La politica vigliacca di Ue e governo contro il Califfato

Siamo in guerra, diciamo che c'è la guerra, ma fingiamo che non ci sia e che, soprattutto, non ci riguardi da vicino

Mentre gli altri Paesi si attrezzano per affrontare il terrorismo islamico, non temendo di chiamarlo col suo nome, l'Italia - col suo presidente del Consiglio - dice che ci penserà e si darà da fare solo dopo che gli altri avranno costituito una coalizione possibilmente vincente. È la solita manfrina che noi facciamo ogni volta che ci troviamo di fronte a imprese che comportano un qualche rischio, e perciò prendiamo tempo, ci pensiamo, divaghiamo, nella speranza che, nel frattempo, le acque si calmino e di cavarcela a buon mercato. Raramente abbiamo finito una guerra dove e con chi l'abbiamo incominciata, abbiamo l'abilità di squagliarci al momento opportuno cogliendo le circostanze opportune e sta succedendo anche questa volta.

Siamo in guerra, diciamo che c'è la guerra, ma fingiamo che non ci sia e che, soprattutto, non ci riguardi da vicino; facciamo parte dell'Occidente democratico-liberale e capitalista al quale l'estremismo islamico ha dichiarato guerra, ma ci comportiamo come non ne facessimo parte e non fossimo anche noi minacciati. Così, evitiamo di impegnarci e giriamo attorno al problema, sperando che a nessuno venga in mente di cercare di assassinare il Papa durante il Giubileo. Matteo Renzi è un maestro nell'arte di divagare; è un affabulatore che usa una montagna di parole senza dire e, soprattutto, fare nulla. Non sa palesemente che pesci pigliare; parla, parla senza costrutto sperando di cavarsela. Fortunatamente, non siamo l'obiettivo principale - che rimane la Francia - e, per ora, ce la caviamo.

Ma fino a quando ce la caveremo? Abbiamo visto che cos'è successo a Parigi e dovremmo averne tratto una lezione. Nel '39, la Francia si schierò contro Hitler e vinse la guerra, sconfiggendo, con gli inglesi e gli americani, il nazismo. Se fosse dipeso da noi, parleremmo tedesco e saremmo da un pezzo una colonia del Terzo Reich. A spingerci a prendere una decisione, e a schierarci dalla parte giusta, furono le vicende belliche. Abbiamo perso la guerra e festeggiamo, con retorica, una vittoria che non è la nostra. Il nostro europeismo consiste nell'evitare di aggiungere al sostantivo terrorismo l'attributo islamico, come suggerisce (impone) la cauta, e un po' vile, burocrazia di Bruxelles.Nessuno pretende che si dia sfoggio di particolare temerarietà. Ma un minimo di consapevolezza circa ciò che ci sta accadendo intorno dovremmo almeno manifestarlo e non guasterebbe con i tempi che corrono.

Evitiamo gli allarmismi, predica il capo del governo. Ma, tradotto, significa che preferiamo mettere la testa nella sabbia e chiudere gli occhi. Per carità, nessuno pretende di vivere in una sorta di perenne stato d'assedio, ma almeno un minimo di cautela sarebbe utile. Un conto è evitare inutili allarmismi; un altro sapere, e comportarsi mostrando di sapere in che mondo viviamo. A me pare, francamente, che il nostro esibito disimpegno sia cinico opportunismo - del quale il nostro capo del governo, è maestro - se non una forma, neppure tanto occulta, di vigliaccheria.

Piero Ostellinopiero.ostellino@ilgiornale.it

Commenti
Ritratto di makisenefrega

makisenefrega

Dom, 06/12/2015 - 15:56

Non c'è da andare fieri del proprio paese. Soprattutto quando governa la sinistra.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 06/12/2015 - 19:03

Dal dopo guerra, hanno governato fascisti e comunisti, LA FECCIA DELLA POPOLAZIONE, ORA CHE SONO TUTTI MILIONARI, SONO DIVENTATI DEMOCRISTIANI, MA RIMARRANNO SEMPRE FALSI!!! NEGLI ULTIMI DECENNI, Berlusconi e Bossi,HANNO CERCATO DI PULIRE LA SPORCIZZIA DA LORO FATTA, MA L`EUROPA E GLI USA, HANNO AIUTATO Napolitano, CON UN GOLPE!!! TUTTO QUESTO, FÀ CAPIRE CHE AI POLITICI MONDIALI,"""INTERESSA AVERE POLITICANTI LAVATIVI, COME QUEI Piddini CHE GOVERNANO IN ITALIA"""!!!

