Bibbiano, chiuse le indagini: pure l'ex sindaco dem tra i 25 indagati

La Procura chiude le indagini dell’inchiesta “Angeli e Demoni” sui presunti affidi illeciti nel reggiano. Salgono da 102 a 107 i capi d’imputazione

La procura chiude le indagini dell’inchiesta “Angeli e Demoni” sui presunti affidi illeciti nel reggiano. Salgono da 102 a 107 i capi d’imputazione. Tra gli indagati rimane anche Andrea Carletti, il sindaco di Bibbiano a cui il Riesame ha appena ritirato la misura cautelare che prevedeva l’obbligo di dimora nel suo comune di residenza, Albinea.

L’ordinanza della procura di Reggio Emilia che analizzava i casi di alcuni minori che sarebbero state vittime di un sistema di affidi illeciti era stata la scintilla che, il 27 giugno scorso, aveva fatto scoppiare il caso Bibbiano. Dall'inchiesta è emersa una serie di accordi sottobanco e favoritismi che svela un'enorme rete formata da enti privati e pubblici e collegata anche dalle istituzioni. Un sistema fatto di intrecci e atrocità che, per anni, sarebbe servito a favorire un business illecito di diverse centinaia di migliaia di euro. Dall'inchiesta della procura sono emerse finte relazioni, falsi documenti e pressioni psicologiche utilizzate dagli psicologi per riuscire a plagiare i minori. Vere e proprie opere di convincimento, meccanismi di persuasione e storie di fantasia per screditare le famiglie dei piccoli. Una volta "plagiati" i bambini avrebbero dovuto denunciare i genitori, raccontando di aver subito violenze mai avvenute.

I reati contestati sono, a vario titolo, peculato d’uso, abuso d’ufficio, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, frode processuale, depistaggio, rivelazioni di segreto in procedimento penale, falso ideologico in atto pubblico, maltrattamenti in famiglia, violenza privata, lesioni dolose gravissime, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

A sei mesi dallo scoppio dello scandalo oggi la procura conferma tutti i capi di imputazione, altri sono stati aggiunti grazie alle ricerche dettagliate degli ultimi mesi. Quattro capi d’imputazione sono stati stralciati. Si tratta del direttore dell’Ausl reggiana, Fausto Nicolini, l’addetta stampa dell’azienda sanitaria locale Federica Gazzotti, l’ex sindaco di Cavriago nonché già presidente dell’Unione Val d’Enza Paolo Burani e l’avvocato Marco Scarpati. Per uno tra gli indagati le indagini del nucleo investigativo coordinate dal pm Valentina Salvi e dal procuratore Marco Mescolini hanno portato alla consenso alla richiesta di patteggiamento. É stata fissata l’udienza per il 27 gennaio di fronte al giudice per le indagini preliminari.

Al via i 20 giorni di tempo per gli interrogatori a cui saranno sottoposti gli indagati, poi la Procura sarà chiamata a decidere se procedere con le richieste di rinvio a giudizio.

GLI INDAGATI AL CENTRO DELL'INCHIESTA

Tre i capi d'imputazione nei confronti del guru della "Hansel e Gretel". Concorso in abuso d'ufficio l'accusa nei confronti di Claudio Foti alla quale si sono aggiunte, sulla base delle registrazioni delle sedute da lui sostenute con alcuni minori presentate dal legale dello psicologo in sede di tribunale, frode processuale e lesioni personali gravissime.

Tra i destinatari dell'avviso di chiusura delle indagini anche Andrea Carletti. Il sindaco di Bibbiano e delegato dell'Unione Comuni Val d'Enza alla specifica materia delle politiche sociali, che si conferma indagato per abuso di ufficio e falsità ideologica. Secondo quanto redatto dai pm l'ex sindaco dem avrebbe lavorato assieme a Foti alla creazione di un progetto volto a consentire, allo psicologo, la prosecuzione illecita del servizio di psicoterapia. Una comunità per minori che, sotto proposta proprio del sindaco dem, sarebbe nata nel paesino dove operava il primo cittadino. A Bibbiano. Un'idea già andata in porto e prota a prendere forma e la cui gestione degli spazi, in assenza di qualsivoglia procedura ad evidenza pubblica, era già stata interamente affidata al centro studi Hansel e Gretel.

