Barcellona super: maglia con doppio sponsor e 150 milioni in cassa

Insieme al logo Unicef (gratuito) avrà quello della Qatar Foundation, organizzazione no profit per la difesa dei bambini. L'Emiro del Qatar pagherà 30 milioni di euro all'anno per cinque anni

Non è un caso se il Barcellona venga considerata la squadra più forte e più grande del mondo, alla faccia di Real, Manchester United, Bayern e italiane. Barcellona da record non solo sul campo e nei risultati sportivi, ma anche economici. Il club ha firmato un accordo di sponsorizzazione per la sua maglia, che in 111 anni era rimasta linda, poi dal 2006 ad oggi aveva ospitato solo il logo dell'Unicef e gratuitamente. Ora "Qatar Foundation" porterà nelle casse del club ben 30 milioni di euro all'anno più bonus fino al 2016, per un totale in cinque anni di almeno 150 milioni di euro. Unicef e Qatar Foundation, organizzazione internazionale no profit per la difesa dei bambini, coabiteranno sulla maglia blaugrana. L'annuncio è arrivato direttamente dal vicepresidente economico Javier Faus in una conferenza stampa. «Con questo accordo, il Barcellona si pone come leader indiscutibile nel mondo del calcio anche a livello di sponsorizzazioni di maglia, molto più avanti di altre grandi squadre internazionali», ha spiegato Faus. In questo modo, il Barcellona ha interrotto una tradizione storica: riceverà denaro per la prima volta per la sponsorizzazione della sua maglia nei suoi 111 anni di vita.
I dirigenti del Barcellona hanno definito questo accordo «una pietra miliare perchè rappresenta un livello record di entrate per un club di calcio e ha ancora più valore nel clima economico attuale». Dal 2006, sulle maglie della squadra catalana campeggia il logo dell'Unicef, con il club che pagava 1,5 milioni di euro all'anno per il fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia per avere il logo sulle casacche. La nuova maglia con il doppio sponsor sarà utilizzata a partire dalla stagione 2011-2012, anche se il Barça incasserà 15 milioni di euro tra gennaio e giugno 2011 senza mettere il marchio sulla maglia. Non si tratta di un marchio commerciale, spiegano dal Barcellona, ma di un logo istituzionale che appartiene a una fondazione. Intanto si stanno studiando anche un modo di creare un logo unico con i due marchi.
Il Barcellona supera così il contratto di 25 milioni di euro all'anno del Bayern Monaco con l'azienda telefonica Deutsche Telekom e quello di 20 milioni di euro del Manchester United con la Aon e del Real Madrid con il provider di scommesse sportive Bwin.
La Qatar Foundation è stata fondata nel 2005 dallo sceicco Hamad Bin Khalifa Al Thani, l'Emiro del Qatar, allo scopo di favorire lo sviluppo dell'educazione e della ricerca nel piccolo stato del Golfo Persico: la first lady Mozah bint Nasser al-Missned ne è presidentessa.