Così Tel Aviv ha tentato di scaricarci gli immigrati

Netanyahu annuncia un’intesa con l’Onu per spedirci 16mila africani. Roma nega, poi lui fa saltare l’accordo

U n compromesso senza precedenti. Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva definito l’accordo con l’Unhcr (l’agenzia dell’Onu per i rifugiati) in base al quale 16.250 sudanesi ed eritrei, qualificati come «migranti economici» e «infiltrati illegali» dal governo di Gerusalemme, dovevano essere allontanati dal territorio israeliano e accolti da «Paesi sviluppati» occidentali disponibili. Netanyahu ne citava tre: uno è l’Italia, gli altri sono la Germania e il Canada. Ieri sera, però, mentre dal centrodestra già fioccavano proteste e richieste di chiarimenti, il ministero degli Esteri italiano ha smentito l’esistenza di un accordo di questo tipo che ci riguardi. Poco dopo, seguiva analoga smentita da Berlino. A quel punto Netanyahu si è trovato costretto prima a precisare che i tre Paesi occidentali citati «erano solo degli esempi», poi ad annunciare la sospensione dell’intesa con l’Onu. «Ho deciso di sospendere l’applicazione di questo accordo e di ripensarne i termini», ha dichiarato Netanyahu sulla sua pagina Facebook, dopo aver «letto attentamente le critiche contro questa intesa». L’Unhcr, l’agenzia dell’Onu per i rifugiati, si sarebbe impegnata a organizzare e finanziare i trasferimenti in Occidente in cambio dell’impegno israeliano a concedere a un numero equivalente di immigrati lo status di residenti temporanei in Israele, ma ieri sera la sua portavoce in Italia Carlotta Sami ha a sua volta precisato che «nell’intesa con Israele non è indicato alcun Paese» a cui inviare i migranti. «Questo dipenderà da accordi successivi che faremo con ogni singolo Paese che sia disposto ad accoglierli. Non c'è nessun accordo con l'Italia. Ci sono alcuni casi di persone con parenti in Italia e che, dopo un accordo con il governo italiano, potrebbero essere riunificati con le famiglie». Nel gennaio scorso il premier israeliano aveva annunciato che il problema rappresentato da circa 38mila immigrati irregolari africani, insediatisi in un’area della periferia di Tel Aviv denominata «Little Africa», sarebbe stato risolto rispedendoli nel continente di provenienza. A partire dal 4 febbraio Netanyahu, riconoscendo che il Sudan e l’Eritrea sono Paesi che non danno adeguate garanzie umanitarie ai propri cittadini emigrati, aveva fatto notificare agli immigrati un’alternativa secca: lasciare volontariamente Israele entro la fine di marzo oppure rischiare il carcere. Secondo fonti di organizzazioni umanitarie, il premier israeliano contava di trasferire gli immigrati in Paesi africani come l’Uganda e il Ruanda: una decisione che aveva suscitato proteste in ambienti politici e della cooperazione, oltre che dei sopravvissuti all’Olocausto secondo cui Israele avrebbe doveri particolari nei confronti dei migranti. C’era inoltre da registrare la sostanziale chiusura da parte dei due Paesi africani, che avevano rifiutato di far immigrare persone contro la loro volontà. Inoltre, il 15 marzo la Corte Suprema israeliana aveva sospeso il piano del governo, riservandosi di esaminarlo. A quel punto è sopravvenuta l’intesa con l’Unhcr. La notizia del presunto arrivo in Italia di altre migliaia di immigrati dall’Africa aveva suscitato immediate reazioni negative nel centrodestra. Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, si era detto sbigottito, chiedendo che il Parlamento si opponesse subito. «Semmai - dichiarava - bisogna chiedere che altri prendano profughi approdati in Italia». Per il vicepresidente leghista del Senato Roberto Calderoli «non se ne parla neppure di prenderci una quota dei 16mila immigrati clandestini africani che Israele sta per espellere dal suo territorio. Ma ci siamo dimenticati che l’Italia ha già 600mila clandestini da espellere?».

Commenti

piardasarda

Mar, 03/04/2018 - 08:46

Ah,ah,ah! 600000 da espellere, e Israele ha il problema per 38.000. Fateci sapere, tutto uno schifo, piccolino il traffico di affari vari.

Demy

Mar, 03/04/2018 - 08:47

Strano che un Paese come Israele, super protetto e sicuro, abbia «infiltrati illegali». Falle nella sicurezza o manovra politica?

