Asma Crescono nelle città italiane i bambini colpiti da forme allergiche

L’ asma allergica è in aumento per i bambini lombardi: Milano, insieme a Roma, Bologna, Firenze e Torino, sono le 5 città italiane, dove l’asma allergica è cresciuta di più negli ultimi anni a causa soprattutto delll’inquinamento. A commentare questi dati è l’allergologo Alessandro Fiocchi, direttore della divisione pediatrica dell’ospedale Macedonio Melloni: «In Lombardia i bambini asmatici sono oltre 130mila, la sola provincia di Milano ne conta 53mila e di questi 2.500 sono asmatici gravi. L’asma grave persistente colpisce una minoranza dei piccoli pazienti (il 5%) che però genera il 50% della spesa sanitaria se si considerano i costi di assistenza e gli accessi al pronto soccorso per ricoveri. Presso il nostro centro funziona da un anno un ambulatorio per l’asma difficile».
Nei casi estremi, le vie aeree raggiungono un livello di infiammazione e costrizione così elevato da impedire al paziente di respirare. L’asma colpisce in Italia circa 3 milioni di persone ed è responsabile di più di mille decessi all’anno. La malattia è in aumento soprattutto nei bambini e nei giovani. Fino ad ora non esistevano trattamenti validi ed efficaci, se non i cortisonici per via generale e con tempi molto lunghi di cura. Da settembre ha ottenuto l’indicazione per trattamenti pediatrici grazie ai risultati dimostrati dagli studi clinici Omalizumab, un anticorpo monoclonale che si lega alle igE umane. Questo nuovo farmaco permette di ottenere la riduzione della frequenza degli attacchi d’asma del 50 per cento in un anno ed ha un buon profilo di tollerabilità nei bambini dai 6 agli 11 anni.