L'Unione Val d'Enza revoca il patrocino per i corsi di Foti

Il patrocinio e la sede erano stati concessi il 7 settembre del 2018 con una delibera firmata dalla precedente giunta della Val d'Enza

C'era una volta, nella Val D’Enza, il “metodo Foti”. Medici, istituzioni e personaggi della politica andavano sponsorizzando un sistema d’eccellenza, un puzzle perfetto di competenze e professionalità che rendeva la zona dell’Emilia Romagna un esempio da imitare in tema di lotta agli abusi sui minori. C’era una volta un sistema intrinso di storture, ma che veniva pubblicizzato come il bene assoluto. Adesso, non c’è più.

Il caso degli affidi a Bibbiano ha scoperchiato una voragine di ilecciti, ricostruendo un groviglio di orrori che permetteva a decine di persone di lucrare sulla pelle dei bambini. Dopo lo scoppio dell’inchiesta Angeli e Demoni, però, qualcuno ha gridato allo scandal, puntando il dito verso tutti coloro che parlavano dei fatti accusando gli indagati. Sotto la maschera del garantismo la sinistra ha preteso silenzio. I principali indagati del caso affidi hanno denunciato un accanimento mediatico. Tutto falso, secondo i coinvolti, che hanno sempre difeso le proprie ragioni e chiesto di tacere sulle dinamiche facendo intendere che la magistratura avrebbe provato la loro innocenza al più presto.

Eppure, adesso, qualcuno sembra non esserne più così sicuro. Gli amici del terapeuta accusato di aver plagiato la mente dei minori al fine di fargli confessare abusi mai avvenuti, scaricano il “guru” che per anni hanno venerato.

L'Unione Val d'Enza ha revocato il patrocinio e la messa a disposizione di aule per alcuni corsi che si sarebbero dovuti svolgere nella loro sede. “Gestione e sviluppo delle risorse emotive” e “Sofferenza traumatica e intelligenza emotiva - strumenti clinici e psicologico-forensi di ascolto e cura”: questi i temi di cui si sarebbe dovuto parlare, o meglio, di cui avrebbe dovuto discutere proprio Claudio Foti, padre dell’associazione Hansel e Gretel finita nel mirino della Procura di Reggio Emilia. Due corsi molto specifici sulla psicologia e, nel dettaglio, sui metodi per inviduare il trauma e le linee guida su come intervenire. Il primo è un master post laurea di secondo livello, il secondo un corso di alta formazion. mOra però in cattedra non ci sarà più Foti.

Il patrocinio e la sede erano stati concessi il 7 settembre del 2018, con una delibera firmata dalla precedente giunta della Val d'Enza. Nel documento - scrive Il Resto del Carlino, - si disponeva anche “la partecipazione del proprio personale attraverso il riconoscimento delle ore che verranno svolte come orario lavorativo”, e si assicuravano l'"apposizione del logotipo del servizio sociale integrato e dell'Unione val d'Enza al materiale destinato a pubblicizzare le iniziative”. In effetti, prima la presenza di tali docenze era motivo di vanto. Poi, qualcosa è andato storto e, dopo gli scandali di Bibbiano, pare che nessuno ritenga opportuno ospitare in una sala pubblica, con tanto di patrocinio, Foti che parla di “risorse emotive”, “sofferenza traumatica” e “strumenti clinici e psicologico-forensi di ascolto e cura”. Qualcosa sembra essere cambiato e, a poco a poco, la squadra sta per essere sostituita, viene da dire: per fortuna. Un’altro indizio è l’assunzione di assistenti sociali che andranno a prendere il posto di Federica Anghinolfi e Nadia Campani, entrambe prima operative nei comuni della Val D’Enza e adesso indagate.

Ma se Bibbiano era solo leggenda fatta diventare un caso dai partiti politici strumentalizzando i fatti per riscuotere consensi, perché non continuare a diferdere le persone indagate? Questo dietrofront fa pensare che qualcuno sappia che, nel caso Bibbiano, qualcosa di vero, in fondo, ci sia.

In effetti, arrivati a questo punto e coscienti degli ultimi dettagli emersi dalle indagini, continuare a difendere Claudio Foti e Federica Anghinolfi sarebbe stato un azzardo. Ad ogni modo, c’è chi ancora prova a difendere i suoi. I partiti della sinistra. Che ultimamente sembrano voler far passare il ritornello che sì, sicuramente c’era qualcosa che non funzionava, ma il sindaco dem Andrea Carletti, accusato di abuso d’ufficio e falso ideologico, non ne sapeva niente. E così, forse sarà, nonostante le carte perora sembrino dire il contrario.