Edith Frolla

Mar, 03/04/2018 - 08:48

Grande prova di fermezza da parte dell'Italia, che rispedisce al mittente il pacco proveniente da Israele. Ed ora che si ripiglino anche il loro Saviano.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 03/04/2018 - 08:54

Dimenticando le ipocrisie di rito , si deve dire che i migranti sono un problema e che il numero accettabile,in ogni paese,non è infinito .Inoltre tutti quelli che arrivano da paesi senza problemi di Guerra come Nigeria ,Senegal,Algeria etc.dovrebbero essere accettati solo sulla base di selezioni che verifichino la loro possiblità di inserimento.Regole,poche e semplici che vengono travolte dalla bramosia di ricchezza di chi gestisce un business infame (volendo moderare I termini).Stiamo creando centinaia di migliaia di disadattati senza futuro destinati a vivere di sovvenzione o malaffare : siamo di fronte ad una irresponsabile epocale follia .

FRATERRA

Mar, 03/04/2018 - 09:21

....16.250....con parenti in...Itaglia....

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 03/04/2018 - 09:24

Bisogna sempre stare con gli occhi aperti. Essendoci fatti una reputazione di deboli, dopo la Francia et altri, ci hanno provato anche loro.

DRAGONI

Mar, 03/04/2018 - 09:33

"«migranti economici» e «infiltrati illegali»"- CHE COME è NOTO I GOVERNI DI SINISTRA ITALIANI , ORA SOTTO SFRATTO ESECUTIVO,E Ong DI VARIE NAZIONALITA'HANNO IMPIEGATO PER I CONNESSI E A VOLTE MAFIOSI AFFARI!! ISRAELE VOLEVA FORNIRCI GRATIS DETTA MERCE UMANA MA ......NON HA FATTO I CONTI CON LA CATENA AFFARISTICA SUDDETTA CHE NON AMMETTE INTERFERENZE DI ALCUN GENERE POICHE' E' COSA LORO!!

Ritratto di elio2

elio2

Mar, 03/04/2018 - 09:34

Tutto il mondo sa che un popolo che si è lasciato sgovernare da dei decerebrati compagni senza nessuna legittimazione popolare, che hanno ridotto la nostra PATRIA ad una discarica di ogni rifiuto dell'umanità, NON VALE NIENTE e se ne approfittano, mentre le criminali organizzazioni rosse e le false onlus clericali, che con la tratta dei nuovi schiavi ci fanno soldi a palate, ne sarebbero state felici.

Ritratto di gianluca1961

gianluca1961

Mar, 03/04/2018 - 09:35

Il buon Neta ha sbagliato i tempi.. l'avesse proposto prima del 4 marzo l'italia li avrebbe senz'altro accolti.. in nome di un "noncapiscobene" senso di protezione su tutti i poveri e disgraziati del mondo, come se gli stati e i governi africani non esistessero. Nel secolo scorso, pur sbagliando, abbiamo portato civiltà e infrastrutture a casa loro, i sinistri invece, pensando di essere più furbi hanno semplicemente pensato di portare l'africa in italia a spese dei cittadini.. e così ci vedono gli altri stati mondiali..dei perfetti cucù senza il senso dell'economia

Dordolio

Mar, 03/04/2018 - 09:54

Perchè tante chiacchiere? Ricordatevi che Israele fa quello che vuole, come vuole e quando vuole. Alla faccia di tutti. E chi prova ad opporvisi è solo un bieco antisemita che vuole in realtà sterminare tutti gli ebrei.

zingozongo

Mar, 03/04/2018 - 10:03

l unicsa soluzione e' 2 popoli in 2 stati con una forza di interposizione onu

Willer09

Mar, 03/04/2018 - 10:04

sta a vedere che nemmeno i sudanesi e gli eritrei vogliono stare in israele. tornino a casa loro, da noi non c'è più posto. vero Salvini?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 03/04/2018 - 10:21

Non c'è dubbio, però, che l'italia sia la più grande discarica per immigrati. In essa la raccolta è del tutto indifferenziata.

babilonia

Mar, 03/04/2018 - 10:21

Possono venire, tanto ne abbiamo così pochi....

Yossi0

Mar, 03/04/2018 - 10:31

la francia fa quello che vuole, le ong straniere scaricano gli immigrati in Italia ignorando le leggi del mare e vi chiedete perché Israele voleva inviarci i suoi immigrati clandestini ? Ormai contiamo come il due di coppe quando regnano i denari a briscola !!! Grazie ai governanti, e non solo, che ci siamo scelti negli ultimi anni.

rossini

Mar, 03/04/2018 - 10:36

Questo è il risultato di aver dato il governo del Paese a quei quattro quaquaraquà del PD. La Francia si prende a schiaffi in faccia, Israele e l’Onu ci scambiano per una discarica di rifiuti umani, l’America ci impone di perdere 3 miliardi di esportazioni all’anno con le sanzioni alla Russia. Siamo diventati lo zimbello d’Europa e di questo dobbiamo dire grazie a Napolitano, Renzi, Gentiloni, Minniti e Alfano.

