Bibbiano, nuovi dettagli choc: spuntano gli affidi "fantasma"

Dalle carte emerge che una donna, per poter lavorare, doveva fingersi affidataria di un minore

Era stata nominata affidataria di due bambini, ma la donna, quei piccoli, non li ha mai accuditi. Maria (nome di fantasia, ndr) sarebbe l'ennesima vittima dei servizi sociali della Val D’enza. Gli stessi che, secondo la Procura di Reggio Emilia, avevano messo in piedi un presunto giro di affari illecito denunciato nell’inchiesta “Angeli e Demoni”.

Ma andiamo con ordine. Tutto è iniziato quando i servizi sociali approfittarono dei problemi economici della donna che, trovandosi in difficoltà, cadde nella trappola dei “demoni”, come racconta Il Resto del Carlino. Maria si era rivolta ai servizi sociali della Val d’Enza, indirizzata dal centro per l’impiego. “Feci un tirocinio di segreteria, percependo 550 euro mensili per i primi sette mesi”. Fu proprio in quell’occasione che la signora incontrò Federica Anghinolfi - dirigente dei servizi sociali, ora agli arresti domiciliari - alla quale chiese aiuto. “Le domandai di poter lavorare, e lei mi propose come cuoca in una struttura pomeridiana di aggregazione giovanile in Val d’Enza per tre volte alla settimana in cambio di 360 euro al mese. Mi disse che era necessario formalizzare la mia attività attraverso un documento”. Un semplice contratto. Che si rivelò, poi, una vera e propria truffa. Per lavorare in cucina, Maria doveva prendersi carico dell’affido di due minori. O, almeno, così era scritto sulla carta.

“Mi fu consegnato un foglio dove Federica indicava che mi dava un bambino in affido sostegno”. Ma, di fatto, la donna quel bambino non lo ha mai accolto in casa sua. Una storia che si è ripetuta anche l’anno successivo. Un contratto, un bambino. Era questo l’accordo. “In realtà, né nel 2017, né nel 2018 diedi ai due minori alcuna accoglienza. Li conosco solo perché a pranzo cucino per loro e per tutti gli altri ragazzi. Non conosco le loro storie e neppure chi siano i genitori”.

Ma quale era il ruolo di Maria? A cosa servivano le dichiarazioni di questi affidi fantasma? A spiegarlo è proprio lei, che racconta, riferendosi a Federica Anghinolfi: “Mi chiese di diventare un tramite per il pagamento delle spese di psicoterapia, senza precisarmi il perché”. Funzionava così: “Da quel momento i servizi sociali, a cui il centro ‘Hansel e Gretel’ trasmette le fatture a me intestate per la psicoterapia del minorenne, mi anticipano ogni mese la somma sul mio conto. Poi io, come da indicazioni di Federica, faccio un bonifico alla ‘Hansel e Gretel’”.

Insomma, la cuoca doveva pagare le visite di psicoterapia dei bambini che non teneva in affido. Come conferma anche la madre del piccolo: “Mio figlio è sempre rimasto a casa, sotto la supervisione dei servizi sociali. Sono sbalordita, ero all’oscuro di tutto. Non conosco questa signora e mio figlio non le è mai stato affidato”. Un tranello pensato nei dettagli e tutto, per far uscire i soldi da dare alla cuoca dai fondi dell’Unione dei Comuni. Come sostengono le carte: “Attraverso il documento falso è stata predisposta la pezza d’appoggio per dare alla cuoca una sorta di retribuzione in assenza di assunzione formale, facendo inserire la voce di spesa nel bilancio dell’Unione dei Comuni come “rimborso affidò per il bambino”.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 26/07/2019 - 14:25

una vicenda abberrante ma che passa in acque basse; non si sa mai, chi tocca il comunista muore...

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 26/07/2019 - 14:52

Ma possibile che non ci sia nessuno che controlla questi affidi?