Edmond Dantes

Dom, 06/12/2015 - 19:32

Parole di Churchill: 1) dopo lo scoppio della guerra, rivolto ai pusillanimi leaders della conferenza di Monaco del 38': "tra il disonore e la guerra avete scelto il disonore, ora avrete anche la guerra" ; 2) sull' Italia : "non ha mai finito una guerra con gli stessi alleati con cui l'ha iniziata, se è successo è perché ha tradito due volte" . Giudizi tagliati su misura ed attuali per il pusillanime Renzi e per chi ne condivide le scelte.

mstntn

Dom, 06/12/2015 - 19:32

Non sappiano fare niente.Meglio gli struzzi che fare brutte figure. Anche di questo sappiamo tutti e facciamo finta di non sapere. I nostri vanno dove c'è da portare quaderni ai bambini, curare qualcuno ma la guerra per carità chi è in grado di farla. Meglio così.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Dom, 06/12/2015 - 19:32

Non perdete un pretesto, dico uno, per far ridere.

NONPIRLA

Dom, 06/12/2015 - 19:37

Sei fuori linea con il direttore e il vice. Feltri dice che è stato da pazzi bombardare la Libia. Se il nano era stanco che si riposasse. Sue parole esatte sulla sette. E aggiunge che le bombe non sono intelligenti, ogni civile ucciso sono 3 terroristi in più. E si diceva d'accordo con Travaglio che lodava Renzi per la sua scelta Bella cosa i bombardamenti della Libia da decisi dall'ex cavaliere 3 m3si dopo che aveva accolto a Roma il dittatore con 300 odalische italiane con corano. Ostellino ti pensavo diverso, anzi eri diverso. Peccato

vince50_19

Dom, 06/12/2015 - 19:37

Più trascorrono gli anni e più c'è chi pensa, stando al governo, a risparmiare tagliando in continuazione fondi alla difesa che non riesce a rinnovare le proprie (scarse) linee di armamento, nemmeno fare necessarie operazioni di manutenzione (specie in marina). Siamo sotto il 1% in Ue, laddove la media in Ue si attesta intorno al 2%. Qualora - spero mai - dovessimo utilizzare le nostre FFAA per compiti di difesa del territorio (non mi riferisco ad eventuali interventi in Libia altrimenti - tanto per dirne una - dovremo pagare la benzina 4 euro al lt., a parte altre tasse) la nostra autonomia scenderebbe a limiti ridicoli. In fondo è tutta una questione di voti, questo fin quando la melma non ci sommergerà completamente. Allora ne vedremo sul serio delle belle.

rosa52

Dom, 06/12/2015 - 19:48

ma cosa c' e' da aspettarsi da un governo abusivo e da questi incompetenti che sono li' solo x salvagurdare se stessi..vedi la Boschi ad esempio..mica si puo' pretendere che abbiano gli attributi x prendere decisioni di questa portata...

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Dom, 06/12/2015 - 20:08

Ho detto e ripeto, Renzi è un imbonitore da fiera, vende scarti facendoli sembrare affaroni, l'Italia governata da lui e compari è uno scalcinato luna park, dietro alle facciate dipinte cade in pezzi. L'unica guerra che il premier può fare all'Isis è con la playstation. La sinistra politicamente corretta vuole risolvere col dialogo, io ce li manderei in massa a dialogare con i tagliateste, guarda un pò. Comunque tranquilli, da noi non ci saranno attentati, almeno finchè il governo italiano continua ad essere è il miglior alleato dell'Isis. Qui i terroristi sono di casa vanno e vengono, si organizzano, nessuno li controlla, anzi, sono benvenuti e ben mantenuti, come tutti i clandestini, più protetti del panda, con la differenza che purtroppo loro non sono in via di estinzione. Ci volevano 130 morti a un tiro di schioppo e il giubileo per prenderne una manciata e espellerli. Toh, ma allora si può fare!