Ritratto di tangarone

tangarone

Mar, 03/04/2018 - 10:47

Qualsiasi paese abbia una politica basata sulla religione, è un paese marcio

slim63

Mar, 03/04/2018 - 11:04

Si continua a parlare di 600.000 clandestini da espellere ma dove sono?..L'ITALIA E' SOLO TERRA DI PASSAGGIO LA VERITA' E' CHE TUTTI I VERI RICHIEDENTI ASILO RAPPRESENTATI DA SOMALI, ERITREI E SIRIANI APPENA GIUNTI IN ITALIA NON SI FANNO NEMMENO IDENTIFICARE MA POI PROSEGUONO PER GERMANIA, SVEZIA, INGHILTERRA..GLI ALTRI CHE NON HANNO DIRITTO TENTANO COMUNQUE IN TUTTI I MODI DI RAGGIUNGERE LA FRANCIA O LA SVIZZERA, VEDI FRONTIERE DI VENTIMIGLIA, BARDONECCHIA,CHIASSO.

Iena_Plinsky

Mar, 03/04/2018 - 11:13

Altra prova di come l'Italia sia diventata la barzelletta da una sponda all'altra del mediterraneo. Della serie: "non sai cosa farne? mandali in Italia che li' li prendono sempre".

perseveranza

Mar, 03/04/2018 - 11:30

UNHCR dichiara però che comunque alcuni verranno ricollocati in Italia per via dei "ricongiungimenti familiari". Quindi al di la della rettifica (parziale) qualche (quanti???) ricollocamento ci sarà. Alla faccia degli oltre 600.000 che già sono in Italia senza diritto e che BISOGNA rimpatriare. Il governo uscente continua a far danno anche fuori tempo massimo.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 03/04/2018 - 11:33

ci hanno provato, ben sapendo che l'Italia, con il governo di sinistroidi è diventata la PATTUMIERA DEL MONDO.

MEFEL68

Mar, 03/04/2018 - 11:35

Netanyahu pensava di farci un regalo. Ormai siamo famosi in tutto il mondo per la nostra insaziabile sete di "risorse".

Mborsa

Mar, 03/04/2018 - 11:50

In questa vicenda è chiaro che il governo italiano si fa imporre da terzi le proprie decisioni. Il governo israeliano non avrebbe annunciato la destinazione di questi immigrati se non ci fosse stato un accordo preciso, forse riservato, tra le parti. Il governo italiano, come nel caso con la Francia, prende accordi che poi nega quando scoppia il caso. Ci vorrebbe almeno la dimissione di un ministro per non coinvolgere tutto il governo in un giudizio di incapacità e di inaffidabilità! Sveglia Gentiloni, quattro schiaffi internazionali in due settimane sono troppi anche "er moviola"! Le ONG e la Unhcr contano più del governo!

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 03/04/2018 - 11:59

-come volevasi dimostrare ---era un pesce d'aprile del plurindagato beniamino---e le scimmie pazze di questo blog ieri zompavano a più non posso---swag

aitanhouse

Mar, 03/04/2018 - 12:18

quei bravi israeliani avranno pensato : che vuoi che facciano 16000 migranti in più in un paese dove regna il caos e dove questa marmaglia può fare quello che caxxx vuole senza che nessuno possa dire niente trattandosi di risorse e doni? che fine di mxxxx abbiamo fatto in mano a questi scellerati maledetti traditori della patria, ormai ci ritengono una discarica internazionale dei rifiuti della terra. Dobbiamo riscattarci assolutamente ,non possiamo continuare a subire offese e calci in faccia da chiunque .

Dordolio

Mar, 03/04/2018 - 12:47

No elkid. La notizia era assolutamente vera. Il sionista non si aspettava tanto clamore (convinto come è che l'Italia sia la pattumiera del mondo) e chi gli sta sopra gli ha messo la mordacchia per semplici motivi di opportunità momentanea. Troveranno poi un modo diverso e ricattatorio nel loro stile per farci digerire il tutto (magari: chi non prende i migranti è nazista o qualcosa di simile, che si trova sempre).

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 03/04/2018 - 13:07

Occorrerebbe esser più prudenti nel trattare con Israele. Non possono esser considerati amici oltre ogni ragionevole dubbio. Come gli altri, beninteso.

Giorgio5819

Mar, 03/04/2018 - 13:16

...sempre falsi come giuda...

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Mar, 03/04/2018 - 13:43

16000 sono circa il 3% di 600000(che poi bisogna vedere se è 600000 o alcuni milioncini) : l'Italia potrebbe accettare la proposta israeliana(una Little Africa in Padania è il massimo) a condizione che le Forze Armate israeliane insegnino a quelle italiane come fare i respingimenti nel Mediterraneo . E' un'occasione ! . Yeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .