Bmw e San Raffaele insieme per la ricerca «Guida d’Italia 2009»

Milano«L’Istituto scientifico universitario San Raffaele di Milano diventerà il primo Centro europeo per la ricerca oncologica. Numerosi ricercatori italiani, che attualmente lavorano all’estero hanno già aderito a questo progetto, presto torneranno in Italia». L’annuncio di questa nuova sfida è stato dato da don Luigi Verzè in occasione dell’apertura ufficiale del Bmw Research Unit Hsr, un centro di eccellenza nato con il contributo di Bmw Group Italia che negli ultimi sei anni ha sostenuto le ricerche sulle cellule staminali adulte condotte dal professor Gianvito Martino.
L’unità di Neuroimmunologia che opera presso l’Istituto di neurologia sperimentale del San Raffaele si occupa da anni dei meccanismi biologici alterati che si manifestano nella sclerosi multipla e che fanno da sfondo ad alcune tra le più gravi malattie infiammatorie croniche che colpiscono il cervello e il midollo spinale. I ricercatori del San Raffaele, Istituto in costante fermento scientifico, hanno già dimostrato che le cellule staminali, se manipolate prima in vitro e iniettate poi in vivo, sono in grado di raggiungere selettivamente le aree del cervello e del midollo spinale danneggiate dall’infiammazione e di ripararle. «Il sostegno alle ricerche svolte dal San Raffaele è una delle iniziative sociali più rilevanti del gruppo Bmw. Il centro DiBiT è sinonimo di avanguardia scientifica ed eccellenza nella ricerca. Valori che risiedono nel Dna della casa di Monaco», ha ricordato Andrea Castronovo, presidente e amministratore per l’Italia di Bmw, la società che, per il quarto anno consecutivo, è stata riconosciuta come leader del settore auto motive dal Dow Jones Sustainability Index. Questo riconoscimento indica le imprese all’avanguardia nella responsabilità sociale, nello sviluppo sostenibile, nello spazio riservato all’ambiente.
Bmw è impegnata nella riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti, nella produzione pulita, nel recycling. Oltre al contributo finanziario annuale destina alle ricerche sulle cellule staminali un euro per ognuna delle 100mila copie della propria Guida d’Italia che i concessionari offrono a tutti i clienti che acquistano una nuova auto. La presentazione di Bruno Vespa della nuova Guida Bmw 2009 (nell’occasione è stato premiato lo chef Ancrea Berton) è avvenuta nel Centro ricerche DiBit 2 al quale Bmw ha dato il nome. Cuore del complesso è un ambiente laico sacralizzato che contiene la sintesi dell’idea stessa del San Raffaele: ricerca, verità, sacralità. Nella grande basilica, che appare come la concretizzazione di un sogno, un crocefisso e una doppia elica del Dna che sale fino alla grande cupola in vetro sovrastata dall’arcangelo Raffaele. Scienza, ricerca e spirito si uniscono in una funzione rigeneratrice, come le cellule staminali.