Tra i principali indagati rimane anche Federica Anghinolfi, dirigente dei servizi sociali della Val d'Enza. Secondo quanto contestato dalla procura nel provvedimento, la capa degli affidi, avrebbe, minacciato i genitori di uno dei bambini, intimidando che gli avrebbe permesso di vedere i figli "a condizione che rilasciasse ai Servizi Sociali il suo consenso a che il figlio minore fosse sottoposto ad un percorso di psicoterapia specialistica con Foti". Per i pm, Anghinolfi avrebbe compiuto "atti idonei diretti in modo inequivoco a costringerlo a prestare il predetto consenso". Tutto, al fine di procurare a Foti Claudio, profitti in denaro, "pari al corrispettivo richiesto per le sedute terapeutiche di euro 135 ogni ora".

Un atteggiamento intimidatorio che si sarebbe materializzato in una mail recapitata al genitore da parte di un'assistente sociale dietro ordine della dirigente Anghinolfi. "Rispetto alla richiesta del suo assistito di vedere i figli, dopo essermi confrontata in équipe, le comunico che il Servizio non è d'accordo a svolgere tale incontro. Lo stato di malessere per quanto successo è ancora molto presente e disturbante per la vita dei minori. Poiché si rende necessaria una psicoterapia specialistica, chiedo che il suo assistito possa trasmettere, tramite il suo aiuto, un'autorizzazione al servizio scrivente ai percorsi terapeutici necessari, forse una volta avviato il percorso e ristrutturato il trauma subito ci potranno essere maggiori spazi".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 14/01/2020 - 19:55

e perchè il PD non prende le distanze? perchè non condanna tutto questo? perchè tiene tra le sue file questa gente? :-) per berlusconi fu fatto oggetto di odio per MOOOOOOOOLTO meno!!!!! voi, per una cosa schifosa come questa, neanche vi scusate e fate ammenda.... ma sputatevi!! e state zitti su berlusconi!!!!!!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 14/01/2020 - 20:00

Siamo in terra Rossa...spero che quella terra dal coloro rosso demoniaco passi al colore blu del cielo,che da un senso di libertà e di purezza e che dia serenità e tranquillità ai bambini e ai genitori ai quali hanno violati sacrosanti diritti oltre ad aver permesso di calpestare la dignità;in una sola parola:VERGOGNATEVI.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 14/01/2020 - 20:11

Indagato il Sindaco PD per un fatto orrendo che non deve essere dimenticato. Bonaccini non poteva non sapere, dovrebbe scusarsi con le famiglie dei bambini venduti e ritirarsi dalla corsa. Bergonzoni ha colto nel segno quando ha detto e scritto "PARLIAMO DI BIBBIANO", bisogna parlarne sempre, non dimenticare mai, incalzare il Bonaccini. Non servono altri argomenti sebbene vincenti come la mala sanità, le case ai rom, i soldi alle coop dei clandestini, i centri sociali rossi, basta dire a Bonaccini "PARLIAMO DI BIBBIANO" per confonderlo, fargli abbassare lo sguardo, farlo balbettare parole incomprensibili, farlo sudare dall'imbarazzo. Lo ha già fatto la Bergonzoni nel primo incontro dove lo ha umiliato e ha scolpito la sua vittoria nel granito.

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 14/01/2020 - 20:28

Tranquilli non se ne parlerà nessuno, passerà come nulla successo e la Rai con Rai3 e Agorà in particolare, e con la 7 dove conduttori schierati mandano la solita pubblicità per interrompere gli interventi degli sfigati politici e giornalisti del centrodestra. Non ne parleranno troppo impegnati come sono nella campagna di criminalizzazionone della Lega e di Salvini in particolare...

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 14/01/2020 - 20:31

Bastardi, solamente bastardi.

