Un centro d'eccellenza e polispecialistico per curare i disturbi del sonnoAll'Istituto neurologico mediterraneo di Pozzilli (Isernia)

Dormiamo per almeno un terzo della nostra vita per ricaricarci di energie ed essere efficienti quando siamo svegli e attivi, ma anche mantenere in esercizio i nostri circuiti cerebrali e rinforzare la memoria. Non tutti, però, riescono a giovare realmente di questi benefici a causa di insonnie, disturbi del movimento e comportamentali durante il sonno, le ipersonnie e i disturbi della vigilanza, i disturbi respiratorio. Circa un terzo della popolazione, infatti, soffre di disturbi del sonno che possono in vario modo intaccare la qualità e la quantità del nostro dormire. «Le cause di questi disturbi - spiega il professor Andrea Romigi, responsabile del Centro per la diagnosi e cura dei disturbi del sonno dell'Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed - possono variare da disturbi psichiatrici molto comuni, come depressione o ansia, a problemi neurologici più rari, come la sindrome delle gambe senza riposo o la sindrome da alterata percezione del sonno, passando per le alterazioni del ritmo sonno-veglia».
Ma quello che deve preoccupare maggiormente sono le conseguenze: «È, infatti, ormai accertato - continua l'esperto in Medicina del Sonno e docente presso l'Università di Roma Tor Vergata - che chi soffre d'insonnia rischia maggiormente problemi cardiologici e per patologie internistiche e utilizza più spesso gli ospedali».
Così la medicina del sonno, che si occupa di valutare i disturbi del sonno al fine di migliorarne la qualità e di evitarne le conseguenze diurne, è ormai diventata una branca multidisciplinare della medicina che coinvolge, oltre ai neurologi, diverse specialità come psichiatri, psicologi, pneumologi, otorinolaringoiatri, chirurghi maxillo-facciali, odontoiatri e pediatri. Essa, inoltre, svolge un ruolo fondamentale, anche se spesso non riconosciuto, nella prevenzione di patologie molto comuni e nel miglioramento della qualità di vita del soggetto.
Neuromed, l'Istituto Neurologico Mediterraneo di Pozzilli, in provincia di Isernia, ha sviluppato nel corso degli anni una tale specializzazione nella malattie del sonno che oggi ha un centro, guidato dal professor Andrea Romigi, capace di curare con successo insonnia, sindrome delle gambe senza riposo, apnee notturne, narcolessia, sonnambulismo e altre parasonnie, ma anche bruxismo, enuresi notturna e disturbi del movimento correlati al sonno.