro diretto col Barcellona a pari punti e giocarci il primo posto in quella partita». «Domani sera non sarà una partita semplice. È una sfida di Champions contro una squadra che ha fatto molto bene nei preliminari e che ha buone qualità. Da domani dobbiamo iniziare a vincere per valorizzare il pareggio di Barcellona e dobbiamo farlo nel migliore dei modi», spiega. La buona notizia è il recupero di Zlatan Ibrahimovic, che già da domani potrebbe partire dal primo minuto.
Menzione speciale per Clarence Seedorf, autore del gol-vittoria nell'anticipo di sabato scorso: «In questo momento sta benissimo, non ha bisogno di rifiatare. Andrebbe clonato per la sua professionalità e perchè, a 35 anni, in queste condizioni fisiche non ci si arriva per caso. Clarence deve essere un esempio per i giovani, che a volte capiscono troppo tardi l'importanza di essere professionali e di avere un certo comportamento per rimanere tanti anni al Milan».