Lo schiaffo di Londra avvicina la Russia all'Europa

Molti Paesi dell'Est del Continente finiranno per guardare a Mosca

Fra le infinite notizie ed immagini che ci propinano tutte le reti Tv non ce n'è una sullo stato di guerra fredda o di preparazione bellica che la Nato svolge nei Paesi dell'Est europeo, in particolare in Polonia. Alla fine della Seconda guerra mondiale i Paesi dell'ovest europeo hanno fatto una grande opera di pacificazione. Lo stesso non è avvenuto all'est dopo la fine dell'Unione Sovietica. Anziché una conferenza amichevole per concordare confini e rapporti fra le varie repubbliche ex sovietiche come avrebbe voluto Gorbaciov, hanno prevalso la volontà di potenza americana ed i rancori, i desideri di rivalsa, gli odi secolari della Polonia verso la Russia, le antiche tensioni dell'Ucraina, frettolosamente unificata. E la Nato, che tanto ha contribuito alla pace in occidente, qui, invece, ha schierato contro la Russia enormi armamenti, missili nucleari e fa continue esercitazioni militari.

Questa politica è stata voluta dagli Usa e dall'Inghilterra, che hanno così impedito il formarsi di un'Europa dall'Atlantico agli Urali come desiderava De Gaulle perché così sarebbe diventata una potenza mondiale. Approfittando della crisi ucraina e del referendum in Crimea hanno anche imposto sanzioni e, di fatto, espulso la Russia dall'Europa. Invece hanno appoggiato il mondo islamico, si sono alleati col Pakistan, l'Arabia Saudita e le monarchie del golfo, tutte nazioni islamiste che hanno finanziato l'Isis, la guerra civile in Siria e prodotto le massicce emigrazioni in Europa. Anche la Turchia faceva parte di questo fronte, aiutava l'Isis e attaccava la Russia.

Ma qualcosa sta cambiando. La Turchia, in preda ad una grave crisi politico-economica, cerca di ristabilire buoni rapporti con la Russia. In Europa orientale non ci sono più solo rancori antirussi, ma anche antioccidentali. L'uscita dall'Europa di Londra lascia questi Paesi privi della sua funzione equilibratrice, quindi più soli e non è detto che alcuni di loro non finiscano paradossalmente proprio a guardare alla Russia come polo stabile e alle immense possibilità di sviluppo euroasiatico. Gli americani e la Nato si opporranno in ogni modo ad un processo del genere e dobbiamo perciò aspettarci venti di guerra sul confine orientale dell'Europa.

Commenti

alox

Dom, 10/07/2016 - 17:50

La NATO non doveva annettere la Crimea!

Una-mattina-mi-...

Dom, 10/07/2016 - 21:11

PROVERBIO: "E' SEMPRE MEGLIO MOSCA DI DOVE SOPRA LA MOSCA USUALMENTE VOLA". FINE DEL PROVERBIO.

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Dom, 10/07/2016 - 22:14

Perche i giornali non parlano della minaccie della China agli USA e Giappone? Perche non parlano del BRICS solo dal punto economico e non degli accordi bilaterali di soccorso ed apoggio reciproco, militare? Perche non si parla delle persono nell'EU chge in caso di conflitto sarebbero con la Russia!!

Altoviti

Dom, 10/07/2016 - 22:37

La Nato ha distrutto l'Italia con la guerra in Libia! Oggi è una forza di occupazione, la Nato non dà più nessun beneficio all'Italia, dobbiamo riprenderci la propria libertà da quest'organizzazione fatta per obbligarci a guerre rovinose e che cerca di ostacolare in tutti i modi i buoni rapporti che dovremmo avere con la Russia.

Ritratto di cormoranofly

cormoranofly

Dom, 10/07/2016 - 23:49

AMERICANI GUERRAFONDAI, U.E. MANICA DI FESSACCHIOTTI!!! W PUTIN UNICO VERO STATISTA!

angelovf

Lun, 11/07/2016 - 00:15

Per me la Russia è una nazione europea, e va presa in considerazione meglio che gli USA che vanno i giro a creare guerre e intromettersi nelle nazioni, oltretutto anche se siamo alleati ci spiano come se fossimo paesi ostili, non è la prima volta che succede,e la Clinton ne sa qualcosa.

