"Meglio mamma e papà": giudice licenziato

Il caso del magistrato inglese Richard Page, già costretto a seguire corsi rieducativi, che ora denuncia il ministro della Giustizia: "Decisione illiberale e intollerante"

Un giudice inglese è stato rimosso dal suo incarico per colpa grave, ossia l'aver sostenuto che è meglio affidare un bambino a una mamma e un papà piuttosto che a due presone dello stesso sesso. Il provvedimento contro Richard Page, magistrato 69enne in carica da 15 anni presso il tribunale delle famiglie del Kent, è stato autorizzato la settimana scorsa dal ministro della Giustizia Michael Gove e dal presidente della Corte suprema, Lord Thomas di Cwmgiedd.

Nel 2014, il giudice emise una sentenza su un caso di affido da cui partì un’indagine disciplinare che si concluse con l’obbligo per Page di partecipare a corsi di aggiornamento rieducativi. L’ufficio preposto spiegò nella motivazione che in quel processo "Il giudice si è lasciato influenzare dal suo credo religioso piuttosto che dall’evidenza". Quale evidenza? In una intervista alla Bbc nella primavera del 2015, Page chiarì: "La mia responsabilità come magistrato è di fare ciò che considero il meglio per i bambini e il mio sentore era che il meglio per lui (il bambino coinvolto nella vicenda, ndr) fosse che i suoi genitori adottivi fossero un uomo e una donna".

Quell’intervista alla tv britannica è costata al giudice un’ulteriore indagine, fino alla decisione della sua rimozione definitiva, con l’accusa di "faziosità e pregiudizio". Facendo leva proprio sul concetto di evidenza, Page si è difeso spiegando che riguardo ai caso di adozione da parte di persone dello stesso sesso, non c’è ancora stata una "corretta analisi sugli effetti di tali collocamenti sui bambini", ma "io, come magistrato, devo agire sulla base delle prove. E, molto semplicemente, credo che non vi siano prove sufficienti a convincermi che affidare un bambino alle cure di una coppia dello stesso sesso possa essere, dal punto di vista olistico, un bene per un bambino anziché affidarlo a una mamma e un papà come Dio e la natura vogliono".

Adesso, dopo la rimozione dall’incarico, il magistrato ha deciso di denunciare il ministro Gove, rimproverandogli di "assecondare la nuova ortodossia politica" e di aver preso una "decisione profondamente illiberale e intollerante". "Sono inorridito – spiega –da come stanno andando le cose. E che i cristiani vengano emarginati così". Page dice inoltre di essere "infastidito" dal fatto che "persone che dicono di avere una visione cristiana se la prendano con me per la mia visione cristiana, e fra queste c’è Michael Gove". Andrea Minichiello Williams, l’avvocato del Christian Legal Center che difende Page, ha ricordato infine che il giudice ha anche prestato servizio per lungo tempo il Servizio sanitario nazionale, guadagnandosi la stima per la sua "competenza", motivata proprio dalla "fede cristiana e dalla profonda compassione per le persone".

Annunci

Commenti

Alessio2012

Gio, 17/03/2016 - 20:10

Questa è la democrazia comunista!

giosafat

Gio, 17/03/2016 - 20:15

Mi pare che la bella Albione da 'perfida' stia diventando un pò 'sxxxxxa'.

Ritratto di Antica50

Anonimo (non verificato)

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Gio, 17/03/2016 - 21:22

Servizio meteo: in arrivo dal Nord Europa correnti di aria fredda e satura di contaminanti bisex... RAFFORZARE GLI ANTICORPI E L'APPARATO IMMUNITARIO. ..

@ollel63

Gio, 17/03/2016 - 21:23

le solite mer@@ sinistre che imbrattano il mondo in qualunque angolo dell'universo si trovino: non credono in Dio ma sono assai iDio@@.