Ritratto di Rames

Rames

Dom, 06/12/2015 - 20:46

Siamo in guerra, diciamo che c'è la guerra, ma fingiamo che non ci sia e che, soprattutto, non ci riguardi da vicino.Parole vere caro Sig.Piero, verissimo.E' da un anno che lo predico anche io.Non ho cosa dire perchè la verita' è bella scritta in quest'articolo.Cosa posso aggiungere?La sinistra, è la sinistra.Evitiamo gli allarmismi....Quanti schiaffi si perdono Piero quanti.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 06/12/2015 - 21:28

BADOGLIO SE CI SEI FATTI CORAGGIO PERCHE' HAI MOLTA COMPAGNIA. SHALO'M E FORZA ITALIA

asalvadore@gmail.com

Dom, 06/12/2015 - 21:33

L¡ipocrisia dei cristiani o meglio di colro che si dicono cristiani per nascondere dietro l¡effige di una delle piú sanguinose religioni della storia, leggete Voltaire, la propia vigliaccheria. Noi siamo figli dell'Illuminismo e non delle favole giudeocristiane, i Diritti dell'Uomo che siamo chiamati a difendere sono scritti nel primo, e unico, articolo della Costituzione francese del 1789 e non nei sacri testi cristiani e meno ancora giudei.

INGVDI

Dom, 06/12/2015 - 22:08

E' la politica del cattocomunista Renzi. Ci stupiamo? No. C'è invece da stupirsi che il pifferaio abbia ancora la fiducia del 40% degli elettori.

REX5000

Dom, 06/12/2015 - 22:49

Il nostro Presidente non ha tempo per l'Isis deve pensare come salvare le banche amiche .Lui combatte l'Isis con la cultura e i 500 euro ,però si fà scortare da 24 auto della Polizia.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 06/12/2015 - 22:51

Mi verrebbe da dire che l'Italia non merita di essere premiata per il suo atteggiamento ipocrita e attendista; che "non ci meritiamo di cavarcela senza combattere" e che dovremmo pagare senza sconti la nostra pusillanimità di fronte a quelli che subiscono il peso delle loro scelte. Tuttavia, alla fine, chi pagherà veramente?

MarioDeDominicis

Dom, 06/12/2015 - 23:27

Il nazismo è stato sconfitto anche dall'Unione Sovietica (non ho mai votato a sinistra). Concordo su tutto l'articolo.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Lun, 07/12/2015 - 00:00

La nostra nazione è stata costruiti da massoni e ci accorgiamo ogni volta di più di tale errore. Tuttavia, continuiamo a stupirci quando le azioni contro la chiesa continuano, perché tale sorpresa se è parte del nostro DNA? Dice bene Ostellino, come nazione abbiamo dimostrato vigliaccheria cominciando con uno e finendo accanto ai nemici originali. Guardiamo come abbiamo tradito il patto di non agressione con l'Austria nel 1915. Tutti lo sanno e perciò non contiamo, fidarci di noi sarebbe suicida.

Edmond Dantes

Lun, 07/12/2015 - 01:15

@NONPIRLA. Nonpirla ? Forse legge più di quanto riesca a capire.

buri

Lun, 07/12/2015 - 11:53

a volta penso che il pacifismo di certi politici p solo una facciata per nascondere la manxanza di attributi sperando che arrivino gli altri a combattere per noi, per dirla come ha scritto Famiglia Cristiana (da sempre sostenitrice della sinistra) "Meno male che c'è Putin"

giovanni951

Lun, 07/12/2015 - 13:54

sante parole...che altro dire?

65Pietro

Lun, 07/12/2015 - 14:40

Un compianto opinionista del Corriera, scriveva "Negli affari di guerra e di pace, non basta prendere decisioni energiche. Bisogna prenderle in tempo. E tra tutte le decisioni, quella di di non decidere è sempre la peggiore". Si parlava della guerra del Vietnam, all'epoca e dell'indecisione degli USA. Oggi siamo nel bel mezzo di un'altra guerra, e Renzi si comporta esattamente così, non decide, sperando nello stellone che gli indichi la via da seguire, perche' lui ha solo paura di sbagliare

Silvio B Parodi

Lun, 07/12/2015 - 21:03

Paura di sbagliare Renzi, no!!lui ha sbagliato a nascere

Silvio B Parodi

Lun, 07/12/2015 - 21:05

Paura di sbagliare Renzi, no!!lui ha sbagliato a nascere I miei commenti li ricevete ma non li pubblicate perche', sono troppo offensivi per me troppo poco.

