Bilingue Paternoster firma il dizionario dei mieli nomadi

Esistono dizionari di ogni lingua e tema, un elenco incredibile che si arricchisce di una novità: il Dizionario dei mieli nomadi curato per l’editore Corraini di Mantova, corraini.com, da Andrea Paternoster, Daniele Savi, Lucia Piana e Luigi Manias, disegni di Yoshiko Noda. E guai a non ricordare come Paternoster sia l’anima di Mieli Thun in Trentino, 0461.657929, mielithun.it, e promotore di una straordinaria giornata, battezzata Honey park, il 22 novembre al Dolce Stil Novo alla Reggia di Venaria (Torino), 011.9211110, con visita alla reggia, aperitivi, pranzo (cibi&birra), rito del tè e tanti sorrisi.
Mieli nomadi, dalla A di abete alla Zeta di Zafferana Etnea che come diverse altre, ad esempio Lavarone e Castel San Pietro, fa parte dell’associazione Città del Miele, cittadelmiele.it. E, importante per non rimanere prigionieri dei nostri confini, la guida è bilingue e la metà in inglese si apre invece con Acacia. Nomadi perché l’apicoltore si deve spostare alla ricerca dell’oro delle api.