Arte, tessuti, olii e ricami Ecco come costruirsi una vacanza su misura

Ad esempio in Marocco alla scoperta di suk, villaggi berberi e kasbah Con un tour operator in grado di disegnare l'itinerario dei desideri

Potete spingervi sulle orme di Churchill, in quell'hotel che era il suo preferito e dove lo statista inglese decise con Roosevelt la strategia per la fine della Seconda guerra mondiale. Oppure potete perdervi in un itinerario verde, tra medina e ville nouvelle per scoprire la collezione di cactus dei giardini di Marrakech o la pianta che che cresce solo in questa parte del pianeta, da cui si produce l'olio di Argan. Se siete invece appassionati di orologi, perché non buttarvi sulle tracce del pasha dell'ex città imperiale? Per lui Louis Cartier, fondatore della maison, ha creato il montre Pasha di Cartier. Per voi invece c'è qualcuno pronto a disegnare un itinerario per ogni esigenza e ogni gusto. Il piatto forte si chiama Marocco ed è di quelli che possono essere serviti in ogni stagione, per single o in gruppo, per chi ama lo sport o per chi sogna una vacanza orientata al relax, alla scoperta e - perché no? - anche al lusso. Al resto pensa «Oro del deserto», il tour operator per chi ama scoprire l'incanto di un Paese che domina insieme mare (il Mediterraneo) e oceano, (l'Atlantico), che vi rapirà con le sue dune di sabbia, i villaggi berberi e i boschi di cedri e lecci popolati da scimmie.

Un paradiso a sole tre ore di aereo dall'Italia. Una favola da vivere crogiolandosi nelle proprie passioni, con itinerari creati ad hoc, anche e soprattutto sulla base dei vostri capricci, da Olga Piscitelli, giornalista di lungo corso folgorata sulla via del Sahara. Al suo fianco, il socio Aziz El Jakani, marocchino «milanesizzato» noto per la sua precisione, puntualità e prudenza: un nomade inurbato, nato e cresciuto in una tenda nel mezzo del deserto marocchino e capace di rispondere a ogni vostra esigenza di viaggio. Con il loro contributo potrete scoprire un Paese che è Africa in ogni sua espressione ma che è anche già un po' Europa. Perché qui si respira anche un pizzico di aria di Mediterraneo. Ci sono paesaggi del tutto inattesi, con palme che si mescolano alle conifere. E poi, senza preavviso, arriva il deserto. Quel Sahara già ricchissimo di storie e di persone, di cose, tradizioni e superstizioni.

Il segreto dei tour «Oro del deserto» sta tutto nella cura dei vostri itinerari, testati sul campo da Olga Piscitelli, turista convertita in tour operator dopo essere rimasta incantata dai gioielli artisti e naturali del Marocco. «Accompagnavo delle amiche in giro per il Sahara, ma erano viaggiatrici difficili, volevano fare tutto in dieci giorni. Per questo ci siamo affidate al Cicerone Aziz, un esperto del posto. Da quel momento realizziamo insieme viaggi per ogni esigenza e desiderio».

D'altra parte il tempo è poco, i soldi sono sempre di meno ma dalle vacanze vogliamo il massimo. La chiave è trovare un modo per unire passione e relax. Ed eccoli i tour ad hoc. Ne ha approfittato con successo Zaira, avvocato milanese partita con tre amiche esigenti: una scultrice, una architetto e una appassionata di tessuti. Oltre alle visite nei luoghi magici scelti sempre più frequentemente come set cinematografici dalle major di Hollywood, ogni singolo membro del gruppo ha trovato tempo e occasione per coltivare anche i propri hobby : un corso di ceramica a Fes per la scultrice, la kasbah di Amerhidill (in ristrutturazione) per l'architetto che voleva osservare le tecniche di costruzione delle fortezze di paglia e terra e infine la visita al suk dei tintori e al quartiere dei ricami per soddisfare anche i desideri dell'amica entusiasta per le stoffe. L'idea funziona. E i viaggi sono ideali anche per coppie, come quella composta da Pierluigi, ex rettore universitario di Varese, partito anche con due sposi amici, che ha voluto dedicarsi a un giro sulle tracce del pasha Glaoui, con visite ai suoi palazzi e ai luoghi incantevoli della sua storia, dalla Pista del sale a Telouet. «Sono stato in Marocco diverse volte e amo il Paese per il mix di arte, mare, montagna, deserto, artigianato. L'ultimo viaggio è stato speciale perché il nostro tour operator ha avuto grande flessibilità e ci ha accontentato tutti e quattro nella scoperta di quei paesaggi esotici». Una vacanza tagliata su misura, anche per gli appassionati di sport, quegli amanti del surf, per esempio, che con «Oro del deserto» potranno avere vento che soffia forte per loro e hotel con piscina (dotato di ogni comfort) per la famiglia che vuole abbandonarsi alla pigrizia. Tutti luoghi da sogno, con un pizzico di aria di casa. «Il cibo ricorda quello del nostro Sud - spiega Olga - E non è solo questione di cous cous . Il senso dell'accoglienza e l'attenzione per l'ospite sono sacri come nel nostro meridione». Tutto si tiene sotto la stessa meravigliosa luce. Per sposarsi con i gusti e le passioni dei più esigenti turisti italiani.