Campioni annunciati e nuovi talenti. Ecco cosa leggeremo

Da Harry Potter al memoir di Le Carré. Breve guida ai libri da non perdere

Qualche settimana e i giochi ricominciano. Molti editori hanno già in canna i colpi vincenti da sparare a partire dalla fine di agosto. La data del titolo più atteso è però nota da pochi giorni: Harry Potter e la maledizione dell'erede uscirà per Salani il 24 settembre. Annunciato come l'ottavo capitolo della saga, è il testo dello spettacolo teatrale in scena a Londra dalla fine di luglio (sold out fino a maggio 2017), in cui Harry è marito e padre di tre figli, il più piccolo dei quali, Albus, lo aiuterà a fare di nuovo i conti con il passato («E con questo abbiamo chiuso», ha dichiarato per l'ennesima volta J. K. Rowling).

Ma anche se i desideri della «Potter generation» sono legge per il mercato, almeno altri due autori si affiancano alla sortita del maghetto per conquistare gli young adult. Licia Troisi che non raggiunge i 450 milioni di copie vendute di Harry Potter, ma si difende bene con i suoi oltre 3 - ci prova con il primo volume de La saga del dominio (Mondadori, pagg. 408, euro 19, verrà presentato a ottobre a Lucca Comics). Una nuova eroina, Myra. Capelli bianchi, occhi rossi e pugnali scarlatti, orfana e schiava, la ragazza è in cerca di un mondo di eguali e di giustizia per la morte del padre. E il 5 settembre sarà annunciato il titolo italiano di Old School, il decimo volume del «Diario di una schiappa» di Jeff Kinney (sarà poi in libreria a novembre per Il Castoro), altro campione da oltre 150 milioni di copie vendute in 51 Paesi. Visto che la sua città decide di disconnettersi, Greg Heffley dovrà affrontare la grande domanda: la vita era meglio o peggio ai vecchi tempi?

Per la grande narrativa annunciata a settembre se la vedranno almeno in tre, tutti alle prese con famiglie a pezzi. Il 29 agosto sarà in libreria per Guanda il nuovo romanzo di Jonathan Safran Foer, Eccomi (pagg. 672, euro 22), a undici anni da Molto forte incredibilmente vicino. Tutto succede in quattro settimane a Washington. Jacob e Julia sono in piena crisi coniugale, i loro tre figli in piena ribellione adolescenziale e il Medio Oriente subisce un terremoto che porta all'invasione dello Stato di Israele: saranno gli eventi a portare a compimento grandi domande sull'esistenza, con il tono ironico e commosso tipico di Foer. È poi la volta di un «classico» come Jay McInerney quello di Le mille luci di New York - che arriva a Mantova per promuovere il suo La luce dei giorni (in uscita l'8 settembre per Bompiani, pagg. 400, euro 19). Chiusura di una trilogia, vede Corrine e Russell, coppia matura, alle prese con figli gemelli adolescenti, il ritorno dell'amante di lei e uno scandalo editoriale per lui. Einaudi investe invece sul caso editoriale 2016 negli Stati Uniti, Le ragazze di Emma Cline (fine settembre, pagg. 340, euro 18), esordio di una 26enne comprato per 5 milioni di dollari e già opzionato per il cinema. La storia, ispirata alla setta di Charles Manson, è ambientata nell'estate del 1969 e la protagonista è Evie, adolescente disperata e fragile dopo il divorzio dei genitori e ossessionata dalle ragazze di una strana comune hippie. Impossibile non annotare in agenda almeno altre tre uscite di settembre: Julian Barnes con Il rumore del tempo (Einaudi), Joel Dicker con il nuovo romanzo Il libro dei Baltimore (Nave di Teseo), 600mila copie solo in Francia, e Olen Steinhauer, considerato «il nuovo Le Carré», con La cena delle spie (Piemme). A ottobre preparatevi a un'insolita cronaca della vita di coppia: Ramo spezzato (Baldini) di Karen Green, in cui la vedova di David Foster Wallace racconta, in un libro-oggetto, amore e perdita. E a un'altrettanto insolita cronaca dell'integralismo alimentare, con La vegetariana di Han Kang, su cui punta Adelphi.

Tra i bestseller annunciati, Lo stupore di una notte di luce di Clara Sànchez (esce il 12 settembre per Garzanti, pagg. 400, euro 18,60), seguito di Il profumo delle foglie di limone, un milione di copie vendute solo in Italia. Tornano Sandra, Julian e i nazisti: il figlio di Sandra viene rapito e la vicenda precipita verso una ormai certa punizione delle colpe passate. Su certezze da classifica investe Newton Compton: il primo settembre riporta in libreria Lucrezia Scali - blogger torinese caso editoriale 2016 con Te lo dico sottovoce, romanzo nato sul web - con il romance La distanza tra me e te e il 6 ottobre lancia la trilogia I Medici di Matteo Strukul, in contemporanea con la coproduzione Rai sui signori fiorentini, con Dustin Hoffman.

E gli italiani? Testa a testa tra grossi nomi. Il 1º settembre arrivano Erri De Luca e Massimo Carlotto. Il primo con un nuovo romanzo breve, La natura esposta (Feltrinelli, pagg. 128, euro 13): uno scultore è costretto a lasciare la sua terra di confine, dove aiuta gli stranieri a entrare illegalmente, e si rifugia in una chiesa, dove comincia a riparare un crocifisso marmoreo che si rivelerà colmo di sorprese. Rizzoli invece ha acquisito in scuderia Carlotto e il suo Il Turista (pagg. 300, euro 17), thriller su un serial killer «perfetto». Non uccide mai due volte nello stesso modo o luogo e a dargli la caccia è un nuovo eroe letterario, l'ex capo della Omicidi Pietro Sambo, con alle spalle un passato da dimenticare. Il 9 settembre ritorna, per Sellerio, il premio Campiello 2014 Giorgio Fontana con Un solo paradiso (pagg. 208, euro 14): «anatomia del sentimento al tempo della crisi», attraverso gli occhi di un fotografo trentenne milanese. E il 4 ottobre si rivede anche Alessandro Piperno, con il nuovo romanzo Dove la storia finisce (Mondadori), che riprende gli ambienti della Roma-bene cui ci ha abituati da Con le peggiori intenzioni. Qui, l'avventuriero Matteo ritorna dopo sedici anni, dalla California, dove era fuggito per debiti: per la resa dei conti lo attendono la bella figlia di un famoso intellettuale di sinistra, Francesca, per cui lui aveva lasciato la famiglia, la ex moglie, il padre, gli amici.

Rentrée straordinaria per gli amanti delle autobiografie: Bruce Springsteen lancia, quattro giorni dopo il nuovo cd Chapter and Verse, il volume Born to run (Mondadori, in contemporanea mondiale il 27 settembre), scritto in sette anni, in cui dagli esordi nei bar di Asbury Park alle sue lotte personali si espone per la prima volta in modo ufficiale. E per la prima volta espone i suoi segreti anche uno dei più grandi nomi della letteratura mondiale: il 13 settembre esce in Italia Tiro al piccione (Mondadori, pagg. 324, euro 20), in cui John Le Carré racconta gli anni della Guerra fredda al servizio dell'Intelligence britannica e la sua carriera di scrittore con la stessa magistrale tensione impiegata a costruire le azioni di George Smiley.