Qualche giorno fa, sono stati revocati gli arresti domiciliari all’ex sindaco di Bibbiano, sostituiti dall’obbligo di dimora ad Albinea, comune di residenza di Carletti. Uno sconto per andare incontro alle richieste della difesa che però non hanno risparmiato alcune considerazioni amare da parte dei giudici nei confronti dell’indagato.

Il tribunale del Riesame ha, infatti, ribadito - come riporta La Verità - che “l'adesione ideologica di Carletti al 'metodo Foti' era determinata da motivazioni politiche” e finalizzata a dare “lustro alla sua figura politica”. Dunque, l’uomo del Pd, nella piena consapevolezza dell’illeicità del sistema dava il suo benestare per un tornaconto personale. E ancora, scrivono i giudici, come riporta sempre La Verità: “Il suo programma politico era impostato sulla buona riuscita della predisposizione di servizi specializzati nella cura di bambini oggetto di molestie e sul raggiungimento di risultati di eccellenza in tale campo: la buona riuscita del progetto dedicato alla tutela dei minori si riverberava sul suo successo politico”. Da ciò “la sua accettazione incondizionata delle modalità di operare dei coindagati, la condivisione delle operazioni e delle procedure poco limpide, non conformi ai parametri normativi, adottate dai responsabili dei servizi sociali”. E, infine, “Sussiste in primo luogo tuttora il pericolo di reiterazione di reati dello stesso tipo". “Adesione ideologica”, “accettazione incondizionata”. Al momento non vi è niente di definitivo e le sentenze riusciranno a riosolvere i dubbi. Ma gli indizi, al momento, non lasciano ben sperare, e chi ancora cerca di salvare il salvabile dovrebbe rendersene conto e, almeno per adesso, mollare la presa.

Commenti
Ritratto di paràpadano

paràpadano

Gio, 26/09/2019 - 14:58

Mi raccomando non mollate la presa su Angeli e Demoni perché sono sicuro che faranno di tutto per insabbiare l'argomento su foti e amici di merende.

lappola

Gio, 26/09/2019 - 15:19

Ma in galera NOOO? Quanto dobbiamo aspettare per vederlo dietro le sbarre?

dagoleo

Gio, 26/09/2019 - 15:26

se avessero fatto del male a me o ai miei bambini per loro non ci sarebbe stato luogo sulla terra dove fuggire.

PassatorCorteseFVG

Gio, 26/09/2019 - 16:28

affidare una materia cosi delicata a un sistema di gestione senza poi far verificare il tutto da un pool di psicologi e indice di leggerezza e superficialita. non so l"esito delle future sentenze. pero mi sembra dovuta la condanna politica da parte degli elettori, non ci si puo in futuro fidare di chi ha avallato il tutto. devo dire ,che nel caso ci sia qualcuno o qualche partito che cerchi di minimizzare o insabbiare tutto, esso sara moralmente corresponsabile.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 26/09/2019 - 16:45

Lo aspetta la punizione divina, dovesse evitare quella umana. Una macina di mulino al collo per una pena senza fine.

Fjr

Gio, 26/09/2019 - 17:20

Ovvio quando la nave affonda i topi se la fanno a gambe però prima faceva comodo stare a tavola con questi a magna’ ehhh?

Giorgio Rubiu

Gio, 26/09/2019 - 17:44

Mollare l'appestato per evitare di rimanere infettati. Un classico.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Gio, 26/09/2019 - 17:57

mi auguro che qualche genitore che ha subito dei torti da parte di questo signore e della sua banda, non attenda il giudizio buonista di qualche togato, ma soprattutto che si trovi un alibi di ferro

corto lirazza

Gio, 26/09/2019 - 18:19

Poveretto! si deve accontentare solo dei bei soldoni che si è intascato in tutti questi anni! mi fa pena....

maxfan74

Gio, 26/09/2019 - 18:37

Da genitore non credo avrei aspettato i tempi della giustizia...

peppo8394

Gio, 26/09/2019 - 19:25

Sinistri criminali da mettere in galera per anni. mantenere viva l’attenzione sul caso, perché a sinistra faranno di tutto per far calare l’oblio e mettere tutto a tacere!

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 27/09/2019 - 08:40

Regime rosso pronto a insabbiate tutto. Prioria agli africani finti naufraghi