Una battaglia giusta e una parola tardiva

Sul voto all'Unesco e l'astensione dell'Italia il governo arriva tardi

«La verità è incontrovertibile. Il panico può negarla, l'ignoranza se ne può far beffe, la malizia può distorcerla, ma è comunque là». L'ha detto Winston Churchill, uno che spesso aveva ragione. E così alla fine Matteo Renzi ha definito «allucinante» la decisione Unesco di negare agli ebrei ogni rapporto storico con Israele, con Gerusalemme, col Muro del Pianto donandone il retaggio storico solo ai musulmani. E ha convocato il ministro Gentiloni per chiedergli come mai l'Italia si sia astenuta invece di rifiutare, come Regno Unito e Germania, una bugia tanto mostruosa. È un bene per l'Italia che questo accada. Un bene per la ragione e il buon senso. E una soddisfazione per noi che scriviamo.

In queste ore due nuove scoperte archeologiche si sono aggiunte alle già tante prove dell'ebraicità di Gerusalemme: un papiro di 2.700 anni fa ritrovato nel deserto, in cui la parola Gerusalemme è scritta in ebraico, e il sito della battaglia con cui le truppe di Tito nel 70 D.C. violarono le mura della città. Come se ce ne fosse bisogno: chi non sa che Gerusalemme è la patria degli ebrei? L'Onu e i suoi derivati non lo sanno e l'Italia si conforma a dinieghi antisemiti. Ma dopo le nostre ripetute proteste sulle prime pagine del Giornale, dopo la bella campagna organizzata dal Foglio quotidiano, dopo lo scandalo dell'ebraismo mondiale, Matteo Renzi ha realizzato la gravità dell'errore della delegazione italiana che si è astenuta sulla mozione che regala al mondo islamico il retaggio più prezioso della storia ebraica: Gerusalemme.

Non avviene spesso che un premier critichi definendolo «un automatismo» un gesto del suo governo. Ma all'Onu e nelle sue organizzazioni è un tic: tutti salvo alcuni coraggiosi sono disposti a votare perfino che gli asini volano purché si rispettino due regole basilari, ovvero l'unità e la criminalizzazione di Israele. Il Consiglio dei diritti umani ha adottato dal 2006 al 2015 135 risoluzioni, di cui 68 contro Israele; l'Assemblea generale dal 2012 al 2015 ne ha approvate 97, di cui 83 contro Israele; e l'Unesco che dovrebbe difendere la cultura mentre si distrugge Palmira, adotta ogni anno 10 risoluzioni, il 100 per cento, contro Israele. L'Italia si astiene o vota a favore, non ho memoria di una contrapposizione coraggiosa. Se Renzi si è svegliato, accorgendosi di questa realtà, è grazie anche ai nostri urli. Sappia che l'Italia si è astenuta anche quando Hebron - con la Tomba dei patriarchi Abramo, Isacco e Giacobbe - è stata dichiarata musulmana; anche quando l'Organizzazione mondiale per la sanità, che vota solo risoluzioni per migliorare la salute nel mondo, ha sanzionato un unico Paese, quello che cura le famiglie di Gaza, i feriti della guerra in Siria, i familiari dei capi di Hamas e di Al Fatah. E allora signor primo ministro, la battaglia è appena cominciata. Noi la continueremo certi che così farà anche lei, adesso che ha potuto verificare l'assurdità dell'odio anti-israeliano nelle istituzioni internazionali.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Sab, 22/10/2016 - 10:52

Fiamma, l'ha capito anche lei, la politica del buffone e' un colpo al cerchio e uno alla botte. Prima favorisce i banditi del Quatar per gli investimenti, poi fa lacrime da coccodrillo per Israele. Tanto di Israele non gli frega nulla a nessuno, specialmente ai pidioti, filopalestinesi.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 22/10/2016 - 10:54

Ignorante o mistificatrice? Magare entrambe le cose! Nessuno ha mai negato le origini ebraiche di Gerusalemme. Quello che neghiamo è la ebraicità degli israeliani e che Gerusalemme sia israeliana! Ti ricordo (se ma l'hai saputo) che noi Musulmani in origine pregavamo rivolti proprio verso Israele, che per l'Islam la donna più pura, resa tale da Dio, è un'Ebrea, Maria madre di Gesù. A cui è dedicata un'intera Sura del Corano. E che Gesù, grande Profeta dell'Islam, è riconosciuto discendere dal popolo Ebraico. Quindi lavati la bocca (e tutto il resto) quando tu, israeliana, parli degli Ebrei.

linoalo1

Sab, 22/10/2016 - 10:55

Però,seguendo la Teoria di molti nostri Magistrati Schierati,adesso siamo noi Cittadini Itaiani a gridare:Non Poteva Non Sapere!!!

ego

Sab, 22/10/2016 - 11:04

Bravo Renzi. Due sue prese di posizione ho apprezzato: questa contro il voto dell'Unesco e la difesa della legge di stabilità contestata dalla UE.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 22/10/2016 - 11:48

@Omar, forse devi lavarti tu la bocca, parli di gerusalemme come fosse tua. Non c'entri niente, non sei nato, non hai abitato, non hai avi. Che azzo vuoi da Fiamma ? Lei è ebrea e ha diritto di dire la sua sul suo popolo e la sua terra, così pure il diritto ce l'hanno gli arabi. Tu no, non ne hai i titoli di zittire coloro che ne fanno parte.

ohibò44

Sab, 22/10/2016 - 12:00

“io non c’ero e se c’ero dormivo”: ohibò, che statista!

