Deputato di Alba Dorata in fuga, aveva invocato colpo di Stato

L’invettiva durante un intervento in Parlamento in cui si chiedeva la sfiducia del governo Tsipras; l’ex-parlamentare è in fuga

Grecia, Il deputato del partito greco di estrema destra Alba Dorata, Konstantinos Barbarousis, si trova ora in fuga ed è ricercato dalle forze dell’ordine, a causa dei risvolti di un episodio che lo ha visto protagonista durante una seduta in Parlamento.

L’occasione era quella del dibattito sorto in occasione della mozione di sfiducia al governo Tsipras, presentata dal partito di opposizione Nuova Democrazia. Durante la seduta Barbarousis ha invocato a gran voce un golpe, chiedendo l’intervento dell’esercito per arrestare il premier Tsipras, il Presidente della Repubblica Prokopis Pavlopoulos ed infine il Ministro della Difesa Panos Kammenos.

L’invettiva è stata pronunciata nel corso dell’intervento dello stesso deputato di Alba Dorata, che prendeva di mira l’accordo nato tra Atene e Skopje sul nuovo nome della “Macedonia del Nord”. L’accusa mossa al governo è stata quella di “negoziare non nell’interesse della nazione, ma nel proprio", ecco spiegato il perché dell’incoraggiamento all’esercito a "rispettare il giuramento fatto e arrestare i vertici di governo e stato per evitare il tradimento" ai danni del Paese.

La violenta invettiva di Barbarousis ha costretto all’intervento il gruppo dirigente di Alba Dorata, che ha prima preso le distanze dal contenuto del suo intervento e poi lo ha espulso sia dal gruppo parlamentare che dal partito stesso.

Dopo qualche ora lo stesso Ministro della Difesa Kammenos, attaccato da Barbarousis durante il dibattito in aula, ha chiesto alla magistratura che l’ex-parlamentare fosse incriminato con l’accusa di alto tradimento.

Secondo la legislazione greca un’accusa di alto tradimento può far decadere lo scudo dell’immunità parlamentare senza la necessità di un voto democratico; il deputato, nel frattempo, da ieri si è reso irreperibile. Stando alle notizie filtrate fino ad ora, dopo un inseguimento con la polizia sulla Atene-Patrasso, Barbarousis si nasconderebbe nella regione di Etolia-Acarnania (ad ovest del paese), nella quale, tra l’altro, è stato eletto.