Torri gemelle, spunta un video inedito dell'attentato

Le immagini girate da un operatore della Cbs, che riprende il crollo delle Torri gemelle

A pochi giorni dal 17esimo anniversario dell'attentato alle Torri gemelle, spunta un nuovo video, che mostra l'esplosione e il crollo di quell'11 settembre del 2001, che ha cambiato la storia mondiale. A diffonderle è l'autore del video, un operatore della Cbs che, subito dopo l'attentato, è corso sul posto, documentando i terribili minuti che seguirono l'impatto dei due aerei.

Un denso fumo bianco si leva dalla strada e avvolge il sito delle Torri gemelle, rendendole invisibili. "Cosa succede?", chiede Mark LaGanga ai soccorritori che incontra. "Sta collassando tutto, è un inferno", risponde uno di loro, attonito di fronte all'immane scenario che si disegna di fronte ai suoi occhi. Poliziotti, vigili del fuoco e soccorritori sono ricoperti dalla polvere bianca, tossiscono, accasciandosi a terra nel tentativo di riprendere le forze. L'operatore cattura la disperazione di una coppia, due afroamericani, sconvolti che si allontanano dal luogo dell'attentato: lei piange ininterrottamente, mentre neglio occhi dell'uomo si coglie quel senso di vuoto, di chi si ritrova impotente di fronte a qualcosa di troppo grande per lui.

Mentre tutti corrono via, Mark LaGanga va incontro al disastro. I soccorritori gli dicono di allontanarsi, perché la torre sta per crollare, ma lui entra, riuscendo a catturare con la sua videocamera le ultimi immagini degli interni: facciata in vetro, scale mobili ricoperte di cenere, porte girevoli bloccate dai detriti causati dall'esplosione e dal crollo della della Torre 2. Poi esce e riprende lo scenario intorno: polvere ovunque, macerie degli edifici danneggiati e tutto intorno i grattacieli ancora in piedi.

Poi, all'improvviso, si vede una nube di fumo ancora più densa e un gruppo di persone corre disperatamente verso il reporter, il più velocemente possibile, ma LaGanga non si muove. Il fumo lo invade e le immagini diventano nere. In sottofondo, si sente l'uomo ansimare e tossire e una serie di voci concitate. Quando la polvere si dirada appare la mano dell'operatore, che pulisce l'obiettivo e chiede a un uomo in camicia e cravatta cosa sia successo. "È crollata! La torre è crollata", gli risponde lui, quasi incredulo. Le Torri gemelle non esistono più.

Commenti

Gianni11

Gio, 06/09/2018 - 11:34

La storia ufficiale non regge. C'e stata una demolizione centrollata. La verita' fa' molto piu' terrore della storia uffciale.

Silvio B Parodi

Gio, 06/09/2018 - 12:22

gianni se tu la sai la verita' dilla!!!

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 06/09/2018 - 13:11

nulla di nuovo.. resta da sempre il buio totale sul Pentagono colpito dal boeing757 e di cui non è stato Mai pubblicato nulla se non poche immagini di pezzi attribuibili, ma neanche tanto.. alla fusoliera di un aereo.- pare essere uno dei luoghi più controllati al Mondo.. e neppure una telecamera a riprendere. l’fbi ha sequestrato.. secretato. non sarà un complotto.. ma fanno di tutto per farlo credere

cir

Gio, 06/09/2018 - 14:22

delle torri gemelle non me ne frega un bel niente , sono yankees!!

levy

Gio, 06/09/2018 - 14:31

La torre n. 7 è collassata in caduta libera senza essere colpita da nessun aereo, e altre mille cose inspiegabili se non con una demolizione controllata che ha richiesto mesi di preparazione. I fatti dell'11 sett. sono una "false flag" o "inside job" come si vuol chiamare. Quei criminali che formano il potere occulto permanente sono capaci di questo ed altro, un casus belli in piena regola e non è il primo.

0rl4nd0

Gio, 06/09/2018 - 16:04

si certo ragazzi! anche gli aerei che si sono lanciati contro le torri sono tutti una finzione Hollywoodiana anzi c'è anche la firma degli Light&Magic Studios quelli degli effetti di Guerre Stellari. ah caro ATEIUS, mi spiace distruggere il tuo sogno durato ben 17 anni ... peccato che in quel periodo io fossi dalle parti di Washington e che abbia visto con i miei occhi il disastro del Pentagono. Proprio perchè è un luogo molto controllato non verrà mai pubblicato nulla. Gli americani sono molto ma molto diversi da noi, soprattutto quando a casa loro capitano queste cose. Riflettete prima di aprire bocca.

greg

Gio, 06/09/2018 - 16:47

Gli sciacalli di sinistra antiamericani sono sempre in servizio.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Gio, 06/09/2018 - 18:45

Il miglior modo di controllare la storia è di fabbricarla da sé !

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Gio, 06/09/2018 - 18:54

Si vede pure la "termite" immagino. "Bush-piccolo" la sapeva molto lunga ma ce l'ha raccontata un po' male. Quantomeno solo una parte. La Verità? Occorre pazienza, ma proprio tanta. Forse un altro lustro. Forse.

cir

Gio, 06/09/2018 - 18:57

chissa' perche' quando sento parlare di america mi viene il vomito.

roberto67

Gio, 06/09/2018 - 21:02

A parte la storia della demolizione controllata, attualmente non ci sono altre spiegazioni. O questo è esattamente ciò che è successo, oppure la conoscenza delle strutture in acciaio ha ancora enormi lacune da colmare.

greg

Ven, 07/09/2018 - 23:07

CIR - chissà perchè quando mi capita di vedere tuoi commenti capisco perchè il comunismo è crollato con l'URSS, ed è emigrato in Italia e se la spassa

greg

Ven, 07/09/2018 - 23:31

ROBERTO67 - La conoscenza della resilienza dell'acciaio non ha più problemi. E' un materiale adatto alle grandi costruzioni, dalle navi ai grattacieli, ma come ogni materiale ha dei limiti, ed è indubbio che una trave in verticale (è un grattacielo è una trave verticale, solo più complessa) è assoggettata a tre forze fondamentali: ci carico di punta, di flessione e di deformazione. Le due torri le hanno subite tutte e tre in modo massiccio e combinato. Gli aerei sono stati visti entrare nelle torri da tutti gli abitanti del pianeta, e quegli aerei erano iscritti a registro e poi cancellati, ma solo alcuni deficienti insistono a dire che si è trattato di un montaggio hollywwodiano messo in scena dal governo. Un aereo che entra in una struttura, pur robusta, e in alto, pieno di carburante che prende fuoco, provoca un effetto domino di trasformazione plastica del metallo, e collassa. Lo capisce anche un bambino, esclusi i deficienti complottisti

greg

Ven, 07/09/2018 - 23:34

CIR (c.r.e.t.i.n.o italiano riconosciuto) Di CIR non mi interessa nulla: è un comunista