Brawn compra la Honda e usa motori Mercedes

La squadra si chiama Brawn Gp e i piloti per il Mondiale saranno il britannico Jenson Button e il brasiliano
Rubens Barrichello, gli stessi schierati nel 2008. Le monoposto utilizzeranno motori forniti da Mercedes

Tokyo - La Honda ha venduto il team di Formula 1 a Ross Brawn, team principal della scuderia nipponica nel Mondiale 2008. «Tutte le azioni sono state vendute a Ross Brawn», annuncia la casa giapponese. La squadra si chiamerà Brawn Gp e parteciperà al Mondiale 2009, che comincia il 29 marzo a Melbourne con il Gp d’Australia. I piloti saranno il britannico Jenson Button e il brasiliano Rubens Barrichello, gli stessi schierati nel 2008. Le monoposto utilizzeranno motori Mercedes.

La squadra ha poche opportunità per effettuare collaudi prima dell’inizio della stagione. Domani, a Silverstone, la BGP 001 girerà a porte chiuse. La Brawn Gp sarà presente ai test in programma a Barcellona il 9 marzo e poi sfrutterà la chance offerta dalle prove di Jerez, sempre in Spagna, in calendario dal 15 marzo. «Vorrei ringraziare tutti i nostri tifosi, i partner e i media per il sostegno che ci hanno offerto negli ultimi mesi», dice Brawn dal nuovo sito ufficiale della squadra. «È stato un periodo moto difficile, ma ora siamo arrivati ad un epilogo molto soddisfacente grazie allo sforzo compiuto per garantire un futuro solido», aggiunge il 54enne. «Il nostro entusiasmo e le nostre ambizioni sono rimasti invariati, ora ci prepariamo alla prima gara dell’anno in programma a Melbourne il 29 marzo», aggiunge senza fornire i dettagli finanziari dell’operazione. Il nuovo sito ufficiale del lascia intuire che i colori del team saranno il giallo, il bianco e il nero.

«Sono felice che Button e Barrichello corrano con noi. L’enorme esperienza di entrambi i piloti sarà importante per il team: vogliamo essere competitivi nel più breve tempo possibile. Jenson e Rubens faranno coppia per il quarto anno, conoscono perfettamente i nostri ingegneri e nostri uomini nel quartier generale di Brackley, sanno come funzionano i nostri sistemi: tutto questo è un valore aggiunto», spiega il team manager. I due driver, in totale, hanno partecipato a 423 gare.

All’entusiamo per la nuova avventura, fa da contraltare il rammarico per l’amara conclusione della collaborazione con la Honda. "Non possiamo continuare insieme, è un peccato", dice Brawn. "Da quando abbiamo annunciato il nostro addio alla Formula 1, lo scorso 5 dicembre, abbiamo analizzato la situazione e abbiamo lavorato per consentire al team di continuare la propria attività in una nuova forma", spiega a sua volta Hiroshi Oshima, il direttore generale della Honda responsabile per la comunicazione e l’attività sportiva.