Terremoto, quei soldi per rifare il campanile utilizzati per la chiesa

Il commissario dei lavori ammette: "Fatte solo migliorie, quando servivano interventi strutturali". I problemi dopo il terremoto del 1997

È uno dei simboli del terremoto, la chiesa crollata di San Francesco ad Accumoli. La facciata austera rovinata a metà, il rosone sbriciolato per le scosse di una terra che in troppi si ostinano a chiamare traditrice e matrigna. Il campanile ridotto in polvere.

Ma i veri traditori, forse, andrebbero cercati fra chi ha male utilizzato - per usare un eufemismo - i fondi destinati alla prevenzione del rischio sismico. La magistratura è già al lavoro per stabilire eventuali responsabilità, ma gli episodi controversi si moltiplicano giorno dopo giorno.

È il caso, ad esempio, del campanile della chiesa di San Francesco, venuto giù come un castello di carte schiacciando la famiglia Tuccio, padre, madre e due bimbi. Un campanile che, racconta il Corriere della Sera, era già stato lesionato dal terremoto delle Marche e dell'Umbria del 1997: i primi interventi di "miglioria" risalgono al 2004, con lavori affidati a commissari della Regione Lazio e subcommissari provinciali, poi commissionati ai costruttori Cricchi, intervenuti anche nel rifacimento della scuola Romolo Capranica di Amatrice, anch'essa crollata nel sisma di mercoledì scorso.

Ed è proprio uno dei subcommissari provinciali, Fabio Melilli, ad ammettere che il finanziamento venne fatto convergere sulla chiesa e non sul campanile: peraltro dei (già pochi) 125mila euro iniziali, dopo la fase di progettazione rimasero appena 75mila euro. Nei prossimi giorni è probabile che la procura reatina vorrà sentire i componenti delle commissioni giudicanti a tutti i livelli: da chi decise quali lavori effettuare; da chi stabilì di trascurare il campanile; da chi concesse il placet finale.

L'obiettivo è capire chi e perché ha sbagliato, stabilire l'eventuale malafede e, nel caso, punire i responsabili. Ma soprattutto impedire che episodi simili si ripetano in futuro.

Commenti
Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 29/08/2016 - 14:44

scassa lunedì 28 agosto 2016 Colpevoli come gli imputati del processo per il crollo della Scuola di S.Angelo ( 27 bimbi e una maestra ) che se pur condannati ,non hanno fatto un giorno di galera ? Proprio vero che tra cani non si mozzicano !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!scassa.

Holmert

Lun, 29/08/2016 - 17:52

E' un cult quello delle pubbliche amministrazioni di distrarre fondi destinati per qualcosa e poi utilizzati per altra. Così con il campanile,meglio la chiesa avranno pensato, al campanile basta un piccolo restyling. Non avevano fatto il conto con il terremoto e cum grano salis, pensare dove sarebbe andato a cadere quella specie di torre,ad accoppare una incolpevole famiglia. Che pena,incommensurabile! Fanno le leggi in Italy, ma nessuno controlla ed anche se controllassero le pene irrogate dai nostri codici super garantisti sono irrisorie e non spaventano i lestofanti. Siamo in pieno decadentismo,quello vero,non quello che ci facevano studiare a scuola.

Raffaello13

Lun, 29/08/2016 - 19:28

Sono tutte balle! E' molto difficile rendere ANTISISMICO un campanile medioevale in pietre sovrapposte, perchè gli elementi di rinforzo dovrebbero essere barre d'acciaio inserite con collante entro fori trapanati, a cucire tra loro gli elementi slegati, oppure placcature di grafite... tutta roba che costa dieci volte quanto speso, sufficiente a risanare a malapena una casetta.

diegomi

Lun, 29/08/2016 - 19:30

Ora gli italiani fanno ciò che gli riesce meglio, piangersi addosso. Tramite i sassi e le pietre il mondo verrà a sapere non solo di che pasta sono fatte le case crollate ma anche di che pasta sono fatti gli italiani- farabutti, imbroglioni, irresponsabili senza scrupoli che mandano i loro figli a scuole pericolanti mai risanate, che usano materiali scadenti per costruire per ottimizzare il guadagno, che fanno sparire fondi per la messa in sicurezza dell' UE nel nulla. La Signora Merkel, affetta da sindrome della crocerossina, ha annunciato di inviare una somma notevole ed assicurata piena disponibilità per qualunque richiesta dell'Italia. Signora Merkel ,questi soldi li dia a chi veramente senza colpa deve scappare da guerre ed altre disgrazie e non a chi provoca i propri disastri per causa della propria mentalità e dell'eterno malaffare e malcostume. Fanno più pena i 3300 migranti morti in mare...

Raffaello13

Lun, 29/08/2016 - 19:30

I Politici e gli amministratori fanno a scaricabarile, ma se hanno dato un appalto, nel progetto ed allegati c'è scritto dettagliatamente quali opere si volevano avere.