Conto energia, boom di domande E il cittadino diventa produttore

Atlasole, l’atlante dei sistemi fotovoltaici ammessi agli incentivi. Tutte le informazioni sul sito www.gsel.it

Introdotto con decreto ministeriale del 28 luglio 2005, il conto energia è il primo strumento attivato in Italia con il fine d’incentivare la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici. Il provvedimento, a cui un nuovo decreto ha apportato modifiche in merito alla dimensione economica degli incentivi e alle procedure per accedervi (articolo alla pagina precedente), riconosce esclusivamente al Gestore dei Servizi Elettrici il ruolo di «soggetto attuatore» della politica di incentivazione. Il meccanismo è semplice: a seconda della taglia dell’impianto, per ogni kWh prodotto nell’arco di 20 anni il GSE corrisponde al produttore una tariffa, che fino all’entrata in vigore del nuovo decreto oscillava tra 45 e 49 centesimi. Alla quale va poi aggiunto il ricavo derivante dalla vendita dell’energia prodotta o il risparmio in bolletta, nel caso l’energia venga utilizzata per alimentare la propria utenza. L’evidente convenienza per il cittadino-produttore, unita a una capillare campagna informativa promossa dal GSE per raggiungere tutti i soggetti potenzialmente interessati, ha provocato un boom di domande per l’ammissione agli incentivi: ben 37.000 in tutta Italia dall’introduzione di conto energia, di cui circa 13.000 ammesse, per una potenza di quasi 400 MW. E per consentire agli utenti di dialogare con il GSE, è stato predisposto un portale ad hoc.
Si chiama Atlasole ed è, in pratica, un atlante degli impianti fotovoltaici ammessi all’incentivazione, consultabile sul sito Internet del Gestore, all’indirizzo www.gsel.it. Il sistema, attraverso un programma di web-mapping, permette di individuare gli impianti, in progetto o già in esercizio, raggruppati per classi di potenza (fino a 20 kW, da 20 a 50 kW, da 50 a 1.000 kW) e per numerosità, in funzione della base amministrativa prescelta dall’utilizzatore. Atlasole mette così a disposizione dei soggetti istituzionali interessati, di enti locali, e in generale degli utenti del web, uno strumento informativo su base geografica, che consente di monitorare la diffusione degli impianti fotovoltaici sul territorio nazionale. Sulla base di notizie aggiornate ogni mese, si può seguire l’iter di ogni impianto, dal progetto sino all’effettiva entrata in esercizio. A esempio, basta inserire il numero della domanda ammessa alla tariffa d’incentivazione nella schermata «Ricerca impianto» per individuare la data di ammissione e avere la rappresentazione del Comune nel quale l’impianto ha sede. Per saperne di più si può chiamare il numero verde disponibile sul sito.