Baseball: colpo degli azzurri. Battuto il Giappone all'Intercontinentale

Prestigioso successo dell'Italia del baseball alla coppa Intercontinentale: la squadra di Mazizieri, trascinata dal lanciatore oriundo Cillo, ha battuto 3-0 il Giappone, una delle potenze mondiali di questo sport

Impresa del baseball azzurro che nella coppa Intercontinentale di Taiwan realizza la storica impresa di battere (3-0) il Giappone, vincitore dell'ultima Coppa del Mondo dei professionisti. In una manifestazione ormai declassata come questa coppetta Intercontinentale può succedere anche questo: certo non possiamo vantarci di aver fatto fuori lo squadrone delle grandi stelle che giocano anche in Major league, ma comunque abbiamo pur sempre battuto una squadra di autentici professionisti del Sol levante. Semmai speriamo che prima o poi anche il baseball riesca ad unificare le manifestazioni per dare un senso a vittorie come questa, a cui non si sa mai che valore attribuire.
Per l'Italia comunque è stata una grande impresa, con protagonista il lanciatore oriundo Cody Cillo, che ha lanciato 8 riprese concedendo al Giappone appena 2 valide. Contro il pitcher della Fortitudo Bologna il Giappone è arrivato in seconda per la prima volta all'ottavo con 2 out, quando l'esterno sinistro Masuda ha guadagnato la base per ball ed ha raggiunto la seconda su lancio pazzo. Il catcher Nakamura lo ha seguito con una linea a destra, che però ha trovato ben piazzato Vaglio per l'out.
Gli azzurri sono apparsi a loro agio contro il partente nipponico Akagawa, un mancino che non ha avuto troppo successo con il controllo, finendo con il concedere 3 basi in 4 riprese scarse.
Al secondo l'Italia ha segnato 2 punti con 3 valide consecutive (di Granato, Infante e Chiarini). Poi gli azzurri hanno aggiunto una segnatura al quarto grazie ad Infante, che ha corso deciso sulla parabola alta del singolo di Ramos, evitando a casa la toccata di Nakamura sul perfetto tiro di Masuda.
Alla nona ripresa D'Amico ha preso il posto in pedana di Cillo, liquidando la pratica con appena 3 battitori affrontati, due dei quali eliminati al piatto.