Erdogan, le accuse e quel prete ucciso

Da tempo dice e fa qualsiasi cosa senza vergogna. Tuttavia può contare sul pregiudizio positivo che lo disegna come un mediatore fra occidente e il mondo islamico arabo

Il presidente Recep Tayyip Erdogan è abituato a farla franca. Da tempo dice e fa qualsiasi cosa senza vergogna, viola i diritti umani dei suoi cittadini, ha schiere di giornalisti in galera, violenta la sua stessa folla quando manifesta e si ribella, e accusa gli Usa di essere autoritari e terroristi, spinge il suo popolo sempre più avanti nella stretta dell'integralismo. E tuttavia può contare sul pregiudizio positivo che lo disegna come un mediatore fra occidente e il mondo islamico arabo in memoria di Kemal Ataturk, che lui ha seppellito per sempre.

Adesso bombarda la popolazione di Afrin, un'enclave curda siriana e si vanta di stare battendo l'Isis, di cui invece, palesemente, i curdi sono i peggiori nemici. Aggredisce ogni minuto Israele e gli ebrei con evidenti toni antisemiti, accusandolo di essere «uno stato terrorista» e gli americani di essere «perpetratori del medesimo bagno di sangue», proclamandosi difensore islamico di Gerusalemme. Eppure gli si dà credito. Adesso è a Roma mentre qualcuno osa qualche dimostrazione a favore dei curdi assediati, pure lui conta sul fatto che, dichiarandosi rappresentante di 1,7 miliardi di musulmani, riuscirà a intimidire i governanti italiani e anche il Papa. Tutti temono chi strilla e sbraita e rappresenta la fratellanza musulmana, e in più tiene le chiavi di quel Paese che ha trattenuto e quindi ridotto, in cambio di una ricca mercede, la marea di profughi che nel 2015 si stava rovesciando nei confini europei dalla Siria in fiamme. Il fatto, però, è che la Siria rischia di tornare sui carboni ardenti proprio per colpa del suo atroce odio per i curdi, che li fa definire tutti terroristi e li mostrifica nonostante abbiano aiutato in modo decisivo contro l'Isis. Erdogan ha riportato armi e bombardamenti sul campo, ha umiliato gli Usa. Rischia di irritarle anche la Russia che nella sua complessa e cinica politica ha coinvolto Iran e Turchia, e ora se li ritrova su fronti opposti per quel che riguarda la sopravvivenza politica di Assad.

Quanto agli Usa, Erdogan è andato a caccia di consensi sulla scia dell'antipatia che Trump suscita in Europa e nel Papa, ma ha esagerato. Chi ha voglia di litigare con gli Stati Uniti? Nessuno, né in Europa e neppure nel mondo arabo. È difficile, per quanto Erdogan si incontri con Salman di Arabia, che egli preferisca un'alleanza con colui che viene a proclamarsi difensore di Gerusalemme contro Trump piuttosto che con gli americani che chiedono ai sauditi di farsi promotori di un nuovo processo di pace in cambio di un rapporto privilegiato. Chi combatteva contro l'Isis, americani, francesi, tedeschi, italiani volontari, adesso sono ad Afrin schierati contro Erdogan. Forse ha esagerato, presidente.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 05/02/2018 - 09:08

lo fa perché sa che l'europa (e soprattutto l'italia) ha un punto debole e lo sfrutta: la sinistra! che si adegua alla rotta islamica, e siccome erdogan è filoislamico, non stupisce che voglia approfittare finchè può, come Hitler con Chamberlain.... :-)

ekat

Lun, 05/02/2018 - 09:15

Ma i nigeriani che scappano dalla Nigeria chiedendo asilo politico in Italia, non scappano da Boko Haram? E Boko Haram non è un'organizzazione terroristica jihadista? Poi si stupiscono se cresce a vista d'occhio il rancore degli "autoctoni". C'è un limite alla quantità di balle che si possono raccontare e qui il limite è stato superato da tempo.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 05/02/2018 - 09:24