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 14/01/2020 - 20:35

VOTA PD ahahahahaha

ItaliaSvegliati

Mar, 14/01/2020 - 20:40

Ora i PDIOTI vanno pure in ritiro in convento a fare mea culpa? E l'avvocato di BIBBIANO sta con i KOMUNISTI? Di Maio...mai con i DEMONI DI BIBBIANO... ma vanno perfettamente d'amore...dimmi con chi vai ti dirò chi sei...

ziobeppe1951

Mar, 14/01/2020 - 20:41

KOMPAGNI...ARRENDETEVI!!!...SIETE CIRCONDATI!!!

moichiodi

Mar, 14/01/2020 - 20:48

Valanga di indagati. Non è possibile. Il giornale per mesi ci faceva sapere che erano condannati. Il giornale fa il passo del gambero.

moichiodi

Mar, 14/01/2020 - 20:50

Valanga di indagati! Ma se il giornale per mesi ci faceva sapere che erano condannati! Il giornale fa il passo del gambero.

Ritratto di pascariello

pascariello

Mar, 14/01/2020 - 22:40

Vorrei vedere l'apertura di MAGGIORI SPAZI dedicati a questi infami nelle PATRIE GALERE !

Giorgio Rubiu

Mar, 14/01/2020 - 23:09

Quanta ripercussione potrà avere la faccenda di Bibbiano sulle elezioni regionali in Emilia-Romagna? Spero sia tanta!

bremen600

Mer, 15/01/2020 - 00:57

il comunismo è la filosofia dei falliti,il credo degli ignoranti,il vangelo dell'invidia : la sua caratteristica intrinseca è la condivisione della povertà.

ST6

Mer, 15/01/2020 - 01:08

State sereni la giustizia farà il suo corso. State sereni

ST6

Mer, 15/01/2020 - 01:17

giùalnord: rosso, blu ma che tristezza: il verde nessuno se lo ricorda piú.

anfo

Mer, 15/01/2020 - 08:01

Bene, compagnucoli vari ora rosicate! Buona giornata.

ItaliaSvegliati

Mer, 15/01/2020 - 08:18

M5S mai col partito di BIBBIANO....hahahaha falsi e traditori del paese, adesso sono al 15% con l'avvocato di Bibbiano, alle prossime elezioni scompariranno!!!

kyser

Mer, 15/01/2020 - 08:26

ssshhhh silenzio!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 15/01/2020 - 09:24

che SCHIFO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 15/01/2020 - 09:24

La Cassazione ha sentenziato. Indagine ormai liquefatta nel suo tentativo di farne un cavallo di Txxxa politico. Bonaccini ringrazia per quest'altro pacchetto di voti portato in dono dalla destra.

hectorre

Mer, 15/01/2020 - 09:29

ST6.....dillo ai bimbi e ai genitori che hanno subito le violenze di stare sereni, chissà se mai potranno dimenticare!!!!!!.....a una settimana dal voto esce la notizia sul sindaco di Bibbiano, immotivate le restrizioni....un soccorso rosso in grande stile!!!....peccato che sia ancora tra gli indagati, non è stato prosciolto!!!!!....io non sono sereno!!!.....sono disgustato!!!!!!!!

EliSerena

Mer, 15/01/2020 - 09:57

In una società normale dovrebbero essere i sindaci della Lega, proprio loro, a sconfessare il loro leader dicendo che strumentalizzare politicamente Bibbiano è una cosa vomitevole. Soprattutto perché quello che oggi accade in un paese a trazione PD domani potrebbe accadere anche a loro venendone travolti senza colpa. Come immodestamente scrissi fin dall’inizio chi ha sbagliato è giusto che paghi fino in fondo. Ma la politica, almeno in questo caso, lasciamola perdere. E se Salvini non lo capisce mi auguro che ci pensino gli amici sindaci leghisti che, a differenza di Salvini, sanno cosa significhi amministrare una comunità scendendo al bar a bere il caffè. Ma dubito che siamo in una società normale.