Falsi certificati per i collaudi: dossier svela lo scandalo fondi

Milioni di euro e fior di certificati per dimostrare le ristrutturazioni antisismiche dopo il 1997 e il 2009. Ma allora perché è crollato tutto?

Falsi certificati per dimostrare collaudi antisismici, quasi 3 milioni di fondi pubblici intascati in appalti per lavori che avrebbero dovuto mettere a norma gli stabili di Amatrice e Accumoli.

Eppure le immagini che rimbalzano dal 24 agosto, quando la terra ha tremato e il tampo si è fermato, sono tristemente note. Ben pochi gli edifici che sono rimasti in piedi. Qualcosa non ha funzionato o non è stato fatto. Il simbolo di questa tragedia che forse si poteva evitare è la scuola "Romolo Capranica" di Amatrice, che si è sbriciolata sotto i colpi del sisma. Ma anche l'ospedale di Amatrice ormai inagibile, la Torre Civica di Accumoli gravemente danneggiata, il campanile di Amatrice che è crollato su una casa ammazzando un'intera famiglia. Tutti edifici in teoria ristrutturati con i fondi per il terremoto dopo il sisma del 1997 in Umbria e quello del 2009 de L'Aquila, come raccontano oggi il Corriere e La Stampa.

Milioni di euro per 21 appalti di cui si parla in un documento segreto in cui si fa l'elenco dei fondi, dei collaudi, delle ditte coinvolte, degli interventi effettuati, dei collaudi. Come è possibile che con una mole di lavoro simile nemmeno un edificio si sia salvato? Probabilmente, sospettano ora i magistrati che indagano per disastro colposo, quei certificati sono stati falsificati. Come dimostrerebbero anche le segnalazioni raccolte dai vigili del fuoco da parte di cittadini che sostengono di aver comprato casa con tutta la documentazione in regola per la tenuta antisismica.

Commenti

Fjr

Mar, 30/08/2016 - 10:28

Perché questa notizia non mi stupisce?forse perché per l'ennesima volta scopriamo il peggio della natura umana?O forse perché siamo inesorabilmente condannati a pagare per chi ha solo pensato a far soldi facili sulla pelle degli italiani, ai magistrati chiedo solo una cosa ,per favore non illudeteci con pene ridicole una volta accertate le responsabilità' , mettete queste persone in grado di non fare più' danni di quanti già' non ne abbiano fatti puniteli severamente in nome di quella giustizia che tutti si aspettano soprattutto in nome di tutti quegli italiani ,uomini,donne e bambini rimasti sotto le macerie , questa è' l'occasione giusta per dimostrare, che quando si vuole la giustizia funziona

paolonardi

Mar, 30/08/2016 - 10:33

E la solita favola fritta e rifritta figlia dell'elefantiaca burocrazia italiana che tutto dovrebbe controllare, ma che non controlla nulla e la conseguente irresponsabilita' dei pubblici funzionari che certificano, con collaudi fasulli, l'esecuzione "lege artis" dei lavori. Quanti di quelli che certificarono l'antisismicita' dei capannoni emiliani sono in galera?

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 30/08/2016 - 10:35

ITALIA TUTTI SANNO MA TUTTI STANNO ZITTI PER IL PROPRIO INTERESSE E POI MUOIONO LE PERSONE INNOCENTI. CHI PAGA?? NOI CHE RESTIAMO SOTTO LE MACERIE. TANTE PAROLE, MA POI COME SEMPRE VEDRETE NON CAMBIERA' NULLA.

luna serra

Mar, 30/08/2016 - 10:40

in un paese normale si confiscava tutti i beni degli Architetti e ingegneri ed imprese costruttrici che hanno fatto i lavori e rilasciato i certificati invece la faranno franca come sempre siamo ITALIANI furbi tanto paga sempre il POPOLO

nem0

Mar, 30/08/2016 - 10:58

Se i certificati risultassero falsi ci sarebbe certamente il DOLO EVENTUALE perciò il reato di strage con l'aggravante dell'associazione a delinquere di tipo mafioso. Vedremo se i magistrati saranno dei pusillanimi o meno.

paco51

Mar, 30/08/2016 - 10:58

c'è da chiedersi: perché tenere gli Uffici comunali, il genio civile la provincia la regione se le cose stanno così? è meglio sfoltire gli uffici pubblici , almeno si risparmia visto che non c,è controllo, in italia è non reale tanta documentazione. Anche perché si chiedono cose stupide ed assurde. Ti fanno morire per spostare la porta nel tramezzo del cesso ed allora fai tutto falso e via! quando non lo fai abusivo!

avallerosa

Mar, 30/08/2016 - 11:15

Tutte le persone dei 21 appalti e i loro mandatari in galera per tuttaa la vita.UN PAESE CIVILE LO FAREBBE,MA IL NOSTRO E' UN PAESE CIVILE?

