Migranti, grande abbuffata sugli Sprar: altri milioni alle (solite) coop​

Ad accaparrarsi i bandi del Viminale le stesse coop che già gestiscono la prima accoglienza dei migranti. Così piovono milioni sulle cooperative

In teoria dovrebbe essere il fiore all’occhiello del sistema di accoglienza italiano. È il cosiddetto Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), il programma che fornisce seconda assistenza ai migranti che rimangono per più tempo in Italia. Se i Centri straordinari (Cas) spesso diventano parcheggi affollati per clandestini, lo Sprar dovrebbe occuparsi della (vera) integrazione dei rifugiati. Tutto molto bello. E pure lodevole.

Il fatto è che i finanziamenti del Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo (Fnpsa) sono notevoli e in molti vorrebbero una fetta della torta. C’è da capirli: nel 2014 sono stati spesi 196milioni di euro, lievitati l’anno dopo a 208milioni euro e per i nuovi progetti del triennio 2017-2020 saranno ancora di più. Come rimanerne fuori?

Il gioco funziona così: il ministero dell’Interno emette una gara, i comuni partecipano e poi girano una quota delle sovvenzioni governative alle cooperative che gestiranno il centro. Semplice e lineare. Peccato che spesso le fortunate aggiudicatarie siano le stesse associazioni che già controllano i Cas prefettizi. E visto che nulla vieta di incassare sia i fondi per prima che quelli per la seconda accoglienza dei migranti, le (solite) coop fanno festa doppia.

Facciamo qualche esempio. Il Gruppo Umana solidarietà venne alla luce nel lontano 1993 in una parrocchia di Macerata. Da allora ha fatto passi da gigante fino a convincere ben 24 Comuni ad assegnargli l’amministrazione degli Sprar nel 2016. Non soddisfatto, ha collezionato pure incarichi prefettizi: Cagliari (54mia euro), Ancona, Ascoli Piceno (1.245.312 euro), Piacenza (332.235), Macerata, Roma, Latina, Fermo e il più ricco da 1,6 milioni a Teramo. Per avere un’idea del giro di danaro, basti considerare che nell’ultimo bilancio il Gus ha iscritto “9.319.399 di crediti verso le Prefetture” e “7.250.387 di crediti Sprar”. Totale: oltre 16 milioni da incassare.

E se cercate qualcuno davvero abile nel destreggiarsi tra Cas e appalti comunali, quella è la Camelot di Ferrara, vero dominus dell’accoglienza nella pianura emiliana. Appare tra i gestori dello Sprar di Bologna e nella città estense aveva vinto il bando nel 2014. Poi nel 2015 scoppiò un polverone quando s’interessò del caso l’Anac di Raffaele Cantone. L’accusa era di appalti un po’ opachi (inchiesta archiviata) e il Comune decise di revocare l’affidamento (poi vinto di nuovo da Camelot). Il contrattempo non fu un problema, perché la coop aveva già diversificato gli introiti: dalla prefettura di Bologna, tra il 2015 e il 2016, si è vista liquidare 1.132.453 euro tra affidamenti diretti e fiduciari in ambito Cas.

Non sono tutte uguali, ovvio. Di Sprar ne sa qualcosa anche la NuovaRicerca.AgenziaRes (Coopres), cooperativa fondata più di trenta anni fa nelle Marche. In provincia di Fermo coordina ben sei strutture di seconda accoglienza. Ma loro, a quanto pare, non si sono fatti ingolosire dai Cas e questo è un merito che va riconosciuto. Discorso diverso per la coop Badia Grande di Trapani, che dopo essersi assicurata la gestione del centro comunale cittadino, si è allargata a Generosa, Trapani e Alcamo, fino ad ottenere nel 2017 il maxi-appalto per l’hub di Bagnoli di Sopra a Padova (in due anni importo previsto di 13,6 milioni di euro). Dalla Sicilia al Veneto, l’accoglienza è davvero senza confini.

Ogni tanto viene da chiedersi per quale motivo piccoli centri come Alice Bel colle, 744 anime vicino ad Alessandria, anelino tanto ad avere 15 profughi e 635.108 euro di finanziamento. Poi finisce che a qualcuno sorgano sospetti. Come a Vasto, dove il M5S è andato all’attacco contro l’assegnazione del progetto Sprar alla coop “Pianeti Diversi” per il triennio 2017-2019 (1,6 milioni di euro e 50 immigrati). Perché? Uno degli assessori dopo l’aggiudicazione della gara è stato assunto dal “Consorzio Matrix”, nella cui “compagine sociale” appare proprio la coop vincitrice dell’appalto. Il diretto interessato nega ogni conflitto di interessi, ma i dubbi grillini rimangono. Peraltro Matrix è lo stesso consorzio che gestisce migranti a Palmoli, Schiavi d’Abruzzo, San Salvo, Lentella e Carunchio. Tutte a Chieti. E poi ha altre strutture nelle provincie di Foggia, Barletta, Andria, Trani. Quanto incassa? Nel 2016 a Chieti si è classificata prima nel bando prefettizio da 9,6 milioni di euro e nel 2015 a suo nome compaiono altri 3.344.684 euro. Vi sembrano pochi?

