Bsa, software pirata: nel nostro paese la quota è del 49%

Secondo l'annuale edizione della ricerca condotta da Business Software Alliance (BSA) con IDC e Ipsos, la percentuale di software privo di regolare licenza installato sui PC del nostro Paese (stimata con riferimento all'anno solare 2010) è pari al 49%: un dato immutato rispetto alla precedente edizione, cui tuttavia fa riscontro un controvalore pari a 1.400 milioni di euro. Il mantenimento della percentuale del 49% è frutto anche di una ripresa nel corso del 2010 delle vendite di personal computer a utenti consumer, segmento nel quale i comportamenti illegali mantengono in Italia una diffusione endemica, e che controbilanciano una maggior attenzione ai rischi sottesi all'utilizzo di software non genuino rilevato in ambito business. Il sistema Italia, nel suo complesso, risulta così afflitto ancora da un tasso di illegalità che, fra le economie dell'Europa Occidentale, è secondo solo a quello della Grecia (che ci supera col 59%), e si mantiene costante nonostante il trend decrescente registrato a livello di Europa Occidentale (da 34 a 33%).
Ma perché l'Italia è da sempre caratterizzata da tassi di illegalità nell'impiego delle risorse software più tipici di un'economia emergente che di una delle nazioni del G8, fra i fondatori dell'Unione Europea? Una spiegazione la offre la ricerca, condotta da Ipsos per BSA (e parte del Global Piracy Study 2010), la quale ha sondato l'atteggiamento di oltre 15mila utenti in 32 mercati (tra cui il nostro) nei confronti della proprietà intellettuale e della pirateria software: dallo studio emerge che il 71% dei rispondenti è favorevole a una corretta remunerazione dei titolari dei diritti d'autore ma, con riferimento alla porzione italiana del campione, questa percentuale scende al 66%.
Gli italiani risultano complessivamente consapevoli della superiorità qualitativa del software originale rispetto a quello "pirata", e anche di quali siano i canali più sospetti in cui è facile trovarsi ad acquistare il secondo invece del primo. Tuttavia, ritengono che la tutela della proprietà intellettuale remuneri la creatività solo al 67% (contro una media globale del 73%), che essa favorisca nuova occupazione al 59% (contro una media globale del 61%) e solo il 49% dei nostri connazionali ritiene che i benefici affluiscano all'economia nazionale (contro una media globale del 59%).
Secondo dati Idc il valore commerciale del software illegale nella regione dell'Europa Occidentale ammonta a oltre 10 milardi di euro, mentre a livello mondiale esso è cresciuto fino a superare i 44 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto alla prima edizione dello studio nel 2003.