Arte, violini e ostriche ghiacciate A Galway è tutta un'altra musica

La tradizione irlandese abita qui. Tra i vicoli e i pub di Galway. Questo centro sulla costa Ovest dell'Irlanda è in una delle poche aree di lingua gaelica del paese. E' conosciuta come la città delle tribù perché in passato era governata da 14 clan. Ma non è solo la storia ad attrarre da queste parti. Galway è vivace, piena di locali e abitata da tanti giovani studenti per via dell'Università. Una volta l'anno questa energia si esprime al massimo con il Galway Arts Festival, dal 15 al 28 luglio: quindici giorni di musica, arte, teatro e performance nei luoghi simbolo della città e in una speciale area concerti lungo il fiume Corrib. Tra le star attese i Grizzly Bear, Glen Hansard, Josh Ritter e Imelda May (www.galwayartsfestival.com). L'evento è reso quest'anno ancora più unico perché coincide con The Gathering 2013, l'anno di celebrazione della cultura e del popolo irlandese nel mondo (www.thegatheringireland.com).
Durante il Festival di Galway, si svolge anche il Fringe Festival dal 12 al 30 luglio. Si tratta di un evento alternativo e parallelo al Festival ufficiale che coinvolge gruppi di musicisti, attori e performer, stavolta nei luoghi off della città e per strada. Molti artisti del Fringe si esibiscono lungo la centralissima Quay Street o di fronte allo Spanish Arch. Proprio qui, affacciato sul fiume, si trova il caffè- ristorante Ard Bia at Nimmos, cucina mediterranea con prodotti stagionali. Da assaggiare la trota di mare affumicata e a settembre le ostriche per cui Galway è famosa in tutta l'Irlanda (ardbia.com). Dal 27 al 29 settembre il Galway Oyster and Seafood Festival è da oltre 60 anni l'appuntamento più prestigioso per scoprire la cucina irlandese di pesce. L'indirizzo giusto per sperimentarla è The Seafood Bar nel cuore medioevale della città, in Kirwan's Lane, un angolo di case in pietra, fuori dalla folla e amato dagli abitanti. Il locale è un bistrot di mare al pianoterra. Da provare il salmone del Connemara e la zuppa di pesce (kirwanslane.com). Chi esplora questa parte della città non può perdersi il negozio-laboratorio di Judy Green. Le sue ceramiche con fantasie floreali sono conosciute in tutto il paese. Inoltre Judy ospita designer e artisti locali (www.judygreenepottery.com).
Galway è la porta d'ingresso perfetta per esplorare il Connemara, quintessenza dello spirito irlandese, e scoprire Cnoc Suain, a Spiddal, a mezz'ora di macchina dalla città. Questo complesso di antiche case, in parte del XVII secolo, quando era un piccolo villaggio, è stato trasformato in un centro culturale grazie alla passione dei due proprietari Dearbhaill Standún e Charlie Troy. Qui è possibile assistere a esibizioni di danza e musica irlandese, ascoltare poemi e canzoni in gaelico. Chi vuole può dormire nei cottage e così vivere l'esperienza a 360 gradi (www.cnocsuain.com). Il Connemara è terra di abbazie, la più famosa è quella di Kylemore. Affacciata su un lago che ne riflette la bellezza, ha una lunga storia prima come dimora privata, poi come monastero benedettino dalla leggendaria cucina. Obbligatoria una pausa tè nella caffetteria per gustare gli scones, tipici panini dolci, serviti con panna fresca e marmellata. All'interno della proprietà c'è un famoso giardino cintato in stile vittoriano dove acquistare semi di piante antiche (www.kylemoreabbey.com). Chi decide di visitare Galway può anche spingersi più a Nord verso la contea di Mayo e scoprire così Ashford Castle. Oggi questo ampio castello con la sua tenuta è un romantico hotel con spa. Ha oltre 80 stanze, tutte con arredi unici e originali. Nel parco c'è una scuola di falconeria e si può fare una passeggiata con i falchi in compagnia di guide esperte (www.ashford.ie). Se l'incanto di un castello non basta, c'è quello della piccola isola di Inishbofin, a largo di Cleggan.
A 20 minuti di traghetto, questo angolo di costa spazzata dal vento, è il rifugio di chi ama la natura e il relax, le camminate e le cavalcate a picco sul mare. Proprio sopra una tranquilla baietta, si trova l'Inishbofin House Hotel & Spa Marine (doppia b&b da 130 euro, www.inishbofinhouse.com). Ha una luminosa library affacciata sull'Atlantico e alcune stanze si aprono sulla terrazza comune. Nella spa si possono provare i bagni di alghe, raccolte dal mare, e i prodotti organici ispirati alla talassoterapia. Un vera immersione nell'autentica verde Irlanda.
Info: www.irlanda.com; doppia b&b Harbour Hotel Galway da 129 euro, www.harbour.ie. Voli da Milano e Roma su Dublino con Aer Lingus, da 240 euro A/R, tasse incluse (www.aerlingus.com).