La Cdl batte l'Unione 20 a 10, Fi primo partito al Nord

Il centrodestra espugna 5 comuni, conferma 5 province e 10
sindaci. Tra due settimane ballottaggi in otto capoluoghi e alla Provincia di Genova. <a href="/video.pic1?ID=MB-290507"><strong><font color="#ff6600">GUARDA IL VIDEO EDITORIALE di Belpietro</font></strong></a><font color="#ff6600"><font color="#003366">.</font> </font><strong><a href="/a.pic1?ID=181586">Bonaiuti: &quot;La sinistra spieghi cosa intende fare&quot;</a></strong>. <a href="/a.pic1?ID=181583"><strong><font color="#ff6600">Fini: &quot;Non sono il delfino&quot;</font></strong></a>

Roma - Il secondo round delle amministrative 2007 consegna alla Cdl un bottino di 20 amministrazioni, tra province e comuni capoluogo; 9 invece vanno all’Unione. Fra due settimane ci saranno i 9 ballottaggi, ma a Taranto a giocarsi la poltrona di sindaco ci saranno due candidati della sinistra. La Casa delle Libertà espugna al primo turno 5 comuni guidati dalla sinistra: Monza, Alessandria, Asti, Gorizia e Verona. Conferma al primo turno 5 province (Ragusa, Varese, Como, Vercelli, Vicenza) e 10 sindaci (Como, Rieti, Belluno, Isernia, Lecce, Reggio Calabria, Trani, Olbia, Palermo, Trapani).

L’Unione espugna al primo turno L’Aquila e al ballottaggio Agrigento e Taranto. Confermati 2 province (La Spezia ed Ancona) e 5 comuni (Cuneo, Genova, La Spezia, Carrara e Frosinone). Il terzo ed ultimo round delle amministrative 2007 si terrà il 10 e 11 giugno. Si voterà per il ballottaggio nella provincia di Genova e nei comuni di Pistoia, Piacenza, Matera (governati dall’Unione) e nei comuni di Parma, Lucca, Latina, Taranto, Oristano (dove nelle precedenti elezioni vinse la Cdl).

Forza Italia primo partito al Nord e in Sicilia Gli azzurri vanno benissimo soprattutto al Nord, con più voti di tutti nelle province di Vercelli (29,9%), Como (32,9%), Varese (29,4%) e Vicenza (27,6%). Ottime performance anche nelle province di Genova (23,9%) e La Spezia (24,3%), al secondo posto. Sempre al Settentrione Forza Italia è prima nei seguenti Comuni: Asti (26,6%), Alessandria (27,8%), Como (31,9%), Monza (29%), Belluno (25,8%), Gorizia (29,9%). Se il Cavaliere non ha che da sorridere per i risultati di questa tornata elettorale, lo stesso deve fare Umberto Bossi. La Lega Nord, infatti, è il secondo partito nelle province del Nord (a esclusione della Liguria). Il Carroccio segue a ruota Forza Italia e supera l'Ulivo a Vercelli (18,5%), Como (19,2%), Varese (22,3%) e Vicenza (19%). Affermazioni meno nette in altre città: Cuneo (5,2%), Asti (3%), Alessandria (10,9%), Monza (8,7%), Como (10,8%), Belluno (7,5%), Gorizia (2,1%). A Verona la Lega prende l’11,9% dei voti, ma bisogna tenere conto del fatto che la lista del sindaco Tosi (leghista) arriva seconda con il 16,3%. Sommando i due risultati il Carroccio sarebbe il primo partito della città scaligera. La Sinistra tiene al Centro L'Ulivo si conferma prima forza politica del centro Italia (Emilia Romagna, Liguria e Basilicata). In testa nelle province di Genova (30,2%), La Spezia (32,7%), Ancona (30,1%) e nei comuni capoluogo di Piacenza (25,3%), Carrara (26,8%), Lucca (28,5%), Pistoia (31,3%), Genova (34,3%), La Spezia (32,5%), Rieti (19,4%), Frosinone (16,1%), L'Aquila (13,8% Ds, 10,3% Dl), Matera (28,7%), Taranto (6,3% Dl, 6% Ds). Discorso diverso nel Nord Italia, dove l’Ulivo è il secondo partito dopo Forza Italia nei comuni e il terzo dopo Fi e Lega nelle province.