Tuthankamon

Lun, 07/12/2015 - 21:14

Renzi essendo PCI-PD, è fortemente consapevole del lavaggio del cervello che ancora influenza sensibilmente tanti Italiani. Per tanto sa benissimo che per il momento non gli conviene intraprendere le azioni che in un caso del genere sarebbero ovvie. D'altra parte non ha nè il carisma nè il sostegno all'estero per contribuire. E non vuole rischiare la tenuta del governo. Quando si sentono lui e Mattarella dire che i terroristi si combattono con la cultura, significa che non si rendono conto di cosa c'è oltre il Mediterraneo. E noi dovremmo capire che siamo nei guai. Questi sperano nello stellone e, come al solito, sperano che gli altri ci tolgano le castagne dal fuoco.

disturbatore

Lun, 07/12/2015 - 23:12

I soliti tre galli nel pollaio europeo hanno sostenuto fin dal 2012 soggetti iscritti nelle liste di soggetti pericolosi,che avevano deciso di andare in Siria a combattere. Lo hanno fatto diversi Governi,il motivo nel 2012 era a portata di mano, la Libia era stata caotizzata in un paio di mesi,con la Siria si pensava la stessa cosa. Dalla corruzione dei Generali fino alla costruzione prematura dei campi profughi ,e poi alla delega in esclusiva per quanto riguardava le notizie , all´osservatorio siriano con sede a LOndra,tutto era stato preparato nei minimi termini.NOn fu´quindi un segreto che in Europa tutti volevano marciare per primi a Damasco.Se cosi´non e´stato e´perche´piu´di uno si sono intestarditi,Putin,Lawrow ed Assad. Che si chieda oggi a Kofi Annan come ha vissuto quella situazione della risoluzione onu.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 08/12/2015 - 08:23

Oggettivamente le guerre si fanno se sai di avere le spalle coperte e di questo i governanti italici ne hanno saputo fare uso: per combattere l'Aquila Bicipite si sono alleati con la Francia, la Prussia anzitempo e il compare di turno, hanno sbaragliato i Turchi in Libia e gli Etiopi che erano a confronto una armata Brancaleone, dipoi hanno dichiarato la "non belligeranza" per ricaderci l'anno dopo nel baratro della 2a G.M. ripetendo i tempi della 1a G.M., che in ultima analisi fu il prologo del disastro 1940/1945, con la conquista di risicati territori e immani tragedie del popolo minuto. ITALIA FATTI ONORE SUL CAMPO DI BATTAGLIA NON SUI CAMPI DI CALCIO CON LE ZUFFE IDIOTE FRA TIFOSI DEPRAVATI.

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 08/12/2015 - 09:31

All'indomani dell'attentato di Parigi sembrava il momento giusto per dimostrare di avere gli attributi. Invece ancora una volta ci siamo persi nel mare dei se e dei ma. E' effettivamente una situazione complessa in quanto ci troviamo, grazie alla politica dissennata sull'immigrazione, con un numero considerevole di potenziali terroristi direttamente in casa nostra e figuriamoci se il pd in salsa renziana se la sente di prendere posizione chiara e netta. Emblematico il parere di gentiloni: "combattiamo contro il terrorismo ma non siamo in guerra". Alias: "signori terroristi fate quel che vi pare ma non qui". Mi vergogno per loro.

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Mar, 08/12/2015 - 14:39

NONPIRLA intanto il tuo nickname non ti rende merito, poi Napolitano è alto non è nano.....

Ritratto di gangelini

gangelini

Mar, 08/12/2015 - 23:56

Nulla da eccepire. Se fossi un sinistro PERO' ..... ribatterei facendo una lunga disquisizione sul significato della guerra, del terrorismo, della religione, della paura e del nostro modo di essere borghesi basato sull'effimero; durata dalle 3 alle 5 ore secondo lo standard del pifferaio magico.

evuggio

Mer, 09/12/2015 - 11:45

finalmente un articolo lucido, obiettivo e senza ipocrisie che illustra, con la bravura di Ostellino, in quali mani ci troviamo! Però si continua a fingere di credere che il pifferaio magico risolverà tutti i problemi ed anche chi istituzionalmente dovrebbe intervenire si gira dall'altra parte.

scarface

Mer, 09/12/2015 - 13:26

... si darà da fare solo dopo che gli altri avranno costituito una coalizione possibilmente vincente. Tipico comportamento dell'italietta da qualche secolo a questa parte. La storia insegna che la storia non insegna niente.

