Il comparto Arca Previdenza Alta Crescita permette di comprare quote del fondo in tutte le condizioni di mercato. Si partecipa così al rialzo di lungo termine dei listini «I giovani investano nelle linee azionarie» È il messaggio che Bini Smaghi, vice

Pochi giorni ancora per decidere sul Tfr

In un Paese come il nostro, dove quasi tutte le decisioni (anche quelle meno importanti) vengono prese solo all’ultimo minuto utile, non deve stupire che la destinazione del Tfr sia ancora un problema da risolvere per la stragrande maggioranza dei lavoratori negli ultimi giorni prima del 30 giugno. Anche perché, è bene ricordarlo, non si tratta dell’ultimo atto, quanto, piuttosto, per usare il gergo calcistico, della fine del primo tempo di una partita di un lungo campionato. Per questa ragione gli esperti concordano nel ritenere fondamentale l’opera di education per i lavoratori e le aziende che non può dirsi certo esaurita al 30 giugno.
«È essenziale effettuare una scelta consapevole - sottolinea infatti Simone Bini Smaghi, vicedirettore generale di Arca Sgr - di conseguenza si rende assolutamente necessario accompagnare il lavoratore e le aziende in un percorso conoscitivo virtuoso che deve partire dal calcolare quale sarà il gap previdenziale stimato, ovvero la differenza che si determinerà alla fine della vita lavorativa del lavoratore tra il suo ultimo stipendio e la rendita liquidata dalla pensione pubblica». Un calcolo che qualsiasi utente Internet, anche non cliente di Arca sgr, può fare proprio visitando il sito www.arcaprevidenza.it alla sezione dedicata nella home page (Che pensione avrai?), nella quale è possibile, inserendo i propri dati, ricevere un output personalizzato sulla stima del gap previdenziale. Una volta conosciuto quanto mancherà, in termini economici, per sostenere il proprio tenore di vita una volta finita l’attività lavorativa, diventa relativamente più facile per il lavoratore scegliere quale possa essere la soluzione più adeguata. Ecco perché i fondi pensione aperti e Arca previdenza (per le adesioni individuali) e Arca previdenza aziende (per le sottoscrizioni collettive) in particolare, mettono a disposizione diverse linee d’investimento calibrate per i differenti profili di rischio e, soprattutto, per le diverse archi temporali di lavoro.
«A questo proposito - aggiunge Bini Smaghi - vorrei lanciare un messaggio soprattutto ai neoassunti e ai lavoratori più giovani che hanno un numero molto elevato di anni davanti prima della pensione pubblica: abbiate coraggio e investite nelle linee azionarie. La ragione è semplice. la decisione di destinare il Tfr mensile a un fondo pensione aperto a indirizzo prevalentemente azionario, come per esempio il nostro comparto Arca Previdenza Alta Crescita, permette di comperare quote del fondo in tutte le condizioni di mercato, ovvero sia quando le Borse salgono che quando gli indici scendono. In tal modo si riesce a mediare il prezzo di acquisto (e quindi a ridurre il rischio medio dell’investimento) e si partecipa al rialzo di lungo termine dei listini azionari che, statistiche alla mano, hanno dimostrato negli archi di tempo più lunghi (quindici, venti, trent’anni e oltre ) di offrire performance superiori a quelle dei mercati obbligazionari e monetari».