La manina americana dietro l'invasione

Un'Europa debole e senza in capitolo è negli interessi Usa

Le migrazioni non si fermeranno finché dalle coste della Turchia verranno fatti partire gommoni pieni di asiatici e i greci li aiuteranno a sbarcare sulle loro isole. Le emigrazioni non si fermeranno se gli scafisti libici continueranno ad imbarcare africani e le navi europee li trasborderanno. L'Europa, non essendo uno Stato sovrano, non ha confini esterni: li hanno l'Italia, la Grecia e la Bulgaria, ma sono impotenti contro la Turchia o le bande armate libiche.Un tempo c'era un accordo politico fra questi Paesi, sicché venivano controllati tutti coloro che passavano il confine e fermati coloro che non avevano ricevuto l'autorizzazione da entrambi i Paesi. Ma per far rispettare queste regole occorre una forza armata. Nessuno sbarca in Inghilterra o negli Usa illegalmente perché sparano. Ma poiché l'Europa non ha un suo esercito e Italia e Grecia sono impotenti (mentre Libia e Turchia sono armate fino ai denti e c'è tutto il mondo islamico che preme), si è finito per accettare tutti la dottrina secondo cui qualunque africano o asiatico che dice di star male nel suo Paese ha il diritto di entrare in Europa e di ricevere aiuti.Gli europei, così come non hanno un esercito, non hanno neppure una leadership: si sono sempre lasciati guidare dagli americani che hanno impedito l'unificazione economica fra Europa occidentale e Russia per indebolirle entrambe e si sono alleati con gli arabi e il loro petrolio. Poi hanno combinato un sacco di disastri in questi Paesi e in cambio hanno concesso ai loro abitanti di emigrare a piacimento in Europa.Se avessero voluto, gli americani con i loro alleati arabi avrebbero potuto far finire la guerra in Libia e, sempre se avessero voluto, avrebbero chiesto alla Turchia di pattugliare le sue coste e non far partire neanche un gommone per la Grecia. I soldi per l'ospitalità dei profughi li avrebbe volentieri messi l'Europa. Ma non lo hanno fatto perché loro e i loro amici islamici vogliono una Europa debole. L'unica cosa che gli americani non vogliono è che l'Europa si metta d'accordo con la Russia perché un loro accordo creerebbe una potenza che cambierebbe radicalmente le cose. E gli europei non lo capiscono.Francesco Alberoni

Annunci
Commenti

innocentium

Dom, 10/01/2016 - 17:24

articolo di incomparabile lucidità ed efficacia di sintesi. Meriterebbe uno sforzo di approfondimento perchè qui si tratta di VERA informazione e occorre che anche la politica si renda conto che questo è IL problema di politica estera (quello di politica interna è la magistratura ...).

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Dom, 10/01/2016 - 17:38

Che gli americani vgliono questo pianeta disarmato, e solo loro armati. Purtroppo lo sanno solo persone civili e oneste e serie. Io questa analisi la so, da sempra gli americani farannò di tutto perche l'Europa non diventi una potenza, una super potenza con la russia. Per questo corrompe sempre politici individuali, su tutto il suolo europeo. E come sanno ci sono persone che per soldi e potere vendono pure la Madre, non e difficile trovarne di questi vigliacchi oscuri. Hanno anche molto appoggio dei media nordici, ci sono molte donne, giornalista del nord che aprirebbero le gampe volentieri a obama, per fare un esempio. Ci vorrebbero politici forti di altro livello. Ma per adesso non ne vedo all'orizzonde, e forse non ce né sarà mai. Perche in Eurooa siamo campioni di vigliaccheria e codardia, manca il patriotismo. Se non fosse cosi, saremmô stati già una potenza da decenni.

carlo5

Dom, 10/01/2016 - 17:46

Che gli americani abbiano commesso errori e' indubbio ma addossargli tutte le colpe ce ne corre. Lei dice che si e' impedita una unificazione economica tra Europa e Russia. Ma quale Europa? E Quale Russia? Se si e' alleati e facente parte di un pensiero occidentale e' al suo interno che si deve dialogare e, se del caso, litigare ma cercare convenienze del momento e addossare le colpe ce ne corre. Se prima non si costruisce un Europa di Stati confederati non se ne esce e le colpe sono dentro l'Europa e non nei suoi alleati storici e salvivici. Guardiamo ai nostri egoismi, agli Stati che hanno logiche interne e internazionali a senso unico.. A Stati egemoni e Stati vassalli per convenienza. Se L'Europa a da essere partiamo da li e non addossare colpe che pur essendoci non sono determinanti allo stato attuale europeo. Una unione monetaria e nulla piu' che si sta sgretolando.