novorossya

Mer, 09/12/2015 - 14:36

NAZISMO E STATO SCONFITTO DAL UNIONE SOVIETICA E NON DALLA FRANCIA . GLI AMERICANI SONO ARRIVATI AL ULTIMO MOMENTO QUANDO NON SERVIVA PIU!!!! CODARDI COME SEMPRE!!!!!! Come fa scrivere certe cose, non ha diritto di girare la storia. DOBBIAME DIRE GRAZIE AL POPOLO RUSSO CHE ADESSO NON SIAMO SCHIAVI DI HITTLER !!! RICORDATE TUTTI CHE PER PORTARE LA LIBERTA PER TUTTI SONO MORTI 6000000 MLN DI CIVILI E SOLDATI RUSSI,UCRAINI,BIELORUSSI E ALTRI NAZIONALITA MA NON GLI AMERICANI !!

no_balls

Mer, 09/12/2015 - 15:06

Fossi in renzi metterei una super tassa sui patrimoni per finanziare la guerra.... Sparirebbe immediatamente la parola guerra in certi giornali e sulla bocca di illustri intellettuali....... scapperebbero a gambe levate.... Prima la pecunia.... poi lè radici e la patria. Ridicoli

claudioarmc

Gio, 10/12/2015 - 09:18

Articolo assolutamente condivisibile

cecco61

Gio, 10/12/2015 - 12:34

@ novorossya: fai il bravo e studia. Quasi sicuramente già nel '41-42 la Russia, senza gli aiuti militari americani, non avrebbe retto. Aveva uomini, ma non materiali. Anche successivamente, senza l'apertura del nuovo fronte con lo sbarco in Normandia, i tedeschi avrebbero retto l'attacco russo .

robytopy

Gio, 10/12/2015 - 15:32

non c'è niente da fare, chi racconta il contrario dice delle balle per farsi bello. Finchè esistono persone disposte a farsi saltare in aria in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, quali possono essere i provvedimenti da prendere ? Non ci sono, se lei ne conosce qualcuno ce lo scriva. Grazie

robytopy

Gio, 10/12/2015 - 19:09

grande nonpirla, tutto il resto è acqua fritta.

pgbassan

Ven, 11/12/2015 - 18:32

Tutto giusto, Ostellino. Salvo che la Francia abbia vinto la seconda guerra mondiale. L'hanno vinta gli Angloamericani (e un po' i sovietici, che hanno ricevuto da questi enormi aiuti). La francia ha solo creato i presupposti per una rivincita tedesca dopo le pesanti e assurde condizioni impostele dopo la guerra del 1915-18.

pgbassan

Ven, 11/12/2015 - 20:59

cecco61: esatto.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 11/12/2015 - 22:48

I comunisti non ci hanno pensato due volte quando si è trattato di bombardare i Nostri fratelli Serbi; evidentemente sotto c'è la mano della Massoneria che vuole distruggere la Chiesa di Dio con qualsiasi mezzo e putin lo ha specificato; sono quaranta persone e molte dell'Unione Europea che finanziano l'IS e la morte della Famiglia naturale in Italia e nel Mondo cosiddetto Occidentale. Shalòm.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 12/12/2015 - 11:58

Qui da noi si dovrebbe parlare di assimilazione: si tratta di sessanta milioni di residenti al confronto coi quattro milioni di ospiti. Invece si parla di integrazione : se vuoi lapidare un'adultera userai venti pietre e non quaranta, avrai solo tre mogli e non sei, mi sottometterai ma solo dopo cinque anni e non subito. Ecco l'integrazione, metà per uno, cinquanta e cinquanta. Siamo italiani, stremati da due guerre dove abbiamo tradito sempre, fiaccati da fascismo e comunismo, illusi dal cattolicesimo pauperista. Non ce la facciamo più. E' vero che siamo al seguito di tutte le guerre ma con regole d'ingaggio da fureria, diverse da tutti gli altri. Speriamo ancora nel lodo Moro che ci fece amici dei terroristi palestinesi. Da noi non fecero danni e furono adorati dagli italici snobbosi. Ci accordiamo con tutti : fascisti comunisti mafia ed islamici. Siamo italiani, alla fine.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 13/12/2015 - 18:39

Carissimi "Scrittori" in fondo Noi ragioniamo ed è già un risultato. La seconda è che siamo sempre accomodanti su tutto e tutti per il fatto che non vediamo o, se vediamo, stiamo con le bistecche agli occhi. La terza è che parliamo e diciamo sempre tre parole: "se fossi io..". La q

ernestorebolledo

Lun, 14/12/2015 - 01:56

molto ben formulato: Matteo Renzi è un maestro nell'arte di divagare; è un affabulatore che usa una montagna di parole senza dire e, soprattutto, fare nulla. (Ma era Russia con gli Stati Uniti che ha distrutto Hitler e il Nazismo, non la Francia, né Inghilterra ..)