Alfa2020

Ven, 26/07/2019 - 15:42

Votate ancora i comunisti

Dordolio

Ven, 26/07/2019 - 15:55

In pratica questa donna fungeva da prestanome per fare arrivare "legalmente" dei soldi a Hansel e Gretel....In cambio di una assunzione con una retribuzione che ciascuno può leggere... Siamo a livello dei disgraziati di cui ogni tanto si legge, che appaiono intestatari di beni come ... teste di legno. Epperò....

Epietro

Ven, 26/07/2019 - 17:35

Ma la differenza sui costi per bambino che sembra costino alla società €.400/giorno dove andava a finire, chi la intascava?

bruco52

Ven, 26/07/2019 - 17:51

altro che Hansel e Gretel, il nome più appropriato sarebbe "Strega Cattiva", come quella della favola, con la sua casetta di marzapane, per attirare bambini e poi mangiarli...i bambini di Bibbiano non venivano mangiati, ma pur sempre "divorati" da orchi e streghe cattive...

ziobeppe1951

Ven, 26/07/2019 - 18:08

Qui ..come la mettiamo ..non si vede neanche uno straccio di pantegana rossa...a loro le sevizie sui bimbi non interessano abituati come sono alla scuola del Forteto..e poi perché non c’è neanche un colorato

Guido123

Ven, 26/07/2019 - 18:52

ah! Questi intellettuali si sinistra. I mafiosi sono dei dilettanti al confronto con questi.

baronemanfredri...

Ven, 26/07/2019 - 18:55

MANCA LA PUBBLICITA' DEL PROSSIMO LIBRO DI SAVIANO SU QUESTO SCHIFO TARGATO PD. CERTO CHE ORMAI L'EX PCI POI DS ORA PD SONO MAIA.......

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Ven, 26/07/2019 - 19:55

Le luride pantegane komuniste TACCIONO!!! La testa d'anguria napoletana non pensa che sarebbe opportuno tirar fuori un libello (sempre copia e incolla, sia chiaro) per esaltare le imprese dei suoi amici rosso-sangue???

vince50

Ven, 26/07/2019 - 21:00

Una volta li mangiavano,poi hanno capito che in questo modo gli rendono di più.

lappola

Ven, 26/07/2019 - 22:17

EMILIA ROMAGNA REGIONE ROSSA Cosa ne dicono al PD? Sentite Zingherelli e vi dirà che il PD vuole voltare pagina. Cosa ci metterà nella pagina successiva?

buonaparte

Ven, 26/07/2019 - 22:44

VORREI SAPERE CHI SONO I GIUDICI CHE SONO USCITI DALLA SCUOLA DI FRATTOCCHIE PAGATA CON I SOLDI RUSSI DEL KGB . SCUOLA FATTA PER FARE ENTRARE NELLA MAGISTRATURA I GIUDICI COMUNISTI . CHI SONO E CHE COMMISSIONI HANNO PRESIEDUTO ?^ CENTRANO ANCHE IN QUESTI CASI COME COPERTURA ?

ROUTE66

Ven, 26/07/2019 - 23:49

signori ne stiamo parlando TROPPO,bisogna abbassare i toni,anzi meglio spegnere del tutto. PER IL RESTO CHIEDERE LUMI AL CONDUTTORE DELLA SETTE. PER NON SBAGLIARE è COLUI CHE CONDUCE IL PROGRAMMA PRIMA DI MEZZOGIORNO. Le porcherie valgono solo se compiute da alcuni per altri è d"obbligo il silenzio. BEL GIORNALISMO

corto lirazza

Sab, 27/07/2019 - 09:31

una seconda cugina dell'adinolfi era nella stessa classe alle elementari con una conoscente di salvini

VittorioMar

Sab, 27/07/2019 - 11:31

..la SINISTRA E' nel MARASMA più NERO se non in "MALACHIA GRECA" !!!

kobler

Sab, 27/07/2019 - 12:24

E stranamente lo stesos vale per gli immigrati. Quanti grandi business per quel PD e i suoi compari!!!