alberto_his

Dom, 10/01/2016 - 17:49

Non basta la manina degli USA, Alberoni. Occorrono anche politici europei e media conniventi, e di questi ve ne è in abbondanza. La tesi di fondo è comunque pienamente condivisibile.

fabiova

Dom, 10/01/2016 - 18:09

Agli USA può piacere la razionalizzazione del mercato prodotta dall' U.E. ma certamente non altrettanto l'ipotesi di una maggiore integrazione politica dei Paesi U.E. I loro cugini inglesi non fanno mistero di limitare la loro adesione al livello degli accordi economici e di osteggiare il cammino dell' integrazione politica. L'immigrazione forzata sta generando conflittualità tra le classi politiche tradizionali e i movimenti populisti che sorgono dappertutto in Europa. Sono totalmente d' accordo con l'Autore e credo che l' avvicinarsi di elezioni in diversi Paesi europei ci metterà di fronte ad ulteriori episodi significativi (speriamo solo significativi e non tragici)di divaricazione tra indirizzo dei Governi e piazza.

Tuthankamon

Dom, 10/01/2016 - 18:25

Alberoni, mi complimento. Finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di dirlo. A mio parere, Obama è un doppiogiochista e forse un triplogiochista. Io penso che questa amministrazione USA stia dando supporto alla linea politica wahabita evidentemente alle spalle del califfo e che ispira anche "cani sciolti". Analisi complete sono già apparse su vari organi di stampa specializzati in supporto di questa (ipo)tesi.

Anonimo (non verificato)

Cheyenne

Dom, 10/01/2016 - 18:30

l'europa deve accordarsi con la Russia e mandare al diavolo il demone americano causa di tutti i mali del dopoguerra. Non sapendo come distruggerci hanno favorito l'eliminazione dei regimi laici a cominciare da saddam ( a cui avevano tacitamente consentito l'occupazione del kuwait) a gheddafi che garantiva i confini mediterranei.Se questi sono gli alleati meglio i nemici e come ho già commentato meglio la corea del nord. Solo lro possono permettersi di alzare muri e di sparare a INERMI CITTADINI negri

Cheyenne

Dom, 10/01/2016 - 18:31

e se c'è un paese da cacciare dalle olimpiadi sono gli usa

Ritratto di Opera13

Opera13

Dom, 10/01/2016 - 18:37

L'America sionista ebreica, controllo della finanza, controllo dei mass media, capi di governi con identita camuffate, abbattimento dell'identita Cristiana, eliminazione della razza caucasica, etc etc...youtube zeppo d'informazione proveniente da personaggi di alto livello altro che quest'articolo targago sempre politically correct.

Raoul Pontalti

Dom, 10/01/2016 - 18:43

Senectus ipsa morbus est caro professore..La spiegazione del nesso tra immigrazione e accordi mancati con la Russia la si deve trovare in qualche placca ateromatosa dei vasi cerebrali...USA e GB sparano sui barconi? Quando mai? Sorvoliamo sul resto...

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Dom, 10/01/2016 - 18:45

Questa, purtroppo, è la realtà. L'Europa sta alla finestra, succube dell'egemonia americana e del pessimo presidente Obama che si è messo contro Putin coinvolgendo in questo disegno pure l'Europa. L'UE non ha una propria politica estera e chi la governa pensa maggiormente all'interesse del paese di provenienza. Come dice Alberoni, se ci fosse stata la volontà americana e dei paesi arabi "amici", questo flusso migratorio atto a destabilizzare l'occidente sarebbe stato assente. Ai paesi europei sarebbe costato molto meno sostenere le popolazioni in crisi nei loro paesi anziché trovarsi in questo pasticcio, per questo però ci voleva un altra UE, politicamente forte e non succube degli USA. Le conseguenze maggiori di queste migrazioni le pagano i paesi economicamente più deboli e più esposti come l'Italia, con l'aggravante che l'Italia, politicamente parlando, non è ben messa perché carente di politici capaci ma soprattutto carente di statisti.

doris39

Dom, 10/01/2016 - 18:48

Il 23 settembre, presso l'isola di Lesbo, l'inviato di Sky News, Jonathan Samuels, ha trovato, un vero e proprio manuale operativo del perfetto clandestino - Questo articolo pare confermare la sua tesi. http://guardforangels.altervista.org/blog/la-guida-del-perfetto-clandestino-offerta-da-soros/

