Armani trova casa a Firenze per i Giochi dei bambini

«Nella nostra infanzia c'è sempre un momento in cui una porta si apre e lascia entrare l'avvenire» diceva lo scrittore inglese Graham Greene. E in quel momento bisognerebbe inculcare anche l'idea che nella vita bisogna avere stile. Meglio se discreto ma inconfondibile come quello di Giorgio Armani. L'imprenditore-stilista che distilla buongusto, innovazione e saggezza nella moda per uomo e donna, propone infatti la stessa filosofia anche in taglie piccole. Così in questi giorni di grande agonismo sportivo, sono tante le novità che riguardano l'universo bambino visto con l'ottica speciale di una capsule collection per boy e girl dai 2 ai 16 anni.
L'ha creata il designer in occasione delle Olimpiadi di Londra che si celebrano dal 27 luglio al 12 agosto, evento per il quale ha disegnato le divise ufficiali della nostra squadra. Nei negozi Armani Junior è disponibile una deliziosa mini collezione composta di T-shirt e polo di cotone, tute in tessuto tecnico con zip asimmetrica e giacca impermeabile coordinata. Declinata in colori basic come il bianco e il blu navy, vede nelle maniche delle polo i contrasti di rosso o di verde. Speciale sul davanti il simbolo del Coni e il logo AJr mentre sul dietro campeggia la scritta Italia. A sorpresa, all'interno dei capi, c'è anche la prima strofa dell'inno di Mameli. Un pizzico di patriottismo da iniettare in coloro che rappresentano il futuro della nazione. Lo stilista tiene molto all'aspetto educativo della moda e ai valori positivi che è in grado di trasmettere. Lo si è visto durante la recente inaugurazione del nuovo flagship store Armani Junior in via dei Tornabuoni a Firenze, 110 metri quadri di garbata accoglienza all'interno dello storico Palazzo Strozzi Giaconi e una vasta scelta di abbigliamento e accessori.
Lo spazio è stato progettato da re Giorgio con uno staff interno di architetti e diviso in tre aree: Baby, Junior e Teen. Tutto all'insegna della natura con pareti rivestite di rovere naturale che ben si accordano con i toni del corda, del sabbia e del seppia del tatami intrecciato usato per il pavimento mentre i soffitti voltati a crociera sono in marmorino bianco antico e i rivestimenti in vetro retroverniciato avorio. Belle le sedute in pelle écru e l'evanescenza di appenderie e mensole sospese a un sistema di binari orizzontali. Insomma un luogo piacevole dove fare shopping, come piacevoli sono i 34 nuovi monomarca Armani Junior aperti o in fase di inaugurazione in questo 2012: da Roma in via Frattina a New York in Madison Avenue, da Barcellona a Bruxelles a Milano con un intero piano dello store di via Manzoni 31 dedicato alla moda in taglie piccole. Ma il programma di sviluppo è molto vasto: si va dalla Cina all'India, da San Pietroburgo a Riyadh e poi una fitta serie di shop in shop per un totale di 125 vetrine Armani Junior del mondo, 36 con la formula del monomarca e 89 con i corner nei department store. Insomma procede veloce anche questa piccola parte del grande business del Gruppo Armani, una realtà che conta oltre 5.300 dipendenti nel mondo e 12 stabilimenti di produzione. La linea junior, nata nel 1982, è una delle arterie attraverso le quali il Gruppo realizza il suo notevole fatturato. Il 2011 si è chiuso con 1.804,1 milioni di euro di ricavi consolidati e una crescita del 13,6 per cento rispetto all'anno precedente.