Il procuratore di Rieti smentisce: "Più sabbia che cemento? Frase estrapolata"

Il procuratore di Rieti Giuseppe Saieva smentisce di aver imputato la tragedia alla costruzione delle case di Amatrice: "Solo una frase estrapolata"

Il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, smentisce di aver mai imputato al metodo di costruzione delle case la tragedia dopo il terremoto che ha colpito il Centro Italia nella notte tre il 23 e il 24 agosto.

È una frase estrapolata da una considerazione che facevamo in modo assolutamente generale con riferimento alle possibilità che parte di un edificio possa crollare e parte no", dice oggi Saieva a Radio24 commentando il colloquio con Repubblica, "Dico mah, può dipendere un po’ da tutto, dal fatto che magari in quel caso la malta sia più carica di sabbia che di cemento, quindi era semplicemente una considerazione assolutamente, non dico salottiera, ma giù di lì

E sulle indagini, Saieva ha aggiunto: “Acquisiremo tutti gli spunti investigativi che ci verranno dati sia dalla Polizia giudiziaria, che anche dai media perché è tutto utilizzabile”. E infine conclude: “Non abbiamo nessun dato investigativo certo e addirittura ci basiamo al momento sui media. Le nostre forze di polizia giudiziaria sono tutte impegnate in quell’attività oppure in attività di coordinamento, non possiamo neppure distoglierla per acquisizioni che si possono fare in un secondo momento”.

Commenti

carlolandi

Sab, 27/08/2016 - 11:28

Ne hanno dette anche troppe e anche senza cognizioni di causa.

MassimoR

Sab, 27/08/2016 - 11:31

beh ci dovrebbero essere i test con i campioni dellemprove edometriche... perchè scrivere e parlare senza sapere

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 27/08/2016 - 12:06

Caro Saieva, si può anche sospettare che la sabbia, per spendere meno, non l'avessero lavata....

Raffaello13

Sab, 27/08/2016 - 13:26

Tutti, commentatori e geologi televisivi, amministratori, politici ed anche magistrati assolutamente ignoranti sugli effetti dei sismi e su cosa occorra per contrastarli. Da cui la caccia alle streghe come quella della sabbia di mare col cemento

Raffaello13

Sab, 27/08/2016 - 13:31

In realta è opera molto difficile rendere anti sismici vecchi edifici costruiti con materiali scadentissimi (sassi tondi farciti con malte di calce e sabbie sporche di altro). Li rinforzi da una parte e si sfasciano dall'altra. Solo con la demolizione totale e ricostruzione con nervature in acciaio e calcestruzzo si riesce ad ottenere risultati accettabili.

Raffaello13

Sab, 27/08/2016 - 13:35

A Norcia si sono vantati di aver resistito, ma il sisma, pur vicino, potrebbe essersi scaricato su altra dorsale, magari altra faglia, i vecchi edifici, pur "risanati" hanno sempre punti deboli (a meno di non essere stati completamente ingabbiati d'accciaio, e superata la accelererazione critica, anche di poco, si sgretolano, magari parzialmente...

Giulio42

Sab, 27/08/2016 - 15:01

Senza voler togliere la colpa di chi ha costruito, ma il committente, non controlla mai l'avanzamento lavori ? Non esiste un capitolato nazionale che impone al costruttore le regole base che devono essere rispettare ? Con che criterio si sceglie un fornitore e gli si danno centinaia di milioni senza preoccuparsi di come sarà svolto il lavoro ? Quale è l'ente che si occupa dei controlli ? Esempio eclatante il ponte che si sfalda prima di essere aperto al traffico. In Germania, esistono delle norme, VDE, che determinano le caratteristiche di tutti i manufatti e da noi ? Non è importante se qualcuno finisce in galera ma che non si verifichino queste tragedie.

Raffaello13

Sab, 27/08/2016 - 15:28

Nelle vecchie costruzioni in ciottoli la sabbia non veniva mai lavata, mescolata con calce e NON cemento, che anticamente non c'era.

mariod6

Sab, 27/08/2016 - 15:43

I vecchi edifici hanno poche difese, ristrutturati o meno che siano. Il problema diventa evidente su edifici ristrutturati i relativamente nuovi, vedi scuola di Amatrice. Ma questa non si tocca e le eventuali inchieste vanno diluite. C'è di mezzo un consorzio di cooperative e quindi saltano fuori i tabù !! Vero Poletti ??? Vero Del Rio ???

guerrinofe

Sab, 27/08/2016 - 15:46

MA SI VEDE BENISSIMO CHE LE MURA COMPOSTE DI QUASI SOLO SASSI SON TENUTE ASSIEME DALL'INTONACO, ma quale cemento....quale sabbia... POI SALTA FUORI IL PERRY MASON DI TURNO con una polverosa dimenticata leggina,cosicome all solito tutto a norma e nessun colpevole!

Ritratto di angelo46

angelo46

Sab, 27/08/2016 - 15:51

ANGELO46 Mi chiedo: è mai possibile che ogni qualvolta arriva un sisma,vedi L'Aquila, ci sentiamo dire sempre le solite cose: "vedremo, indagheremo,prenderemo visione,la procura farà le sue ricerche per vedere se ci sono state negligenze" e poi al prossimo tremolio della terra tutto crolla come nel precedente terremoto.La smettano tutti coloro che sono preposti alle indagini di ripetersi continuamente nel mentre i problemi restano.Fatti e non presenze, ma già, dimenticavo: siamo in Italia; in Giappone con una scossa della magnitudo 6,5 non se ne sarebbero nemmeno accorti del terremoto.

ilbarzo

Sab, 27/08/2016 - 16:13

L'Italia è un paese fondata sui corrotti e corruttori, tutti interessati al Dio quattrino.Povera italia nostra come sei ridotta.....

beedom

Sab, 27/08/2016 - 20:50

Gentilmente se non siete del mestiere astenetevi da commenti inqualificabili. Rispettiamo i morti perfavore