Non bisogna stupirsi di quanto siano appetibili i progetti di seconda accoglienza. I fondi sono tanti, generosi e pure in crescita. Basti pensare che nel 2003 i profughi nel circuito Sprar erano appena 2mila e quest’anno toccano quota 25.743 tra adulti, minori e migranti con disagi particolari. I titolari dei 638 progetti sono 544 enti locali tra Municipi, province, comunità montane e unioni di comuni: le cooperative fanno a gomitate pur di ottenere l’assegnazione dalla giunta cittadina. Nel lungo elenco ci sono circoli Arci, la Croce Rossa, un’infinita serie di coop bianche, rosse e associazioni cattoliche. Quasi tutte impegnate alacremente sia nell’accoglienza straordinaria che in quella ordinaria. Per una grande collettiva abbuffata.

Commenti

giannide

Gio, 13/07/2017 - 10:33

Ecco perchè, gentiloni, che minacciava AZIONI ECLATANTI, si mette a novanta gradi, e con la fierezza che lo contradistingue, dice alle ONG straniere...fate di me, ciò che volete...

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 13/07/2017 - 10:36

Vi meravigliate ? Sarà così per sempre.

Duka

Gio, 13/07/2017 - 10:37

Istituzioni nelle mani dei LADRI

jaguar

Gio, 13/07/2017 - 10:37

Pensate i soldi che hanno sperperato gli ultimi maledetti governi di sinistra per accogliere questi fannulloni africani, miliardi di euro che poi sono venuti a mancare per le altre emergenze italiane. Se penso che con più di 40 anni di contributi devo continuare a lavorare per mantenere costoro, con la scusa che mancano i fondi per le pensioni, mi girano i cosiddetti, e non poco. Aspetto qualcuno di sinistra che abbia il coraggio di smentirmi.

mariod6

Gio, 13/07/2017 - 10:37

Il PD con i suoi alleati catto-comunisti (Prodi, Bindi, Renzi, Sala, ecc.) ha messo in piedi il sistema perfetto per rubare soldi allo stato. Le coop di accoglienza, già miracolate in precedenza in quanto cooperative grazie al buon Poletti , capo di Lega Coop, e dopo Ministro del lavoro, arraffano tutti gli appalti e poi pagano le varie mance al partito, alle amministrazioni comunali, alle province, alle prefetture e ai privati che gli affittano gli immobili. E chi volete che cambi un sistema così redditizio ???

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 13/07/2017 - 10:38

Ecco cosa avrebbe dovuto fare Totò Riina nella vita, i soldi li avrebbe avuto direttamente dallo stato.

frapito

Gio, 13/07/2017 - 10:46

Come sono buoni quelli che sempre ripetono "Li dobbiamo accogliere questi poveri rifugiati!". Il giorno, non lontano, che alcuni "poveri rifugiati" si renderanno conto di quanto "fruttano", allora ne vedremo e ne sentiremo delle belle.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 13/07/2017 - 10:47

Nessun stupore, tutto cio' che riguarda i soldi destinati alle "risorse" sono cosa loro e guai a chi cerca di toccare la loro greppia!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 13/07/2017 - 10:52

Prima o poi le urne faranno finire questa pacchia. Urgente studiare ,sin d'ora, azioni di rivalsa da parte dello stato verso queste autentiche associazioni a delinquere.

fedeverità

Gio, 13/07/2017 - 11:22

La vergogna è INFINITA!!! FATE SCHIFO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 13/07/2017 - 11:23

Prima o poi devono saltare i conti dello Stato. E' una orrenda progressione verso il basso, verso la povertà, verso gli inferi. Verso il sogno comunista, insomma.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 13/07/2017 - 11:25

---se qualcuno ha notizie di irregolarità nello svolgimento delle gare di appalto ha la magistratura a disposizione verso cui rivolgere le proprie lagnanze---altrimenti deve avere l'accortezza di tacere--stare muto e rassegnato e non vivere di illazioni senza fondamento---in questa italia in perenne crisi economica --l'azienda coop che è una delle aziende più grandi d'italia--mantiene economicamente un numero sterminato di dipendenti e le loro rispettive famiglie--è un fiore all'occhiello della nostra economia--tutto il resto sono bagattelle di invidiosi incapaci di tenere il passo con le prerogative e capacità imprenditoriali di questo grande gruppo italiano--swag ganja

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 13/07/2017 - 11:35

Ma l'opposizione del cavaliere cosa fa? Lascia correre perchè lascino correre sulle sue pendenze?

