Battisti, rumor su Lula: verso no a estradizione Attesa per la decisione

Il sito dell’emittente <em>Globo News</em>: il presidente brasiliano avrebbe deciso di non estradare Battisti. La decisione entro fine anno. Nel novembre 2009 il Supremo tribunale federale
brasiliano aveva autorizzato l’estradizione. Il figlio di Torregiani: &quot;Basta, ora pugno duro&quot;. <a href="/interni/battisti_restera_libero_di_uccidere_giustizia/30-12-2010/articolo-id=496650-page=0-comments=1" target="_blank"><strong>Resterà libero. Di uccidere la giustizia</strong></a> / <em>M. Cervi
</em>

Brasilia - Manca solo l’annuncio ufficiale ma il presidente brasiliano uscente Luiz Inacio Lula da Silva ha deciso di non estradare l’ex terrorista rosso, Cesare Battisti, per "preservarne l’incolumità". E' quanto rivela la stampa brasiliana secondo cui Lula concederà lo status di rifugiato a Battisti contraddicendo le decisione del Tribunale Supremo Federale. Quest’ultimo aveva concesso il via libero al reimpatrio di Battisti che in Italia deve scontare l’ergastolo per 4 omicidi commessi quando era leader dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac).

Lula verso il "no" all'estradizione Malgrado il "nulla osta" della più alta assise giuridica brasiliana la scelta finale è politica e spetta a Lula. Il presidente della Repubblica in carica fino al 31 dicembre, non vuole lasciare questa patata bollente, che inevitabilmente peggiorerà i rapporti tra Brasile ed Italia, alla sua erede Dilma Roussef. Il neo presidente, che si insedierà il 1 gennaio, tra l’altro, prima di essere eletta, lo scorso giugno si era espressa esplicitamente a favore dell’estradizione di Battisti. L’ex terrorista rosso, beniamino della gauche francese a Parigi durante gli anni della fuga dall’Italia, è in carcere in Brasile dal 2007 in Brasile. Qui si era rifugiato per evitare di essere estradato dalla Francia, che nel mentre aveva abbandonato la dottrina Mitterand (salvacondotto per i terroristi che rinunciavano alla lotta armata) e si apprestava a farlo tornare in Italia. L’ultimo ostacolo alla decisione di Lula era una giustificazione legale, che gli è stata fornita ieri dall Procuratore Generale (Agu), Luis Inacio Adams, contrario all’estradizione in Italia.

Dolore per i parenti delle vittime Grande è l’irritazione tra i parenti delle vittime di Battisti: «Mi aspettavo una decisione simile. Vorrà dire che ci muoveremo in modo molto più deciso», ha dichiarato Alberto Torreggiani, figlio del gioielliere ucciso nel 1979, che non si aspettava un esito diverso. "Sarei stato sorpreso se fosse stato il contrario", continua, "ma non sono deluso perchè ero preparato. Adesso bisogna fare qualcosa di veramente forte perchè questa è una gran presa in giro. Le parole non bastano più, ora contatterò gli organi competenti e decideremo come mobilitarci perchè questa non è tanto una questione personale ma la scelta apre un precedente molto pericoloso. Qualsiasi delinquente saprà di poter contare su una scappatoia, e questo non è giusto".