Anonimo (non verificato)

manente

Gio, 17/03/2016 - 21:43

Quello che siamo costretti a sentire è semplicemente assurdo. E' ormai indispensabile che i cittadini e le forze politiche ancora libere, facciano sentire forte la loro voce denunciando i malfattori che, attraverso i loro maggiordomi delle sinistre, perseguono il fine di imporre con la forza e con l’inganno la cosiddetta "ideologia gender": Le lobby della finanza di usura trans-nazionale il cui obiettivo dichiarato è quello di disarticolare ogni forma di organizzazione sociale, dalla famiglia allo Stato di Diritto, considerate un ostacolo alla affermazione del loro potere. Un progetto perverso che va sotto il nome di "nuovo ordine mondiale" in cui i cittadini saranno ridotti ad un gregge senza radici ed identità, completamente in balia della Iper-classe dei padroni della finanza globalizzata. Spetta agli uomini liberi evitare che il mondo che Orwell aveva previsto già diversi decenni fa, diventi una orripilante realtà.

Massimo Bocci

Gio, 17/03/2016 - 22:11

Ma glielo hanno spiegato al giudice, che oggi c'è la modernità e che dare via il Cu...lo non solo è una moda (politica) a anche un grande business multi miliardario dove i culattoni, Oi,Oi, della siti (e non) vendono e si comprano tutti, specialmente la giustizia e bambini, e dunque cosa fa il lex retrogrado affida il suo (prodotto)bambino a degli etero, uomo e donna, ma non è così che di amministra la giustizia culatta,andava aperta un asta e di sicuro c'era qualche culattone della siti (o dei siti porno!!!) pronto a investire di più sulla FAMIGHIA da quelle e queste parti c'è penuria di carne fresca, per giocare al genitore 1 o 2, anche se farebbe meglio sostituire l'uno e il due con numeri più appropriati, come ad esempio 0 e 1, così in base alla scelta numerica di capirebbe subito chi dei due è il cappone, comunque ancora nonostante la lobby riescono a riprodurre l'infante con il deretano anche se si impegnano e lo impegnano molto.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 18/03/2016 - 00:33

Il sinistrume sta uccidendo il buon senso in nome di una ideologia da mentecatti. È LA TRISTE CONSTATAZIONE CHE LA NOSTRA CIVILTÀ HA GIÀ UN PIEDE NELLA FOSSA.

joecivitanova

Ven, 18/03/2016 - 00:37

"C'ero una volta", lettera di un bambino mai nato. La mia era una vita incominciata come la tua, che ora mi stai leggendo; poi 'qualcuno', di sua volontà, credendo che io fossi un oggetto di sua proprietà al quale poter e dover rinunciare, ha deciso di avere il diritto di non farmi più vivere e non farmi conoscere mio padre e mia madre..ed ora magari mi sta leggendo; domani poi o tra un anno, questo 'qualcuno' se si sentirà 'solo', magari deciderà di avere il diritto di fabbricare e di comprare la vita di un bambino al quale toglierà sua madre e suo padre naturali per voler essere o solo padre o solo madre o chissà cosa altro ancora. Caro 'qualcuno', ti auguro tanta felicità io che ormai 'c'ero una volta', e una volta è sempre più lontana, e perché comunque quel bimbo che rapirai non sarò mai io. G.

zen39

Ven, 18/03/2016 - 09:18

Povero giudice ma lo sai che essere normale oggi è un colpa. Sono i normali ad essere emarginati perchè gli omo sono così tanti e molti tanto potenti da condizionare interi popoli. Tutto ciò che è naturale fa ribrezzo, è la "trasgressività" la nuova era evolutiva dei costumi. Papà e mamma non devono nemmeno essere nominati. Un giorno questi termini saranno eliminati perchè offensivi come il Presepio e il Crocifisso per i mussulmani. Eliminare tutti i valori tradizionali dell'occidente ecco uno degli scopi principale del NWO colmo evidentemente di soggetti omo.