Sbarco 'fantasma' ad Agrigento. Ma stavolta i migranti vengono identificati

Nuovo sbarco in pieno giorno nell'agrigentino, questa volta un mezzo della Finanza riesce ad intercettare i migranti ed a scortarli a Porto Empedocle: indagini in corso per individuare eventuali scafisti

Un nuovo potenziale sbarco fantasma lungo le coste dell’agrigentino, questa volta però il barcone con i migranti a bordo è stato intercettato da una motovedetta della Guardia di Finanza e scortato fin dentro il porto di Porto Empedocle, a pochi passi da dove da alcune ore è ormeggiata sotto sequestro la nave Open Arms.

L’arrivo dei migranti all’interno dello scalo più grande dell’agrigentino si registra intorno all’ora di pranzo di questo giovedì quando, sotto il sole cocente tipico dell’agosto siciliano, un barcone viene notato non lontano dai pescherecci ormeggiati dentro il porto.

Dietro vi è una motovedetta della Guardia di Finanza, la quale accompagna il barcone di legno verso l’area dell’attracco: a bordo circa venti persone, tutte di origine nordafricana. Probabilmente l’obiettivo di arrivare indisturbati verso la costa agrigentina, come capita il più delle volte quando dalla Tunisia partono barchini di legno verso la Sicilia, è alla portata. Ma a differenza di quanto avviene con il fenomeno degli sbarchi fantasma, un mezzo della finanza nota l’imbarcazione a largo di Agrigento.

Scortati, come detto in precedenza, fin dentro il porto di Porto Empedocle, il gruppo di migranti viene quindi preso in consegna sia dai finanzieri che dai poliziotti giunti, assieme alla Guardia Costiera, nel molo dello scalo agrigentino.

Iniziano quindi le consuete operazioni di identificazione, dalle quali emerge che tutti e venti i migranti sbarcati dovrebbero essere tunisini e tra loro vi sono inoltre due minorenni, così come confermato dagli agenti presenti.

Il gruppo di migranti, dopo le identificazioni, viene quindi trasferito nei centri di prima accoglienza della zona a bordo di due mezzi della Polizia. Quello odierno non è il primo sbarco di questa parte del mese di agosto in provincia di Agrigento: a cavallo di ferragosto, tra le spiagge situate nei pressi della città dei templi e Sciacca, si segnalano diversi approdi.

Il più clamoroso si ha il 5 agosto scorso, quando un gruppo di migranti viene notato a pochi passi dalla spiaggia di Punta Bianca mentre in quello stesso momento decine di bagnanti e turisti fanno il bagno nella stessa zona. In quel caso però, gran parte dei migranti sono riusciti a fuggire e ad eludere i controlli, facendo perdere le proprie tracce.

Quello degli sbarchi fantasma è uno dei problemi che, sotto il profilo della percezione della sicurezza, appare tra i più sentiti soprattutto tra le province di Agrigento e Trapani. Da anni gli abitanti della costa, durante l’estate, notano approdi di questo tipo effettuati spesso con piccoli barchini. Ma è nel 2017 che gli sbarchi fantasma suscitano maggior clamore, in quanto in quell’anno durante la bella stagione si registra in media almeno un approdo al giorno.

La situazione rispetto a due anni fa è migliorata, almeno sotto il profilo numerico, ma gli sbarchi fantasma non sono mai cessati del tutto: sia a Lampedusa che nell’agrigentino, barchini e gommoni continuano, seppur ad un ritmo ridotto, ad arrivare.

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 22/08/2019 - 18:10

SE li hanno beccati allora non è "fantasma" ... poi, sai che notizia, ce n'è stata un'altra dozzina di sbarchi così nell'ultima settimana prevalentemente nella sola Lampedusa. Per fortuna che c'è il decreto sicurezza bis così, non appena Salvini abbasserà il pollice, scatteranno la multa da millemila euro nei confronti del capitano e dell'armatore del barcone e la confisca della bagnarola ...

inventocolori

Gio, 22/08/2019 - 18:23

nel frattempo che decidono quale governo ci meritiamo..godiamoci l'anteprima dei molti sbarchi a cui ci sottoporrà pd-5s

agosvac

Gio, 22/08/2019 - 18:25

Chiedo scusa, ma come li hanno identificati??? Avevano documenti di identità oppure si sono "fidati" di quanto dicevano??? Perché se non avevano documenti non si tratta di migranti bensì di clandestini e pertanto dovevano essere messi in galera. Comunque il fatto che siano stati intercettati dalla Guardia di Finanza dice che se la stessa fosse più attiva nelle nostre acque ne potrebbe intercettare molti di più.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 22/08/2019 - 18:43

Evvai altri pagatori di pensione

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 22/08/2019 - 18:46

Se sono quelli dello foto un paio con occhiali da sole, orologi, scarpe alla moda, un paio con pancetta da denutrimento abbastanza pronunciata.insomma scappano dalla guerra

ilrompiballe

Gio, 22/08/2019 - 18:51

Se sono tunisini non dovrebbero esserci problemi a rispedirli a casa.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 22/08/2019 - 18:52

Continuano ad arrivare, perche sanno che siamo un paese di PIXXLA!!! Se sapessero che come arrivano, vengono messi in GALERA (non prigione) per essere entrati clandestinamente e ci rimangono fino al riaccompagnamento COATTO al loro paese di partenza, ovvero la Tunisia, non partirebbero piu!!!AUGH.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 22/08/2019 - 19:49

Tutti marocchini...a pedate nel cxxo a casa loro.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 22/08/2019 - 19:55

Se non c'è una organizzazione che gli procura documenti falsi, si fa presto a prenderli, basta controllarli tutti fermandoli uno per uno.