Non è che er can tiri troppo la corda.. a lui come a "mamma li turchi piace fare una certa cosetta...il guaio che lo sgoverno pdiota e cecco sono pronti a 90°!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 05/02/2018 - 09:41

il sultano che insulta i cristiani italiani, torna a casa tua dittatore schifoso.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 05/02/2018 - 09:52

Ma il Governo gli ha preparato il tappeto rosso.E guai a dirgli che lui ha fatto (e sta facendo) uccidere i suoi oppositori (ma non è che si comporta come Stalin???).Allora è allineato alla stessa ideologia.

robylandia

Lun, 05/02/2018 - 09:53

ERDOGAN CHE VIENE A FARCI LA MORALE SUI DIRITTI UMANI? O SIAMO ALLA FOLLIA ASSOLUTA O SIAMO DIFRONTE AD UN FILM FANTASCIENZA !

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Lun, 05/02/2018 - 10:04

ricordiamoci dell olocausto armeno..

Trinky

Lun, 05/02/2018 - 10:05

Chissà se questi ragiomanti li avrà fatti anche col capo del Vaticano & relativa corte dei miracoli......

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Lun, 05/02/2018 - 10:10

Questo soggetto va messo seduto.

Maura S.

Lun, 05/02/2018 - 10:10

Ma questo infido personaggio che diritto ha di parlare degli Italiani, che vuole, venire a comandare pure in Italia. Questo non è un capo di stato ma un assassino che sta distruggendo il popolo Curdo. Comunque, tanto per rispondere alle sue calunnie, l'Italia è cristiana e accetta solamente quelle persone che rispettano la sua costituzione e lavorano per mantenersi. Ecco l'Italia dei VERI ITALIANI.

persio

Lun, 05/02/2018 - 10:25

Suona strano che Erdogan parli di diritti umani mentre fa arrestare oppositori e i giornalisti e massacra i curdi; suona ancora più strano che ne parli Fiamma Nirenstein, che ha rischiato di diventare ambasciatrice di Israele in Italia. Paese dove ad ad essere tutelati sono solo i diritti umani degli israeliani, non quelli degli arabi dei Territori.

evuggio

Lun, 05/02/2018 - 10:28

ogni giorno nasce un cucco; beato chi lo cucca! lui è sicuramente beato grazie a tutti i cucchi che ha trovato e logicamente cuccato. in questi giorni sta festeggiando la sua beatificazione presso la più alta concentrazione di cucchi mondiale

Cheyenne

Lun, 05/02/2018 - 10:31

costui è peggio dell'isis. Solo i cialtroni americani lo spacciavano per "islamico moderato"

tosco1

Lun, 05/02/2018 - 10:36

ll titolo dice esattamente quello che volevo dire io. Questo soggetto sta tirando troppo la corda....Aggiungo solo una banalita', insita fra le parole, e cioe'che non c'e' poi da meravigliarsi se la corda si spezza.

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 05/02/2018 - 11:36

Fiamma, ma lo sa che il sultano è sempre stato amico di Israele? ora non va più bene?

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 05/02/2018 - 11:37

voi che parlate di libertà fa veramente ridere

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 05/02/2018 - 12:52

Grande statista Erdogan. Come tutti quei rari che, nella lunga storia delle civiltà, hanno tentato, spesso riuscendoci, di dare un minimo di ordine formale all'insensato, grande caos degli umani.

ziobeppe1951

Lun, 05/02/2018 - 13:53

Volpe delle basse fogne...ma lo sai che Erdogan..ispirandosi a Hitler disse:”Non esiste un modello unico di SISTEMA PRESIDENZIALE.”..a buon intenditor

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 05/02/2018 - 17:27

@ziobeppe1951: decrepito, in che modo la frase di Erdogan cozza con il mio commento?

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 05/02/2018 - 20:13

“Da tempo dice e fa qualsiasi cosa senza vergogna” .... sta parlando per caso di Bibi Netanyau? A me il sultano non piace ma e’ normale che faccia i suoi interessi e non quelli di tell aviv, pardon Gerusalemme... quanto all'autrice questa serie di articoli mi fa rimpiangere che la nomina a ambasciatricevsia sfumata ....