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 13/07/2017 - 11:38

Questi finti profughi, clandestini e migranti economici quanto ci costano?

antipifferaio

Gio, 13/07/2017 - 11:58

Secondo me la montagna di soldi NON VA TUTTA ALLE COOP.... E i magistrati, se esistono ancora, cosa dicono?...Un'indagine per capirci meglio, NO...eh!!!

jaguar

Gio, 13/07/2017 - 12:05

Elkid, qui non si parla di irregolarità, ma del continuo esborso di denaro da parte di tutti noi, te compreso, per accogliere tutti questi africani. E non vorrai venirmi a dire che qualcuno non ci specula?

florio

Gio, 13/07/2017 - 12:08

elkid, Cosa ti sei fatto stamane, "le Coop un fiore all'occhiello della nostra economia". Si di grossi farabutti, mafiosi, delinquenti che speculano e si arricchiscono sugli immigrati, gestiti dalla sinistra marcia italiana,VERGONATEVI!

obiettivo75

Gio, 13/07/2017 - 12:15

@elkid sicuramente non c'è nessuna irregolarità negli appalti, è giusto che una coop o azienda partecipi a gare ed appalti, sicuramente danno lavoro, ma io mi chiedo: "quando tutto ciò sarà finito, perchè prima o poi, con le urne o senza, questo dovrà finire, tutte queste coop, dipendenti, caritas... che faranno ?" e soprattutto, tutti questi soldi spesi, che incidenza avranno avuto sul PIL, crescita, miglioramento di infrastrutture telematiche e fisiche, ricerca medica, incentivi per il lavoro di giovani, aziende ecc. ? In poche parole, miliardi di euro in pappa (stipendi), pasta, letti e wi fi. Siamo sicuri che alla fine per il sistema paese questo è un affare ?

fifaus

Gio, 13/07/2017 - 12:22

A me interesserebbe conoscere anche i nomi di chi realmente tira le fila di questo vergognoso mercato, non i nomi delle sigle o dei legali rappresentanti, che spesso sono solo stipendiati

giovinap

Gio, 13/07/2017 - 12:40

quì nessun magistrato indagherà sono tutti occupati a indagare il gestore del lido "fascista" .

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 13/07/2017 - 12:42

-----jaguar----anni fa l'africa era un continente autosufficiente---l'occidente con le sue multinazionali l'ha fatta fallire e gli africani per non morire di fame si spostano---il ragionamento è limpido e non fa una piega---al loro posto farei lo stesso--anzi è strano che siano così lenti--swag

LostileFurio

Gio, 13/07/2017 - 12:51

E verranno ste benedette votazioni !!!!

Celcap

Gio, 13/07/2017 - 13:10

In Italia esiste il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, reato che in nessun'altra parte del mondo c'é. Sicuramente é una condanna seria che i giudici hanno usato, in molti casi, per condannare qualcuno. Ma io non voglio giudicare questo ma il fatto che le tra le associazioni mafiose che i giudici non puniscono mai ci sono tutte queste coop e associazioni di sinistra che hanno il solo scopo di fare denaro e possibilmente nei modi più facili che ci siano sfruttando tutto quello che può essere sfruttato. E tutta la sinistra che li difende a spada tratta é collusa e imputabile della stessa accusa di coloro che vengono puniti per una "possibile" collusione con la mafia. Io non sono partigiano del problema perché io e la mia famiglia siamo milanesi di innumerevoli generazioni ma é impossibile non vedere quello che hai davanti agli occhi.

Alex1970

Gio, 13/07/2017 - 13:12

Fino a prova contraria le uniche irregolarità sugli aiuti agli immigrati sono stati gestiti da una cricca di destra a voi tanto viciba, cari cavernicoli ...

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 13/07/2017 - 13:12

tutto mi pare abbia inizio da Renzi, e Alfano. come denuncia un grillino. 80euro dall'Europa in cambio di porti italiani Spalancati.. ma solo in entrata. poi si attivano le coop per intascare il malloppo. risultato.. Noi italiani fregati. Renzi dopo Genova perderai il governo e ti ritroveremo nei mercati.. a piazzare pentole.

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 13/07/2017 - 13:19

elkid.. lasci perdere le irregolarità amministrative. siamo stati svenduti per 4 fagioli da Renzi.. in una partita a carte in cui pure lei risulta perdente e fregato,. come tutti Noi italiani.- a meno che non abbia interessi economici..riservati ai Pochi.

scorpione2

Gio, 13/07/2017 - 13:29

ieri bossi, basta con roma ladrona, ci siamo anche noi, oggi, sempre alle solite coop vanno milioni, ci siamo anche noi e giu' risate.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 13/07/2017 - 14:33

Figuriamoci quanto valgono le insistenze fatte in Europa per fare in modo che cessi questo fenomeno, non scherziamo, business is business

Ritratto di elkid

Anonimo (non verificato)