MOSTARDELLIS

Lun, 11/07/2016 - 00:35

I politici e i governanti degli USA e dell'Europa di questi ultimi anni sono stati piccoli piccoli e ciechi e questa politica di basso profilo ha portato alla situazione drammatica che viviamo oggi. Speriamo che ora si accorgano di tutti gli errori che sono stati fatti e che rinsaviscano anche nei confronti della Russia che può dare davvero una mano alla pace e agli equilibri europei.

GuarnieriRoc

Lun, 11/07/2016 - 05:26

Un'Europa dall'Atlantico agli Urali.

mila

Lun, 11/07/2016 - 06:07

@ Mostardellis -Perche' gli USA dovrebbero rinsavire? A loro va bene cosi'.

Keplero17

Lun, 11/07/2016 - 07:56

1° la Crimea è stata annessa alla Russia dal conte di Potemkin (quello della corazzata) nel '700 strappandola all'impero ottomano sotto la zarina Caterina, che fra parentesi era tedesca ed era succeduta al marito. 2° in Crimea il 90% della popolazione è russa e parla russo, più alcune minoranze tucomanne e ucraine. 3° fu annessa all'Ucraina da Kruscev quando questi erano confini puramente regionali dell'URSS.

Keplero17

Lun, 11/07/2016 - 08:01

Per quanto riguarda le regioni orientali dell'Ucriiana, va detto innanzitutto che ucraina è un toponimo, che vuol dire "terra di confine" fra l'impero polacco e quello russo. i cavalieri alati polacchi si scontravano fin dal '500 coi cosacchi su quelle terre e nell'est vivono 5 milioni di russi discendenti dei cosacchi che parlano russo e non ucraino che non ne vogliono sapere di farsi colonizzare e sottomettere dagli ucraini di discendenza polacca che vivono nell'ovest. Nessuna televisione ha mostrato le città di queste due regioni martellate dall'artiglieria campale ucraina, con i civili morti per strada.

mauepicuro

Lun, 11/07/2016 - 08:21

Da lungo tempo mi chiedevo perché non era stata invitata la Russia, europea da sempre, ad entrare in europa: adesso lo abbiamo compreso tutti. Il "guerrafondaio" Reagan aveva pacificato west e urss, il nobel della pace Obama sta distruggendo la pace.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 11/07/2016 - 09:48

De Gaulle é stato l'unico vero statista che in tempi non sospetti aveva capito le mire USA tese a tenere per sempre in soggezione, o sotto ricatto se preferite, l'Europa e rifiuto' di far confluire la Francia nella Nato! Cosi come la sua visione di una Europa unita dall'Atlantico agli Urali é quantomai attuale e auspicabile mentre i risentimenti e le paturnie polacche lasciano il tempo che trovano!

roberto zanella

Lun, 11/07/2016 - 09:51

Caro prof.Alberoni già sta succedendo perchè i fatti di Kiev sono stati orchestrati dalla CIA , perchè l'Ucraina con Kiev è la capitale della religione Ortodossa e doveva diventare la testa di ponte verso l'ingresso della Russia , Una specie di Normandia , ma hanno trovato una Russia diversa , non quella che ha assistito alla dissoluzione della Jugoslavia e quindi è passata al contrattacco in Crimea e nelle zone russofone che è quello che temono soprattutto le repubbliche Baltiche.

lucaberardi

Lun, 11/07/2016 - 10:50

Un articolo colmo delle peggiori menzogne sulla Russia. Gli stati ex URSS dell'Eurora orientale come Georgia, Ucraina e i paesi baltici hanno esercitato liberamente il loro diritto all'autodeterminazione e non si vede perchè dovessero chiedere il "permesso" a Gorbacev. La Russia di Putin ha invaso militarmente la Georgia nel 2008 e la Crimea nel 2014:il referendum in Crimea è stato una farsa dato che a controllare le operazioni di voto erano gli occupanti russi ed è stato impedito agli osservatori internazionali di partecipare per valutare la regolarità del voto. La Russia ha alleati mediorientali imbarazzanti quanto quelli occidentali: non mi direte che il dittatore e massacratore di oppositori Assad e il regime autoritario iraniano siano simboli di democrazia e tolleranza. Alberoni davvero vergognoso nella sua malafede

Vera_Destra

Lun, 11/07/2016 - 11:30

Alberoni non sa una evidente mazza della psicologia slava. I popoli dell'Europa Orientale, ex sottomessi alla dominazione sovietica, sono entrati nell'UE e nella Nato proprio per sottrarsi alla minaccia dell'orso russo. Se c'è qualcuno che spinge l'UE contro Putin sono proprio i governi delle Repubbliche Baltiche, della Polonia, della Romania (per tacere dell'Ucraina). Alberoni studia

