Omosessualità, il futuro cardinale Fernando Sebastian Aguilar afferma: "è una deficienza sessuale"

Fernando Sebastian Aguilar, nominato dal papa fra i prossimi cardinali, ha dato vita a pesanti accuse a causa delle sue dichiarazioni sugli omosessuali

Il futuro cardinale spagnolo Fernando Sebastian, amico del Papa, ha scatenato violente critiche e aspre polemiche dopo aver affermato che "l'omosessualità è una forma di deficienza sessuale". L'arcivescovo emerito di Pamplona, 84 anni, fa parte dei 19 nuovi cardinali di cui il Papa ha preannunciato la nomina che sarà ufficializzata il 22 febbraio. Intervistato dal Giornale di Malaga, Sebastian ieri ha dichiarato: "Con tutto il rispetto possibile, sostengo che l'omosessualità è una forma sbagliata di esprimere la propria sessualità, una deficienza sessuale, perché il sesso ha una struttura data e un obbiettivo preciso: la procreazione". Nella stessa intervista il futuro cardinale ha aggiunto: "abbiamo tutti le nostre deficienze fisiche. Io soffro di ipertensione. Mi offendo forse perché me lo dicono? Tutt'altro. È un difetto e provo a correggerlo per quanto posso. Mostrare a un omosessuale la sua deficienza non è un offesa, anzi è un aiuto". Immediata la replica dei socialisti, che hanno accusato l'arcivescovo di aperta omofobia. Secondo il responsabile per le pari opportunità del partito di opposizione, Purificacion Causapié, frasi come quelle di Sebastian "contribuiscono a perpetuare la discriminazione e le violenze che ancora in numerosi paesi danneggiano le persone omosessuali". La Causapiè ha quindi ricordato analoghi casi di discriminazione citando in particolare le frasi del presidente russo Vladimir Putin che ha "associato omosessualità e pedofilia", provocando non poco scalpore e suscitando subito violente reazioni. Nonostante Papa Francesco si mostri aperto nei confronti delle tematiche omosessuali, le critiche di molti esponenti della Chiesa sono molte diffuse.  

Commenti

Raoul Pontalti

Lun, 20/01/2014 - 16:29

Piena solidarietà al cardinale e condivisione delle affermazioni, con l'aggiunta che gli atti omosessuali (da distinguersi dall'omosessualità in sé) sono comunque segno di disordine morale e spirituale e spesso anche psichico.

Ritratto di gian td5

gian td5

Lun, 20/01/2014 - 18:29

Finalmente abbiamo un cardinale che dice pane al pane e vino al vino.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 21/01/2014 - 16:13

Meno male che c'è il card. Sebastian che dice bene. Tuttavia l'obiettivo della Chiesa è restaurare la gerarchia e la familia tradizionale, cioè il capo-famiglia, con la moglie a lui sottomessa.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 21/01/2014 - 16:15

Meno male che c'è il card. Sebastian che dice bene. Tuttavia l'obiettivo della Chiesa è restaurare la gerarchia e la familia tradizionale, cioè il capo-famiglia, con la moglie a lui sottomessa. La moglie spadroneggiante è scandalosa perché induce i figli ad effeminarsi e le figlie a fare le virago.

Ritratto di nutella59

nutella59

Mar, 21/01/2014 - 18:48

Conoscesse la Bibbia avrebbe definito la pederastia un abominio, termine usato con molta parsimonia e solo per le peggio porcate, come farsi la mamma, il papà, fratelli, sorelle, la capretta, ecc.

Efesto

Mar, 21/01/2014 - 19:57

L'omosessualità è certamente una insufficienza della formazione dell'uomo. Volenti o nolenti noi siamo in pensiero e corpo destinati alla perpetuazione della specie. Ciò è desiderato sia per attrazione fisica che per prospettiva mentale. Amiamo l'altro sesso e proteggiamo i figli. Quando questo non avviene dobbiamo considerare l'insufficienza che non è ne peccato, ne obbrobrio ne colpa. Non sono omofobico, ho avuto contatti di lavoro ed anche di svago con persone omosessuali bravissime, ma diverse dalla regolarità della vita.

roberto zanella

Mar, 21/01/2014 - 21:35

Si vada avanti come Blade con i vampiri....

jeanlage

Dom, 09/02/2014 - 14:45

Lo diceva sua Eminenza arcivescovo emerito di Bologna Giacomo Biffi. Una volta, per andare sui giornali, bisgnava affermare eresie. Adesso, è necessario dire cose coerenti con la dottrina della CHiesa: le stesse affermate da 2.000 anni. Fanno sempre più scandalo e scalpore. Anche Gilbert K.Chesterton affermava che avremmo dovuto sguainare le spadre per poter affermare che in estate le foglie sono verdi. Peccato che gli altri imbraccino i bazooka, per obbligare tutti ad affermare che la neve è nera.