Giulio42

Mar, 30/08/2016 - 11:16

Sono sincero, a leggere questi articoli provo tanta tristezza, per questo paese, per l'eredità che lasciamo ai giovani, per l'impossibilità di cambiare questo andazzo.

mezzalunapiena

Mar, 30/08/2016 - 11:30

siamo in italia perché meravigliarsi

venco

Mar, 30/08/2016 - 11:41

Perche Norcia è rimasta in piedi?, perché è in Umbria, e le ristrutturazioni antisismiche sono di competenza regionale,

xgerico

Mar, 30/08/2016 - 11:55

Come dimostrerebbero anche le segnalazioni raccolte dai vigili del fuoco da parte di cittadini che sostengono di aver comprato casa con tutta la documentazione in regola per la tenuta antisismica......Ma se son tutte case fatte con mattoni calce e terra del luogo quale certificazione ci puo essere a parte l'abitabilità?

linoalo1

Mar, 30/08/2016 - 12:14

Se si facessero gli Opportuni Controlli in tutta l'Italia,nessuno si salverebbe perché molti Imprenditori Edili avranno,giustamente pensato:un Forte Terremoto,qui,non avverrà mai,quindi,perchè costruire antisismico???

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 30/08/2016 - 12:41

Ognuno si prenda le proprie responsabilità.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 30/08/2016 - 12:45

Dovrebbero citare in giudizio coloro che hanno firmato i certificati. Non si scherza sulla pelle della povera gente.

Ritratto di gammasan

gammasan

Mar, 30/08/2016 - 13:10

Con che fiducia si contribuisce a mandare aiuti in denaro? Che percentuale arriverà a destinazione e che uso se ne farà? Bah!

chebarba

Mar, 30/08/2016 - 13:20

siamo un paese marcio e corrotto, (chiesa istituzionalizzata compresa) non che non vi sia corruzione anche altrove, ma noi siamo un caso patologico, dal vertice alla base affamati di soldi pseudopotere, notorietà da social, ingordigia, incapacità gestionale e amministrativa sono i connotati di questo paese salvo qualche lodevole eccezione che in silenzio va avanti o alza la testa di fronte a queste sciagure. Paese negletto che non è capace neanche di dare un colpo al cerchio e uno alla botte, trasandato e negligente in ogni sua manifestazione senza una strada da percorrere, limiti e principi arraffare il più possibile per sè e la propria cricca è l'unico comandamento l'unico principio etico E LA GENTE MUORE E I SEMPLICI FANNO IL PROPRIO DOVERE

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 30/08/2016 - 13:25

- I lavori da fare sono tanti - dice il perito - Li farà il futuro proprietario, intanto a me serve il certificato, te lo pago - risponde il padrone di casa. I problemi vanno risolti alla radice: casa vecchia si rottama. A Milano ci sono palazzi fondati su strutture medievali con l'umidità degli antichi pozzi che sale nei muri. E l'acqua erode il mattone e il sasso ugualmente...non deve più essere possibile. Cento anni di stabile e poi giù, ci fai una cosa nuova o un praticello.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mar, 30/08/2016 - 13:38

Bene! Ora interverranno i magistrati,come sempre a crimine compiuto,come sempre ermellinati e con il broncio severo atto a giustificare uno stipendio e una potenza oscena,ma ahimè arrivano sempre tardi. Il mondo degli appalti da anni è una cloaca a cielo aperto,di cui tutti ne sentono il fetore,ma nessuno chiude il naso. Mi spiego; sin quando non vi saranno delle norme attinenti ad accettare offerte al ribasso non superiore al 10% sarà sempre una corsa al massacro,poi pensandoci bene coloro che emettono le richieste d'offerta sono in grado di emetterle? Poi le disgrazie fanno il resto e mi chiedo: dove erano gli enti di controllo? Poi un povero artigiano per uno scontrino o per un documento dimenticato si trova addosso ASL,USL,INPS,CGIL,CISL,UIL,M5S,COOP,Finanza,CC, portando lo stesso al suicidio.Porca Eva che schifo.Comunque ora vi sarà errani a salvare la baracca. Ma va là!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 30/08/2016 - 13:47

@gammasan: quella domanda che si pone l'ho trita e ritrita il giorno stesso che è accaduto il terremoto, ma già per i precedenti accaduti sentivo un "fumus fregationis". Se uno Stato non è in condizione di garantire ai suoi cittadini il benessere, la pace e la sicurezza del vivere quotidiano e io stesso devo ogni giorno combattere contro i bizantinismi delle leggi promulgate a me chi me lo fa fare di dare loro in garanzia un centesimo da devolvere a chi ne ha estremo bisogno se a pensarci mi vengono i brividi e digrignar di denti dalla rabbia a sapere che soli i furbi acchiappano il malloppo mentre gli altri umili devono deglutire e tacere delle offese loro combinate. Ossequi

giac2

Mar, 30/08/2016 - 14:04

Sono veramente scioccato. Sembra proprio che i soldi pubblici non possono essere impiegati nella prevenzione perchè, se così fosse, nessuno in caso di calamità naturale può intascarsi i soldi pubblici.

