Per chi ha fatto il buono un regalo da palati fini

Dai tè ai vini francesi, dai salumi agli attrezzi da chef piccola guida agli indirizzi in cui acquistare doni golosi

Chiara Cirillo

A meno di due settimane dal Natale, si sa, la gran parte di noi è ancora in caccia del regalo perfetto per parenti e amici. E per un dono di buon gusto che cosa di meglio di un regalo di... gusto? Così, abbiamo pensato di aiutarvi fornendovi una nostra selezione di negozi dove trarre spunti o trovare il regalo giusto per tutti i palati. Dolce Idea (via San Francesco a Ripa, 27) è l’unico punto vendita a Roma della fabbrica di cioccolato di Gennaro Bottone di Napoli. I prodotti, ancora poco conosciuti nella Capitale, sono buoni e a buon mercato, una chicca per un regalo originale. Sempre in via San Francesco a Ripa, ma al civico 140, da più di un secolo c’è l’Antica Caciara Trasteverina, che non smette mai di convincere: sarà per la scelta dei salumi e dei formaggi provenienti da tutta Italia o per l’alto livello dei prodotti a prezzi onesti, fatto sta che qui si entra incuriositi e si esce contenti. Sempre a Trastevere, verso piazza Trilussa, troviamo un piccolo negozio molto particolare: Ferrara Store (via del Moro, 3). Piccolo, ma dagli scaffali stipati dei migliori prodotti dell’enogastronomia del Belpaese. Anzitutto vino, ma anche pregiate bottiglie d’olio, aceto balsamico nonché paste artigianali, miele e conserve: cos’altro aggiungere nel cesto? Al quartiere Testaccio, precisamente in via Luca della Robbia 20 c’è La Bottega delle Spezie, pochi metri quadri interamente dedicati alle spezie, ma non solo. Oltre a trovarne tante, provenienti da ogni parte del mondo, ben sistemate nei barattoli, Serena, la gentile proprietaria, ve ne spiegherà usi e proprietà, preparando profumate confezioni. Ercoli dal 1928 (via Montello, 26) è un altro indirizzo da annotare: innanzitutto per il caviale, iraniano, che arriva dalla Caviar House, società di noto prestigio, e poi foie gras, tartufi, pesci affumicati e un vasto assortimento di formaggi e specialità francesi. Insomma, l’albero della cuccagna per un cesto di Natale.
A proposito di specialità made in France, c’è un posto a Roma che è un vero paradiso: anzi, un vero paradis: Comptoir de France (via Giulia, 195/a e via G. Vitelleschi, 20), che per questo Natale propone confezioni regalo davvero eleganti. Un luogo dove toccare con mano la ricchezza della gastronomia francese: tra vini (oltre 500 etichette) e formaggi, troviamo anche ricercatezze come il sidro e i biscotti bretoni o i prodotti ittici dell’Atlantico e della Bretagna. Per gli amanti del tè, al Rione Monti c’è il posto giusto per ogni infuso: è Il Giardino del Tè (via del Boschetto, 107). Tra infusi pregiati, poco noti e più al pubblico romano, accessori, tazze e porcellane per il momento clou del pomeriggio. Per un regalo all’insegna della gastronomia sarda, in via delle Carrozze, 85 abbiamo scovato La Peonia, cose di Sardegna. E in effetti, anziché a Roma, sembra di entrare in un tipico negozio sardo. Bottarga (di muggine e di tonno), pecorini dolci e stagionati, i tipici culurgiones, quei ravioli di formaggio, patate e menta e le immancabili seadas. La Bottega Liberati (via F. Stilicone, 278,282) sarà pure un po’ fuori dalle vie dello shopping natalizio, ma una puntatina vale sempre la pena farla. Anche perché Roberto, il giovane proprietario, non smette di stupirci durante tutto l’anno e a Natale si sbizzarrisce con proposte gastronomiche insolite e interessanti. Sempre di gusto si parla anche nei due punti di riferimento a Roma per l’arredamento della tavola e della cucina: uno è Spazio 7 (via dei Barbieri, 7), un palazzetto del Settecento alle spalle di largo Argentina interamente dedicato alla casa. L’altro non poteva che essere Kitchen (via degli Ammiragli, 10), il negozio che fornisce l’attrezzatura agli chef per le grandi cucine, così come agli amanti del ben cucinare a casa.