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 22/10/2016 - 12:13

----------cara fiamma---le leggi devono essere uguali per tutti e devono essere rispettate da tutti---possiamo discutere fino a domani mattina ---ma finchè israele non molla le terre occupate nel 67----gerusalemme est ed il golan--israele è fuorilegge punto---quindi io il voto dell'unesco lo appoggio in maniera strumentale--se serve a far pressione----per quanto riguarda i destricoli poi--essi sono confusi---un giorno appoggiano israele incondizionatamente---il giorno dopo fanno diventare israele complice con gli americani di tutte le nefandezze del mondo---hasta

Ritratto di il navigante

il navigante

Sab, 22/10/2016 - 12:26

Lo Stato di Israele moderno è una creazione "Politica" del Sionismo, che c'entra nulla con la Religione Ebraica. Nello stesso Israele ci sono gruppi di Ebrei: I Neturei Karta, che rifiutano di riconoscere l'autorità e la stessa esistenza dello Stato di Israele, in nome della propria interpretazione dell'ebraismo, della Torah e di passi del Talmud. Bisogna distinguere Religione Ebraica da Sionismo.

puntopresa10

Sab, 22/10/2016 - 12:52

Poveretti,le religioni sono il cancro del mondo.Il dio unico che ha creato il cielo è la terra, sono solo balle e la Bibbia non parla di Dio e voi musulmani siete conciati peggio di noi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 22/10/2016 - 12:56

Si è sempre saputo da che parte sta il governo italiano. E' inutile bleffare. Ditelo chiaramente che siete contro Israele e gli ebrei e a favore dei muslim. Negare è una offesa all'intelligenza. Averne.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 22/10/2016 - 13:00

La cosa più ripugnante è vedere due organi come Onu e unesco che dovrebbero, ripeto devono essere superpartes, fare il tifo da stadio a favore dei soliti. Meglio togliersi e non esser e complici da chi faa il contrario di quello che dice, di chi vuole essere immacolato sapendo di essere marcio. Amarezza sapere che il rappresentante italiano di tutti noi si comporti così.

Ritratto di il navigante

il navigante

Sab, 22/10/2016 - 13:21

Riprovo invio)- Lo Stato di Israele moderno è una creazione "Politica" del Sionismo, che c'entra nulla con la Religione Ebraica. Nello stesso Israele ci sono gruppi di Ebrei: I Neturei Karta, che rifiutano di riconoscere l'autorità e la stessa esistenza dello Stato di Israele, in nome della propria interpretazione dell'ebraismo, della Torah e di passi del Talmud. Bisogna distinguere Religione Ebraica da Sionismo.

Ritratto di il navigante

il navigante

Sab, 22/10/2016 - 13:23

Signora Fiamma: La verità è incontrovertibile! Israele occupa illegalmente dei territori, leggi pluricondanne ONU e similari.

fisis

Sab, 22/10/2016 - 13:27

Terroristi che si dichiarano islamici stuprano, incendiano chiese, decapitano, ammazzano uomini, donne, bambini, senza distinzione, in nome del loro allah, evidentemente un diavolo assetato di sangue umano, ma l'unesco si preoccupa di Israele, unico paese democratico in tutto un medio oriente, occupato da regimi islamici estremisti e intolleranti.

potaffo

Sab, 22/10/2016 - 13:40

L'astensione è il modo di votare dei servi. Come per tutte le altre cose il governo mette la firma poi chiama i giornalisti e dice che non era d'accordo. Perchè astenersi non vuol dire essere contrari.

idleproc

Sab, 22/10/2016 - 14:29

Gli Italiani non ancora zombizzati che sono la maggioranza sono con quanto da Lei sostenuto. Ci sarebbe da ridere se non fosse evidente lo scopo politico della genialata dei difensori dei patrimoni culturali dell'umanità. Dietro a questi buoni principi proclamati ci sta la volontà dell'annullamento dei popoli reali e delle loro culture vive.

emilio ceriani

Sab, 22/10/2016 - 14:48

Inutili le belle parole di circostanza nei confronti di Israele. Sono le decisioni quelle che contano. Dall'articolo leggo che Germania e Regno Unito, nonostante la diversa posizione sull'Europa, hanno avuto il coraggio di prendere posizione. LItalia No.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 22/10/2016 - 15:34

Chiedere e dare spiegazioni dopo il voto è inutile. Fossi ebreo smonterei il muro e lo venderei a peso pezzo per pezzo.

Keplero17

Sab, 22/10/2016 - 16:26

Ribadisco il concetto che è un problema che non ci riguarda. Il bello è che poi questi Emirati del golfo sono i maggiori alleati di Israele e degli usa contro la Siria. Se Israele vuole buttare giù la moschea faccia pure, non ci deve riguardare, se vuole cacciare i palestinesi idem. Noi dobbiamo pensare solo alla marea di migranti che ci sommergerà fino al collo e le moschee le metteranno ovunque anche dentro le scuole e così dopo il problema l'avremo noi al posto degli israeliani. Quindi votare no al referendum è la scelta giusta.

ohibò44

Sab, 22/10/2016 - 17:22

"bisogna distinguere religione ebraica da sionismo": perfetto però allora bisogna distinguere terrorimo da islam. Io non ci riesco, senza l'islam non esisterebbe il terrorismo e senza il sionismo non esisterebbe Israele: vogliami cancellarlo dalle carte geografiche come voleva fare Ahamadinejihad (io lo chiamo così)

ohibò44

Sab, 22/10/2016 - 17:24

che sia il caso di prender nota che chi 'sotto sotto' è fascista 'sotto sotto' è anche antisemita?