L'ex ostaggio: "Hanno ucciso mia figlia e stuprato mia moglie"

Nulla si sapeva di una quarta figlia della coppia prima che Boyle parlasse ai giornalisti all'aeroporto di Toronto

"Hanno assassinato la mia figlia neonata e violentato mia moglie." Così Josha Boyle, il canadese liberato nei giorni scorsi dalle forze pakistane sul confine con l'Afghanistan dove è stato tenuto in ostaggio insieme alla moglie e 3 figli per cinque anni, ha raccontato ai giornalisti quello che hanno fatto i suoi rapitori una volta atterrato in Canada.

I sequestratori avrebbero quindi ucciso sua figlia appena nata e violentato la moglie, la cittadina americana Caitlan Coleman. "Ora è estremamente importante per la mia famiglia poter costruire un rifugio sicuro che i nostri tre figli possano chiamare casa" ha dichiarato Boyle ai giornalisti subito dopo l'arrivo all'aeroporto di Toronto.

"La stupidità e la malvagità mostrata dal gruppo di Haqqani - un gruppo estremista vicino ai talebani - nel rapire un pellegrino è stata superata dalla stupidità e malvagità nell'autorizzare l'assassinio di mia figlia neonata", ha aggiunto leggendo una dichiarazione. Ha poi parlato dello "stupro di mia moglie, che non è stata un'azione isolata" ma condotta "sotto supervisione di un comandante".

Boyle ha detto ancora che i crimini condotti contro la sua famiglia sono stati poi oggetto di un'indagine da parte dei talebani - che lui ha chiamato "L'emirato islamico dell'Afghanistan" - che ha determinato la responsabilità della rete di Haqqani. "I talebani hanno assicurato alla mia famiglia la giustizia che si meritava", ha detto ancora, senza fornire ulteriori dettagli.

Commenti

greg

Sab, 14/10/2017 - 13:01

Se l'hanno liberato significa solo che questo canadese si è convertito all'islam, come dimostra la barba che porta e per come parla dei talebani che gli hanno reso giustizia. I talebani campioni di giustizia!!! come raccontare di un leone vegetariano!!!

Tuthankamon

Sab, 14/10/2017 - 13:33

La vicenda non è per niente chiara. Non si capisce se fosse un viaggio turistico in zone a rischio o ... cos'altro. L'unico aspetto chiaro mi pare che come al solito abbiamo a che fare con islamici criminali.

istituto

Sab, 14/10/2017 - 13:51

Certo che questi turisti per caso non brillano certo per intelligenza per andare a scegliersi come Paese da visitare, uno dei posti più pericolosi al mondo.

venco

Sab, 14/10/2017 - 13:54

IO ho capito che questo è un islamico.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 14/10/2017 - 14:18

greg - Stessa impressione la mia dopo aver sentito il servizio in un tiggì. Non vuole riferire, oltretutto, ai servizi segreti americani.. Che interesse ha a non fare questo?

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Sab, 14/10/2017 - 15:14

Se fossimo tutti come quest'individuo,saremmo stati spazzati via dall'islam secoli or sono. Di tutta questa vicenda,per me,il vero criminale e' proprio lui,un folle che ha esposto la sua famiglia ai rischi connessi alle zone di guerra. Chi ha fatto le spese della sua follia sono stati degli innocenti e lui potra' flagellarsi felice per il resto dei suoi giorni;che sia di monito per tutte quelle persone che abboccano alle menzogne di chi li vuole portare al martirio:la vita e' guerra.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 14/10/2017 - 15:57

Appena liberato ha rifiutato un volo americano degli USA,temendo di essere interrogato.E' sicuramente un islamico e la sua storia fa acqua da tutte le parti.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Sab, 14/10/2017 - 17:35

Se questo e' Canadese , io sono Svizzero. Cosa fai con la famiglia al seguito ,in un posto simile , a portare aiuti ai bisognosi?? Tutta la storia puzza da 4 anni luce di distanza.

killkoms

Sab, 14/10/2017 - 18:10

questo è il rispetto che i talebani murzulmani portano per chi professa la loro fede!

ESILIATO

Sab, 14/10/2017 - 20:42

te lo sei meritato....perche hai rifiutato di andare negli USA? Tuo cognato e' ancora ospite a Guantanamo?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 14/10/2017 - 22:37

Forse da piccolo si sarebbe meritato qualche sculacciata in più dai suoi genitori. Molto spesso i bambini viziati quando sono grandi si dimostrano pericolosi per se stessi e sopratutto per chi gli gravita vicino.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 14/10/2017 - 23:15

@Omar - contento dei tuoi eroi? Vergogna niente?