Dani55

Lun, 11/07/2016 - 12:47

Aggiungerei che l'UE nata con il proposito di superare il nazionalismo che aveva condotto a due guerre mondiali, non trovato di meglio che utilizzare proprio la leva del nazionalsimo per attrarre nella propria sfera di influenza i paesi dell'ex impero sovietico e della Federazione Yugoslava, finendo per esserne travolta. Visto che queste due entità erano -nel bene e nel male - entità sovranazionali con un elevato tasso di integrazione, dopo il crollo del comunismo, meglio sarebbe stato non smembrarle e includerle gradualmente nell'Unione. Ma gli anglosassoni, sono sempre stati mestri del divide et impera, basti pensare all'impatto distruttivo della dottrina Wilson nell'Europa multinazionale del 1914. Oggi è la NATO il fulcro di questa nefasta ingerenza anglo-americana. Finchè ci sarà la NATO non ci sarà una vera Unione Europea

Dani55

Lun, 11/07/2016 - 12:55

Vera Destra, sono talmente lungimiranti i governanti delle nazioni ex comuniste che in caso di III guerra mondiale di loro non resteranno che rovine fumanti. E poi il paradosso è che a tutt'oggi sono paesi dipendenti dalla Russia per gli approvvigionamenti energetici, e per contro la loro integrazione nella UE mette fuori mercato quasi tutta la loro produzione industriale che per i mercati euroasiatici valeva qualcosa ma sui mercati occidentali non ha valore (lo stesso succede alla Croazia un tempo regina del mercato balcanico).

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Lun, 11/07/2016 - 14:46

Dani55, ma cosa si può aspettare da qualcuno che spara le solite casate sinistrate chiamandosi "vera destra" (perfino colle maiuscole)? Possiamo soltanto rimpiangere sconsolatamente l'immaturamente scomparso Ottovolante. Non riesco figurarmi ancora come vado a vivere senza le sue isteriche "uhahahaha", frenetiche e disperate allo stesso tempo, che mi ricordano tanto la trama della canzone Madhouse degli Anthrax. Ho incontrato recentemente un suo epigono commentando negli Occhi della Guerra, ma era soltanto uno scopiazzatore. Ottovolante non c'è più, e dobbiamo vivere con questo. Che riposi in pace fra... non so dov'era situato il suo porcile.

mborrielli

Lun, 11/07/2016 - 15:21

@Lucaberardi: il massacratore di oppositori di cui parli ti faccio presente che garantiva la multietnicità nel Paese, i Cristiani erano protetti così come tutte le altre minoranze. Se fossi andato a fare un giro a Lakatia, sul mare, in tempi non sospetti, ti sarebbe persino venuta voglia di convertirti e di trasferirti. Tu sei il classico che opina per il semplice fatto che ha una tastiera davanti e delle dita che lavoraano su di essa. Dietra la tastiera c'è solo il vuoto siderale.

mborrielli

Lun, 11/07/2016 - 15:28

@Lucaberardi... certo non vorrai invece dirmi che l'Arabia Saudita sia un esempio di grande democrazia e di liberismo. Hai mai provato a passare la frontiera con un crocifisso al collo ? No ?? Neanche io. Quanto all'Iran, da quel che ricordo, l'unica guerra in cui sono stati coinvolti è stata quella con l'Iraq, voluta e finanziata da tutti i Paesi del Golfo, compresa l'Arabia Saudita, alleata dell'America, e che bombarda a tappeto lo Yemen (anche se nessun giornale lo cita più).

Ritratto di contdjbabi

contdjbabi

Lun, 11/07/2016 - 15:38

NATO ed Unione Europea hanno accolto gli stati dell'ex-Patto di Varsavia soprattutto per renderli amici e protetti dall'imperialismo russo, che sotto forma zarista, sovietica o putiniana, sempre si é manifestato ed ancora continuerà a manifestarsi. E' pur vero che altre nazioni che per "fratellanza slava" o comunanza di religione ortodossa premano a vantaggio della Russia stessa, ma la presenza di Mosca tra gli stati europei tenderebbe ad una egemonia leggermente più invasiva di quanto non ci si lamenti di quella tedesca. L'equilibrio dell'Europa dovrebbe stare proprio nel saper dialogare con tutti, ma nel saper sviluppare una linea autonoma ed autorevole, nel controllare gli eccessi dei Balcani, sia di marca slava, sia di marca islamica. L'alleanza/dipendenza dagli USA é però il male minore, specie per quegli stati che nei decenni hanno avuto modo di apprezzare la "fraterna amicizia" dell'alleato russo.

Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Lun, 11/07/2016 - 20:30

Alberoni fa un analisi completamente sbagliata della situazione nel'Europa Orientale, di nuovo condivido Vera_Destra, lui ha ragione anche stavolta . Sul' importazione del gaz russo : non e' vero, non dipendiamo del gaz russo, per essempio la Romania importa 0,3% del necesario nel gaz dai russi, lo compra indiretamente in Austria, invece Germania con la sua industria potente e' quella che dipende del gaz russo . Meno male se sti inglesi escono dal'Ue, faremo un Europa piu forte con un esercito comune, Germania e Francia devono accetare un Italia uguale, ormai una nuova troika dei piu grandi paesi del'Ue .

mila

Mar, 12/07/2016 - 06:37

@ contdjbabi -La NATO e la UE hanno accolto (finanziandoli con le mie tasse) gli Stati dell'ex Patto di Varsavia per impedire agli Stati dell'Europa occidentale di avvicinarsi alla Russia e di sganciarsi dall'imperialismo americano, che per noi e' un male molto maggiore. PS. Perche' gli Stati dell'Est non accolgono le loro quote di migranti africani?

alox

Mar, 12/07/2016 - 11:28

Arlecchino sei come Ausonio, Greg: ignoranti e bugiardi: Ottovolante e' stato "eliminato" dalla redazione...come stanno facendo con me!

Vera_Destra

Mar, 12/07/2016 - 14:05

Intervista alla Stampa del 26 maggio 2016: "vogliamo che le truppe Nato ci proteggano dalla minaccia russa. Chiediamo l’attenzione di tutti su quello che sta facendo Putin, che sta cercando di mettere alla prova – e distruggere – il nostro sistema di difesa, e con lui anche quello della Nato". Così parla non Laura Boldrini, ma la premier polacca Beata Szydło che fa parte del partito di DESTRA conservatrice ed euroscettica Diritto e Giustiza (capito Arlecchino86? Destra, non quella che sta nella tua zucca vuota di troll frequentatore dei vari forum) relativamente a cosa si aspetta la Polonia dall'UE e dalla Nato. E così sono tutti i paesi dell'Europa dell'Est. Alberoni, studia che fai meglio

ernestorebolledo

Mer, 13/07/2016 - 12:47

La Russia è un PARTE DELL'EUROPA..

agosvac

Mer, 13/07/2016 - 15:22

Chiedo scusa, ma in che modo la Nato ha contribuito alla pace nell'occidente???

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Mer, 13/07/2016 - 15:23

alox, Ah. Quindi, i tuoi commenti, che ne sono due qui, sono soltanto una un'allucinazione. Ho capito. | Vera_Destra, Ma che conservatismo ed euroscetticismo... Forse, sono miope e non vedo la Polexit, m? Solo nella TUA zucca vuota per essere la destra basta chiamarsi così. Ma raccontaci riguardo ai "tutti i paesi" dell Europa orientale. Forse, stai parlando del presidente ceco o del primo ministro slovacco? Sei pietoso coi tuoi fiacchi tentativi di generalizzazare.

Vera_Destra

Mer, 13/07/2016 - 16:29

Arlecchino, mi dispiace: mi sono ripromesso di rispondere al massimo ad una cialtronata alla settimana e lei ha già esaurito il mio bonus (sa com'è, io lavoro: non posso seguire i suoi ritmi da fankazzista da forum). Sarà per la prossima volta. Nel frattempo, impieghi il suo tempo studiando. Magari cominciando dal ripasso dell'alfabeto: A, B, C...

Ritratto di Arlecchino_86

Arlecchino_86

Mer, 13/07/2016 - 20:04

Vera_Destra, Ahi, ahi... Il ragazzino non ha trovato dei controargomenti ed ha deciso di rispondere nella tipica (ed unica) maniera accessibile - "il tonto sei tu". Fuggi piangendo a "lavorare" nei forum sinistrati dove i cattivi tizi dopolavoro non vadono ad offenderti.