L'e-book fa passi da gigante: in un anno triplicato il numero di titoli

Alla fiera della piccola editoria «Più libri più liberi» si parla del futuro del libro digitale. Secondo i dati forniti dall'Ufficio studi dell'Aie almeno un milione di italiani ha già letto un testo in formato elettronico

Sono più che triplicati nel 2010 i titoli di e-book disponibili sul mercato italiano: è quanto emerge dai dati presentati dall'Ufficio studi dell'Associazione italiana editori (Aie) nell'ambito dell'incontro «E-book: primi segnali dal mercato», ospitato all'interno di «Più libri più liberi», la fiera della piccola e media editoria in corso in questi giorni al Palazzo dei Congressi di Roma.
L'offerta di titoli ebook arriva a coprire l'1,5% dei titoli. Secondo le elaborazioni su dati IE-Informazioni Editoriali, sono oggi 5.900 i titoli e-book in italiano disponibili (esclusi articoli di riviste scientifico-accademiche), e arrivano a coprire l'1,5% dei titoli «commercialmente vivi». Per un confronto, a gennaio 2010 erano 1.619, pari allo 0,4%.
I generi: in base alle elaborazioni dell'Ufficio studi Aie su 5.135 campionamenti, il 70% dei titoli riguarda la narrativa adulti italiana, seguiti a distanza dai classici (11,5% dei titoli) e dai gialli (8,4% dei titoli), dalla fantascienza e fantasy (4,1%) e dalla narrativa rosa (3,7% dei titoli).
Si conferma così il dato di stima presentato a metà anno: oggi l'ebook vale in Italia lo 0,1% del mercato (3.440.000 euro). Per un confronto, secondo l'Association of American Publishers, negli Stati Uniti le vendite degli e-book si prevede supereranno a fine anno il 9% delle vendite complessive di libri.
Sono 665mila nell'ultimo anno gli acquirenti di libri digitali. Più o meno l'1,3% degli italiani ha cioè ha acquistato negli ultimi 12 mesi un ebook, come emerge dalle elaborazioni dall'Osservatorio permanente contenuti digitali. Gli analisti li chiamano «eclettici». Si tratta di coloro che abbinano spesso contenuti culturali e tecnologia. E sono proprio loro i maggiori consumatori di ebook (238.000 persone, il 36%). Esistono forti correlazione con genere (1,7% uomini rispetto allo 0,9% donne) e titolo di studio (2,3% tra i laureati rispetto allo 0,7% licenza media).
Secondo le elaborazioni dell'Ufficio studi Aie sull'Osservatorio permanente contenuti digitali, la lettura (e l'abitudine a leggere) su schermi digitali continua a crescere: più o meno è triplicata rispetto al 2006. Riguarda oggi oltre 2 milioni di italiani (con più di 14 anni), che si percepiscono lettori anche se il supporto non è più la pagina. Di questi, il 2,1% (e parliamo di oltre un milione di italiani - 1.091.000 persone per la precisione) afferma di aver letto un ebook.
E i piccoli? Pubblicano già il 6% dei loro titoli in formato eBook. Sono 131, in base alle elaborazioni dell'Ufficio studi Aie, le case editrici italiane che hanno in catalogo «almeno un titolo» in formato e-book in lingua italiana. Di queste, 94 sono piccole case editrici, con un catalogo medio di e-book di 16 titoli. Complessivamente il «catalogo» che sviluppano è di 1.472 ebook corrispondente al 6% di titoli che la piccola editoria ha proposto (tra novità e ristampe).