bimbo

Mar, 30/08/2016 - 14:14

In questo paese ci sono 3 milioni di dipendenti pubblici, come cxxxo si fa a campare tutti? Si ruba quello che si puo' tra collaudi incentivi consulenze incarichi e tanto altro, ma quali risultati?? Ci vuole una mente come Albert Einstein per capire tutto il sistema???

umberto nordio

Mar, 30/08/2016 - 14:32

Non fate domande inutili.E' crollato tutto perchè in italia si ruba moltissimo soprattutto nei lavori pubblici che costano una fortuna e non vengono mai eseguiti seguendo le regole corrette.E nessuno controlla veramente ,per ignavia o per corruzione.Il tutto sotto lo stretto controllo della politica.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 30/08/2016 - 14:38

A queste imprese piace molto usare il magrone. Dicasi magrone una malta composta da sabbia e piccolissime tracce di cemento rilevabili solo con sofisticati strumenti. Questo magrone ad altissimo coefficiente SBRICIOLATIVO venne usato nel "rafforzamento" degli argini del torrente Carrione a Carrara evaporato pochissimi anni fa con la prima piena, pure nel viadotto scorciavacche in Sicilia, crollato dopo una decina di giorni dall'inaugurazione (record mondiale). Visti i risultati( comunque conformi al nuovo standard italico di paese del 4° mondo ) hanno deciso di garantire i manufatti non più fino all' atto della consegna, troppo rischioso, ma fino e non oltre la posa della prima pietra.

Gasparesesto

Mar, 30/08/2016 - 14:58

E intanto i legali del Comune mettono le mani avanti e chiedono già copia di acquisizioni d’indagini ( sapendo già) d’essere parte della causa del crollo per i mancati controlli e la faciloneria degli incarichi .

veromario

Mar, 30/08/2016 - 15:30

io sono un piccolo artigiano ,quando anni fa ho iniziato a preparare il laboratorio mi hanno chiesto un pozzetto per le acque di scarico ,io ho messo un pozzetto da 50 litri,pensavo bastasse per prelevare un litro di acqua da analizzare,me lo hanno contestato perché troppo piccolo ho dovuto sostituirlo con uno da 100 litri,un hanno dopo mi hanno chiamato perché portassi una bottiglia di acqua da analizzare al che gli ho chiesto se la volevano liscia o gassata,hanno fatto gli offesi vi rendete conto che controlli fanno,non sono venuti a prenderla no io gliela ho portata. un piccolo esempio per che cavolo di controlli ci sono. portata.

Giulio42

Mar, 30/08/2016 - 15:36

Solo i Carabinieri e la Guardia di Finanza possono rimediare a questo disastro. I controlli, devono essere affidati a loro, sono gli unici che addestrati ed inizialmente affiancati ad esperti possono diventare la barriera insormontabile della corruzione. Troppi soldi sono in ballo nelle opere pubbliche e l'occasione, rende l'uomo ladro.

joecivitanova

Mar, 30/08/2016 - 15:51

..la 'verità' ho cercato (in parte) di scriverla nei giorni passati (alcuni commenti non sono stati riportati e lo posso capire perfettamente), e non posso scriverla nemmeno qui (rischierei il 'linciaggio'); in ogni caso, anche se adesso si ricostruisse in cemento armato da zero, cosa assai improbabile, credo, con le attuali norme antisismiche, ed in maniera perfetta (cosa assai improbabile anche questa), se dovesse, in quei posti, esserci un terremoto di 7 o 7.5 gradi della scala richter, le case verrebbero giù comunque quasi tutte; chiedete a qualche ingegnere civile (serio) e poi..!! g.

asalvadore@gmail.com

Mar, 30/08/2016 - 17:28

I miei ricordi risalgono al tempo di Mussolini, ma la macchinaria burocratica era la stessa dei periodi anteriori. A quel tempo i collaudi di opere fatte con fondi pubblici era riservato a ExDirettori Generali del Ministero dei Lavori Pubblici e questo lo so per esperienza familiare.

ilbarzo

Mar, 30/08/2016 - 17:40

Siamo in italia il paese dei ladri e della corruzione.Nulla ormai può più stupirci.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 30/08/2016 - 17:43

Da tempo vado qui scrivendo che in Italia LO STATO (nel senso di Istituzioni statali) NON C'È PIÙ e questo ne è l'ennesimo esempio. Tutti fanno e nessuno fa. Tutti controllano e nessuno controlla. Avanti coi FINTIPROFUGHI da mantenere!!!! Solo con i soldi dei 6500 CARICATI ieri sulle tasse degli Italiani in un anno si potrebbero rendere ANTISISMICHE 10 scuole e INVECE...... AMEN.