Ritratto di scappato

scappato

Dom, 10/01/2016 - 18:54

La sudditanza che c'e' fra la Germania e altri Paesi (per esempio, l'Italia), non c'e' fra la California o il Texas e la Louisiana. Prima di criticare gli USA, e da quando c'e' Obama ci sono tante cose da criticare, provate a mettere le cose a posto a casa vostra. Se volete l'Europa, fatela, ma per davvero.

lorenzovan

Dom, 10/01/2016 - 18:55

una delle poche volte che mi trovo d'accordo al 100per cento con un 'editorialista del giornale

alox

Dom, 10/01/2016 - 18:59

FROTTOLE! La verita' e' che Putin minaccia TUTTI I Paesi POST-URSS che vorrebbero aderire alla UE, ...Quindi un UE debole fa' comodo alla RUSSIA in quanto diversi Paesi se ne starebbero logicamente fuori...sotto minaccia solo L'Italietta si piega a 90!

alox

Dom, 10/01/2016 - 19:00

Maniana americana.... e missili atomici Russi!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 10/01/2016 - 19:02

Con Obama a capo di una Nazione allo sbando come gli USA, si sono rivelate deboli le già fragili prospettive di Unione Europea ma, soffermerei l'attenzione, sul fatto che sono state tolte le radici giudaico - cristiane; quasi a dire all'UE che non ha un'anima come nelle persone sapendo che è falso. Anche l'Impero Romano si fondava sul Diritto ma sappiamo com'è andata. Shalòm e Forza Italia.

fabiova

Dom, 10/01/2016 - 19:26

Chiunque sia padrone del gioco non può accettare l'ingresso di nuovi attori che, comunque, spostano equilibri. Dall' abbattimento della Serbia in poi è costante il beneplacito USA alla creazione di una "questione immigrazione" in Europa con conseguenze che vanno dallo stress delle strutture di welfare (alloggi,sanità,scuola,ecc)fino alla promozione di condizioni di disarticolazione per crescita di populismi diffusi. L' effetto finale sono crescenti disaccordi tra i Governi UE (anche al di là della questione migratoria in senso stretto).

Anonimo (non verificato)

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 10/01/2016 - 20:38

D'accordo, diamo pure la colpa ad Obama (anche se sa di "piove, governo ladro"). La verità è che la colpa, quella vera, è il nostro governo (che in quanto ad inettitudine non ha rivali) ex aequo con quello europeo. Insieme fanno un mix di una perniciosità incommensurabile. E se ne vedono gli effetti. Questo è il piatto forte, il resto è contorno.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 10/01/2016 - 20:41

Certi fenomeni come quello dell'immigrazione non sono nata ne dal caso ne dalla "vera necessità" am, a mio avviso, sono stati ben programmati da tempo fino nei dettagli. In sostanza servono per mantenere il predominio economico sulle risorse e sull'economia. In tutto questo marasma gli USA non sono certo esenti da grandi responsabilità, in fondo è molto semplice, basta mettere in crisi l'Europa per risanare l'economia Americana.

Marcobaggio

Dom, 10/01/2016 - 20:44

Alberoni,continui ad occuparsi di sessuologia e non intervenga su argomenti a lei incomprensibili con articoli risibili quasi dilettanteschi.Con gli argomenti sull'amore ci ha campato per anni,continui con quelli e lasci perdere gli Stati Uniti,che per fortuna sua e nostra esistono.

Igor.Guerra

Dom, 10/01/2016 - 20:50

Basta che non sia una scusa per dare più poteri all'Europa. Avete visto come è stata usata la Bce contro la Grecia? Ecco, è la maniera in cui saranno usati l'esercito e la polizia europea quando esisteranno!!! C'è chi dice: "La Ue è come l'Urss" e gli si obietta: "Ma non esiste il KGB europeo!". No, ma lasciteli fare e vedrete...

