Il pilota italiano ora confessa: "Ho guidato quel Boeing e mi sentivo insicuro"

Un pilota italiano rompe il silenzio sulla tragedia della Ethiopian Airlines e rivela tutte le sue perplessità sul Boeing finito nella bufera

Un pilota italiano rompe il silenzio sulla tragedia della Ethiopian Airlines. Il disastro aereo del Boeing 737 Max precipitato domenica scorsa ha aperto un dibattito sull'affidabilità di quel modello che diverse compagnie usano per le loro tratte. Come riporta il Corriere, un pilota italiano ha deciso di parlare e di dire tutto quello che sa su questo Boeing: "L'unica cosa che puoi fare è dire che andrà tutto bene, che noi siamo in Occidente, anche se dopo due incidenti del genere il sospetto viene anche a chi l'aereo lo deve pilotare". Ma sulla tragedia che ha causato la morte di 157 persone (di cui 8 italiani) agita e non poco il mondo dell'aviazione civile. Le compagnie aeree impongono ai piloti il massimo riserbo sui commenti sul Boeing, ma qualche coffessione, seppur anonima, su quel tipo di vettore comincia ad arrivare.

E altri due piloti segnalano i rischi di quel Boeing: "Ho avvertito la netta sensazione che l'aereo mi stesse sfuggendo di mano: è una cosa che capita di solito agli inizi, e che magari non è nemmeno vera, ma mi ha fatto sentire molto meno sicuro. E se non mi sento io tranquillo là dentro perché devono esserlo i passeggeri?". Parole pesanti che di certo aprono altri interrogativi su quanto accaduto in Etiopia. Infine i piloti rivelano anche una chat tra loro che in questi giorni è abbastanza calda: "Questi giorni nei nostri gruppi WhatsApp tra piloti ricorda molto la sorte del DC-10". Un altro modello che in passato ha avuto parecchi problemi e che non ha mai convinto chi si ritrova a dover guidare un gigante dei cieli.

Commenti
Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 13/03/2019 - 14:32

E se lo dice un pilota......

veromario

Mer, 13/03/2019 - 15:11

magari è un mezzo pilota in cerca di notorieta perché in realtà non ha detto niente.

nopolcorrect

Mer, 13/03/2019 - 16:04

Se lui e i suoi colleghi avessero sinceramente manifestato prima i loro dubbi su questo aereo sarebbe stato molto meglio.

diesonne

Mer, 13/03/2019 - 17:34

DIESONNE DOPE IL LATTE E' VERSATO TUTTI SONO ESPERTI:SE IL PILOTA aveva dei dubbi perché ha taciuto?

cgf

Mer, 13/03/2019 - 17:39

sul DC-10 infatti si sparse una brutta nomea negl'anni 70. Freddy Mercury era ossessionato da quell'aereo. Una volta s'imbarcò a Tokyo per NYC, già seduto in prima classe si accorse in quale aereo si trovava e ne impedì il decollo fintanto che non lo fecero scendere. Aspettò mezza giornata per un volo successivo, con solo posto in economy, con un B747. E pensare che di incidenti, anche di vittime, ne ha fatti più il Jumbo che il DC-10. Prima che arrivassero i B777 con AZ ho volato spesso con MD-11, variante del DC-10, anche con forti turbolenze, mai sentito in reale pericolo. Il contrario invece, sempre con inspiegabile ansia di arrivare le ho avute con l'A330, ancora prima dell'AF 447, diciamo che dopo quel volo nessun A330 mi ha visto a bordo, anche con AZ scelgo il volo senza quell'aereo. NB ho volato senza problem anche su 6 posti sopra la giungla venezuelana con navigazione a vista, ed ai tempi di Chavez, anche la settimana dopo un disatro a Los Roques. Zero problemi.

sparviero51

Mer, 13/03/2019 - 19:11

TUTTI,MA PROPRIO TUTTI I PROBLEMI DEL DC 10 FURONO CAUSATI DA ERRORI UMANI . IN SPECIAL MODO DA METODOLOGIE E SVISTE DI PERSONALE ADDETTO ALLA MANUTENZIONE . PURTROPPO IL PREZZO LO HANNO PAGATO GLI EQUIPAGGI E I PASSEGGERI . QUELL'AEREO ERA STATO PROGETTATO DA ALCUNI INGEGNERI IN ESUBERO ALLA NASA DOPO LA MISSIONE LUNARE E ASSUNTI DALLA MC DONNEL DOUGLAS . ERA TROPPO AVANTI TECNOLOGICAMENTE E NON È STATO CAPITO FIN DA SUBITO .RESTA UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA DELL'AVIAZIONE PERCHÉ APRI' LA STRADA AGLI ATTUALI VELIVOLI . IO HO AVUTO IL PRIVILEGIO DI PILOTARLO .

simonemoro

Mer, 13/03/2019 - 19:12

E' chiaro che è un aereo con gravi carenze strutturali e progettuali, in particolare hanno spostato troppo in avanti i motori, sbilanciando la macchina. MEGLIO NON SALIRCI A BORDO. La Boeing in questo caso ha fatto una boiata, l'Airbus mi sembra più seria come casa costruttrice.