Cascina Triulza, energia per cambiare il mondo

Terzo Settore: mille idee sul cibo, lo spreco e la lotta alla fame. Eventi e spettacoli. Il mercato dei prodotti sostenibili e gli orti

Cascina Triulza, ecco una tappa da segnare nel percorso di visita a Expo Milano 2015, una tappa speciale per un Padiglione unico, un "contenitore - cantiere" che fa di idee, partecipazione, condivisione, inclusione, accoglienza, accessibilità e sostenibilità i suoi punti di forza e di novità. Perché quella di Milano è la prima Esposizione Universale ad aver voluto un Padiglione dedicato alle organizzazioni della Società Civile, sia nazionali che internazionali.

In questo Padiglione, con una grande rappresentanza di realtà del Terzo Settore, sarà declinato il tema Energies to change the World. Energie che sono una straordinaria forza di cambiamento innescata dalle iniziative concrete dei cittadini, dei giovani, delle organizzazioni del sociale, della cooperazione contributo per un modello di vita e di consumo più sostenibile.

"Padiglione - hub", dunque, gestito da Fondazione Triulza che coordinerà il programma degli eventi - tantissimi - previsti durante i sei mesi dell'Esposizione, dal primo maggio al 31 ottobre, con la partecipazione di Confcooperative come sponsor ufficiale di Cascina Triulza.

E per farlo la Fondazione ha messo in campo un network che comprende 63 realtà dell'associazionismo, della cooperazione, del volontariato, della promozione sociale, ambientale, sportiva, turistica assieme ad altre che si occupano di economia sociale, finanza etica, tutela dei diritti: impegnati a declinare, ciascuno con iniziative originali e diverse fra loro, i valori e il tema alla base dell'iniziativa legata all'Esposizione Universale.

La Fondazione, oltre a raccoglie richieste di partecipazione, ha invitato attraverso una serie di call internazionali di idee, aziende e istituzioni in grado collaborare allo sviluppo del programma culturale che prevede eventi a carattere divulgativo e scientifico, artistico e tecnologico, tecnologiche, mostre, spettacoli e animazioni, prodotti dei territori italiani. In cifre significa oltre mille eventi previsti fra maggio e ottobre, 370 quelli già inseriti nel calendario. Tra questi c'è quello di Fondazione Cariplo con l'assemblea annuale dell' European Foundation Centre.

Grande cantiere aperto sei mesi, ma anche lascito materiale e immateriale dell'Esposizione Universale che resterà anche dopo il 2015 per proseguire con attività e progetti della Società Civile.

Ma non sono solo le idee a caratterizzare il Padiglione della Società Civile, perché Cascina Triulza propone un'altra "diversità" che la caratterizza rispetto agli altri padiglioni di Expo dalle architetture avveniristiche e di grande richiamo: è l'unica costruzione già esistente nell'area del sito espositivo, una cascina storica tipica della campagna milanese che Expo ha ristrutturato facendola diventare una delle più grandi aree espositive del sito: un complesso di quasi 7.900 metri quadri, con oltre 5.000 metri all'aperto.

I tre edifici originari, la residenza, il granaio e la stalla sono così tornati a nuova vita, pronti per ospitare i visitatori che arriveranno da tutto il mondo. L'ex residenza è destinata a ospitare spazi multifunzionali, uffici e sale riunioni; l'ex granaio diventerà il punto di accoglienza dei visitatori, la sala convegni e l'area ristorazione; l'ex stalla accoglierà esposizioni e workshop.

É qui, in questi spazi, che si vivrà un'esperienza di visita coinvolgente e originale anche per le caratteristiche del recupero architettonico dove tutto è stato pensato per far partecipare e condividere chi la visita. Auditorium e Sale workshop ospiteranno ogni giorno eventi mentre la Corte aperta - che ha due vasche riservate agli orti - è riservata ad attività educative e ricreative, eventi artistici e culturali.

Il Mercato di Cascina Triulza sarà uno dei punti di richiamo principali perché è l'area interamente dedicata al prodotti sostenibili ed è concepita come un "mercato di strada" accessibile a tutti ed ospiterà produttori agricoli, artigiani, imprese responsabili, cooperative, piccole e grandi realtà, eccellenze dei territori italiani e stranieri presenti dopo aver sottoscritto un'autocertificazione etica. Il mondo del cibo e dell'alimentazione declinato in modo responsabile che rispecchia i valori della Società Civile.

La Cascina ospita anche un'Area Lavoro con dieci postazioni per il networking e uno spazio relax con ristorante, bar, area picnic sotto un bel pergolato. E i più piccoli avranno un luogo tutto per loro: lo Spazio Accoglienza con animazione per i bimbi fino a 4 anni, mentre l'Area Laboratorio è dedicata ai bambini da 5 a 12 anni.
Perché Cascina Triulza è su misura anche per le famiglie.

E fra le tante iniziative che si potranno seguire a Cascina Triulza durante i sei mesi di Expo, c'è quella del Consorzio Tutela Grana Padano che allestirà un caseificio che mostrerà la lavorazione di uno dei grandi prodotti della tradizione alimentare italiana. Casari al lavoro per far vedere come nasce il grana, l'arte di lavorarlo: dal latte al caglio, dalla cottura alla forma tirata col panno. La presenza del Consorzio testimonia l'importanza del mondo cooperativo protagonista con quelli del Terzo Settore, della produzione sostenibile e alle istituzioni sui temi del Padiglione.

Villani Salumi, la realtà salumiera più antica d'Italia nata nel 1886, sarà invece sponsor dell'area ristorante e pic-nic. É una grande azienda che ha conservato lo spirito artigiano delle origini rimanendo profondamente radicata nel territorio. Ha creato il Museo della Salumeria (www.museodellasalumeria.it), il primo in Italia, e promuove con la Regione Emilia Romagna percorsi di formazioni dei giovani per nuovi lavori e professioni legati alla produzione del salumi.