Garganella

Gio, 22/08/2019 - 19:55

Caro articolista Mauro, manca un finale all’articolo: ed ora cosa fanno ai clandestini? Se io entrassi clandestinamente in Italia dopo lo sbarco da un aereo, dove andrei a finire? Presumo in carcere. Loro invece......

Ritratto di Evam

Evam

Gio, 22/08/2019 - 20:21

Tutti identificati, nero su bianco, con l'infallibile metodo della sfera di cristallo e pronti per essere restituiti al mittente.

menteaperta

Gio, 22/08/2019 - 21:04

IO CHIEDO:DI QUESTO PASSO SAREMO SOSTITUITI DAGLI AFRICANI COMPLETAMENTE NEL GIRO DI UN PAIO DI ANNI.NE INCONTRO GIA'PER STRADA IN PROPORZIONE PIU' DEGLI ITALIANI. CHE FUTURO PER LORO E PER NOI?

Una-mattina-mi-...

Gio, 22/08/2019 - 21:08

I TUNISINI VANNO RESPINTI TUTTI, ISTO CHE IN TUNISIA CI SI VA IN VACANZA E NON C'E' NIENTE CHE NON VADA DI ECCEZIONALE

carpa1

Gio, 22/08/2019 - 21:57

Vedi poverini come sono patiti... pronti a dedicarsi allo spaccio: e che altro?

rokko

Gio, 22/08/2019 - 21:59

Se sono tunisini, grazie a Minniti e non certo a Salvini che non ha mai mosso il cxxo per trattare con nessuno, esiste un accordo con la Tunisia che permette il rimpatrio immediato.

Marcolux

Gio, 22/08/2019 - 22:05

Non sapevo che in Tunisia ci fosse la guerra o si morisse di fame. In Tunisia vanno un'infinità di Italiani a passare le vacanze, e importiamo una valanga di prodotti, a cominciare da olive, olio e agrumi, ma allora perchè dovremmo tenerci anche la feccia che da quel Paese scappa, probabilmente perchè hanno problemi con la giustizia? Siamo veramente il paese di balocchi e la barzelletta del mondo!

nunavut

Gio, 22/08/2019 - 22:35

Mettevi il cuore in pace ORA SANNO CHE TUTTI POTRANNO VENIRE IN ITALIA É IN ARRIVO UN NUOVO GOVERNO,IL QUALE É ACCOGLIENTE E VI DARÀ TUTTI GLI AVANTAGGI CHE NON RIESCE A DARE AL PROPRIO POPOLO.

Blueray

Gio, 22/08/2019 - 23:13

Almeno questi si possono rispedire a casa loro!

killkoms

Gio, 22/08/2019 - 23:54

quale guerra c'è in nordafrica (libia esclusa)?

hallogram

Ven, 23/08/2019 - 07:05

Non c’è articolo che poi dica che fine fa questa gente. Alla faccia della sicurezza!

Totonno58

Ven, 23/08/2019 - 09:24

Spero solo che non c sia chi dica che è l'effetto "crisi di governo", visto che gli sbarchi sono stati quitidiani mentre Salvini giocava a fare lo spaventapasseri con le Ong...

steacanessa

Ven, 23/08/2019 - 11:05

Identificati? Da quando in qua i clandestini hanno documenti?

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 23/08/2019 - 11:09

Arrivano dalla Tunisia in Italia con l'intento di restare in Italia.Arrivano dalla Tunisia,un Paese con un tasso di crescita importante,bellissimo,dove si vede grande e dignitosa povertà e grande e sfacciata ricchezza.Ville e automobili di lusso non si contano.Xché quindi questi giovani vogliono raggiungere l'Italia?Forse x riuscire a farsi mantenere come accadde con i lavoratoti agricoli in Sicilia che dopo poche settimane ottenevano la disoccupazione per molto tempo?Xché non fare una seria indagine che determini con certezza statistica quanti tunisini in Italia lavorano e pagano le tasse?Quanti non lavorano e vivono di aiuti sociali?Quanti delinquono? Quanti concludono un percorso lavorativo denunciando x ragioni lecite e non il proprio datore di lavoro ottenendo,con la compiacenza di alcuni Tribunali del Lavoro,risarcimenti che permettono loro di costruirsi ville faraoniche al loro Paese?

Ritratto di Artù007

Artù007

Ven, 23/08/2019 - 11:49

La Tunisia non è in guerra!!! Perché non hanno scortato il barchino in Tunisia ma nel porto italiano???? Anzi mettetegli pure il tappetino rosso e la fanfara all'arrivo!!! A CASA VOSTRA!!!!! VERGOGNA!!!!

Ritratto di llull

llull

Ven, 23/08/2019 - 13:08

Ottima notizia!!! Ora che sappiamo che sono stati "identificati" (!?) siamo tutti più sereni.

Malacappa

Ven, 23/08/2019 - 13:55

Immediatamene si riportano in tunisia