Silviomao

Dom, 10/01/2016 - 21:15

Io la vedo in maniera leggermente differente (non ho detto diversa): gli Stati Uniti vogliono in prospettiva un'Europa unita, soprattutto economicamente, perché questa (a differenza di quanti dicono il contrario) ne uscirebbe nel complesso impoverita (nord ricco vs sud povero) e politicamente in perenne incandescenza. Essi avrebbero quindi gioco facile nel portare a termine l'accordo di partership transatlantica unita ad un'implementazione delle funzioni NATO, nella prospettiva di unificazione delle due sponde dell'atlantico in funzione antirussa.

mila

Dom, 10/01/2016 - 21:33

@ IgorGuerra -La UE NON E' come l'URSS. Nell'URSS non erano certo alla merce' dei clandestini.

alox

Dom, 10/01/2016 - 21:37

Condivido con dlux: Chi e' causa dei suoi mali pianga se stesso! Il primo problema dell’Italia e’ l’Italia, l’EU, gli USA i Russi molte volte sono alibi dei nostri rappresentanti a Roma e Bruxelles!

cgf

Dom, 10/01/2016 - 21:46

attenzione ad indebolire troppo l'Europa, il numero delle persone europee che sta con Putin è sempre maggiore, fino a che punto conviene lasciare perdere un mercato vasto come la Russia per piacere agli USA?

sorciverdi

Dom, 10/01/2016 - 21:55

Quando i cittadini Statunitensi si libereranno della cricca che controlla la loro economia e la loro politica -in pratica tutto il loro Paese- tutte le porcate di geopolitica che fnno oggi forse finiranno e il mondo potrà tirare un sospiro di sollievo. Spero avvenga presto!

Borbone

Dom, 10/01/2016 - 23:35

Come non condividere con Gios",,40.aggiungerei che di Italiani con gli attributi sono finiti, tipo i nostri padri e i nostri nonni che si rivoltano nelle tombe per aver combattuto le guerre per la Patria se vedrebbero come hanno ridotto questa patria e potessero tornare indietro a questi Incapaci sai quanti calci nel sedere gli darebbero? TANTIIIIIIIIII !!!!!

fabiova

Dom, 10/01/2016 - 23:51

Paradosso (ma non troppo) : l' antieuropeismo rigoroso è (lo voglia o no) filo USA. Il federalismo reale non può essere che volto alla costruzione di una reale entità statuale europea a cui demandare le questioni di sovranità (difesa, politica estera, ecc) All'interno dello Stato sovrannazionale governi regionali dotati di tutta l' autonomia che consenta loro di decidere nelle materie utilmente regionalizzabili ( esempio: urbanistica). Insomma, l'Europa delle Regioni

Ulisse20150000

Lun, 11/01/2016 - 00:42

Condivido pienamente. L'Europa e' dalla parte sbagliata della storia. Stiamo lasciando indietro le nostre radici culturali - che condividiamo con Putin - per correre verso il nulla, la nostra dissoluzione in popoli da III mondo. La classe politica non e' all'altezza di capirlo. Conto il conformisamo dovremo alzare il volume comunicativo delle persone libere.

ernestorebolledo

Lun, 11/01/2016 - 03:04

BRILLANTE(Francesco Alberoni)

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 11/01/2016 - 09:49

ma come mai che in Russia non ci sono clandestini fuorilegge?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 11/01/2016 - 09:50

sembra che in Russia vadano andare attori impresari gente che ha dei soldi , ma è possibile che voi comunisti compagni italiani siate cosi imbe.cilli? SI!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 11/01/2016 - 09:50

sembra che in Russia vadano andare attori impresari gente che ha dei soldi , ma è possibile che voi comunisti compagni italiani siate cosi imbe.cilli? SI!!.

Ritratto di pravda99

pravda99

Lun, 11/01/2016 - 12:53

@Marcobaggio - Ecco cosa scrivevo tempo fa dopo un'altra perla di geopolitica alla pizzaiola di Alberoni...:

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 11/01/2016 - 13:06

AGLI USA NON CONVIENE LA PACE (né la stabilità). Perché sono una potenza in palese e inarrestabile decadenza e quindi in condizioni stabili l'ascesa dei colossi euroasiatici è inevitabile. Ecco quindi che la loro politica MIRA UNICAMENTE AL CAOS GLOBALE

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Lun, 11/01/2016 - 14:02

@Marcobaggio - Ecco cosa scrivevo tempo fa dopo un'altra perla di geopolitica alla pizzaiola di Alberoni...: "Perbacco Alberoni...! Senta ma perche' non torna a scrivere i suoi melensi e inconcludenti articoletti sull'amore come faceva vent'anni fa, almeno erano innocui. Il "politologo" non fa per lei." Poi dice gli sprechi di denaro...

swiller

Lun, 11/01/2016 - 18:22

Manina.....la manona dei criminali USA delinquenti guerrafondai.

oicul44

Lun, 11/01/2016 - 19:20

si vede benissimo che la Eiropa non ha nessun potere. non son poterii oscuri che decidono ma il Dio Soldo