Convegni in primo piano tra design e Blue economy

Da oggi fino a sabato numerose iniziative in città, alcune di grande attualità per la nautica da diporto

Venezia Dopo l'inaugurazione con i saluti del sindaco Luigi Brugnaro e della presidente del Senato Casellati, e il sorvolo delle Frecce Tricolori, a Venezia è già tempo di design, blue economy, sicurezza in mare, sviluppo delle propulsioni ibride ed elettriche, laboratori didattici per i più piccoli. Sono questi i grandi temi su cui si sviluppa il ricco programma del Salone Nautico Venezia. In cattedra sale la cultura del mare e per il mare in quella grande operazione di connessione della città con il suo ambiente vitale. 

Si comincia con il tema centrale per uno dei settori del made in Italy: l'ineguagliabile creatività dei nostri designer e dei costruttori. «L'avanguardia nel design, i percorsi del nuovo nello yachting» è il tema del convegno organizzato da Vela Spa con Carlo Nuvolari (Studio Nuvolari & Lenard). Sull'argomento interverranno l'imprenditore e designer Luca Bassani (Wally - Ferretti Group), il professor Carlo Fei (Università Luiss), lo stesso Nuvolari e Luca Dini.

Impossibile elencare tutti gli eventi. Ne citiamo alcuni. Alle 18, la presentazione delle attività nella Tesa 113, anch'esse concentrate sullo yacht design. Proprio qui, a margine di Muve Yacht Projects, si potrà ammirare il modello in scala del 52 metri di Rosetti Superyachts, progetto nato in collaborazione con Phi Design di Giovanni Griggio, tra i vincitori del bando indetto da Fondazione Musei Civici di Venezia, Comune e Vela Spa. Il 52 metri Rosetti Superyachts coniuga alla perfezione la funzionalità di un supply vessel al design e alla qualità delle finiture proprie di un superyacht in grado di offrire all'armatore un layout elastico che consenta di modificarne la configurazione. Ne è un perfetto esempio il garage poppiero, facilmente trasformabile in un beach club che può raggiungere una superficie complessiva di 80 metri quadrati con l'apertura delle due terrazze a murata che creano un immediato contatto con l'ambiente circostante. Stesso discorso vale per l'enorme ponte poppiero di 142 metri quadrati in grado di accogliere un helipad.

Tra gli incontri più rilevanti di oggi «La previsione dell'acqua alta», alle 14. La presentazione, realizzata dall'Istituto di Scienze Marine in collaborazione con il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia, affronta il tema della previsione dell'acqua alta e delle relative implicazioni in un ecosistema complesso come quello della Laguna di Venezia. Alle 15,30 la presentazione della regata Hospitality Cup, che si corre in bacino su maxiyacht che vengono abbinati ai grandi alberghi di Venezia. In parallelo, l'attenzione si sposta a Torre di Porta Nuova dove Università Iuav e Regione Veneto organizzano la tavola rotonda «Marine e nautica da  diporto: esigenze di policy e opportunità per uno sviluppo sostenibile». Sabato alle 11 sarà la volta del convegno «La nautica da diporto italiana» a cura della Guardia Costiera e Assonautica. Interverrà anche Ucina Cofindustria Nautica.

AR