Verona e Udinese, due facce della dignità

Una squadra che in quel momento ha 18 punti, è ultima dalla terza giornata, per molti è già in B. Gioca in casa della Fiorentina che lotta per la Champions, è sotto, attacca. E segna

Non è una doppia morale, ma due morali diverse. Verona e Udine. Te ne accorgi quando l'Hellas segna il pareggio a Firenze a quattro minuti dalla fine. Una squadra che in quel momento ha 18 punti, è ultima dalla terza giornata, per molti è già in B. Gioca in casa della Fiorentina che lotta per la Champions, è sotto, attacca. E segna. Le immagini della tv staccano sul settore ospiti del Franchi: ci sono centinaia di tifosi del Verona che esultano. La salvezza è a otto punti a 9 turni dalla fine. Non c'è stata una sola giornata in cui il pubblico dell'Hellas non sia andato allo stadio in massa per tifare e aiutare la squadra che all'inizio del torneo aveva ambizioni diverse. Dopo 29 giornate sanno - giocatori e tifosi - che le speranze sono pochissime, ma lottano tutti. E si specchiano nella loro dignità, in una lezione di calcio vero, in un esempio di onestà: dirigenza, allenatore, calciatori, tifosi.L'opposto di quello che accade a Udine, 12 punti più su, dove oggi ci sarebbe la salvezza, e invece si sprofonda in una contestazione che di dignitoso ha poco: i calciatori costretti a umiliarsi a fine partita davanti ai tifosi che li insultano perché hanno perso 1-2 contro la squadra più in forma del momento, la Roma. L'Udinese ha tre punti sulla terzultima, ha tutto per salvarsi, ma sembra che sia già sprofondata. La scena di ieri, invece di aiutarla, peggiora la situazione. Ma la sensazione è che a importare davvero non sia la salvezza.

Commenti

ubibui

Lun, 14/03/2016 - 11:44

Buongiorno. Sono di Udine e sinceramente mi da fastidio sentir parlare di "due" dignità. Con Verona c'è purtroppo una rivalità che in qualche caso è andata al di là di quella sana e sportiva e la cosa mi ha sempre lasciato amareggiato. Sappiamo benissimo che i Friulani hanno un carattere (me compreso) complesso, tipico di genti che hanno vissuto grandi difficoltà e grandi sacrifici, in una terra per molti aspetti abbandonata e per assurdo, svantaggiata dall'essere regione a statuto speciale. Ma non prendiamo lezioni di dignità da nessuno, tanto meno dal Sig. De Bellis. Se vuole parlare di comportamento esageratamente polemico, o di altro può anche andare bene, ma non venga a parlare di dignità e non venga a fare paragoni con due tifoserie che per slogan gridati e persino scritti sono profondamente diverse! L'unica cosa di poco dignitoso qui è il suo articolo! Umberto Pecile

dispater

Lun, 14/03/2016 - 13:16

Solo negli ultimi 5 anni, l'Udinese si è sempre posizionata nei primi posti del Trofeo "Fair Play Gaetano Scirea", che premia le tifoserie più corrette, vincendo un'edizione e arrivando seconda in un'altra. Insieme alla tifoseria di Chievo e Sassuolo, è quella principalmente costituita da famiglie, anziani e bambini, che vanno allo stadio per incitare i propri beniamini. Credo sia assolutamente lecito nonchè doveroso, che il tifoso, che ha regolarmente pagato il biglietto di ingresso, possa contestare il proprio allenatore se rietiene che non guidi la squadra con la giusta fermezza e competenza o manifestare apertamente ( manifestare non è invadere il campo, effettuare sassaiole, compiere qualsiasi atto di violenza ..)contro i giocatori e dirigenza se si pensa che l'impegno sia al di sotto delle possibilità . Così come i loggionisti contestano sonoramente tenori o soprani per le insufficienti performance del cast operistico.

pecottaro65

Mar, 15/03/2016 - 09:14

Buongiorno, faccio presente che domenica 13 ero allo Stadio a tiffa la Roma mia bella, ma a dire che i tifosi udinesi hanno insultato la squadra mi sembra esagerato. Da noi sarebbero mazzate da orbi. All'esterno dello Stadio abbiamo mangiato e bevuto con la tifoseria ultrà friulana gente per bene . Ma De Bellis do ca..o eri a vede la partita in tribuna..... ma sai cosa si son detti con i giocatorii io lo so tu lo sai .... ma!!!!!!!

pecottaro65

Mar, 15/03/2016 - 09:25

Ero Domenica allo Stadio,i tifosi ultrà hanno contestato la squadra, ma non di più, calciatori costretti ad umiliarsi ma che cavolo scrivete ,con gli ultrà abbiamo mangiato e bevuto fuori lo Stadio abbiamo visto le riprese fatte coi Smart fon, sono i giocatori che sono andati li a parlare con loro sono volate delle parole ma non di più. Da noi sarebbero botte da orbi!!!!!! De Bellis ma dove cavolo eri a vede la partita

Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Mar, 15/03/2016 - 12:30

Sono d'accordo con il signor "ubibui" di Udine. La tifoseria del Verona di dignità ne ha dimostrato davvero pochissima nel corso della storia recente e remota. Ricordate il manichino di colore impiccato ed i continui BUUUU razzisti contro i neri ed i meridionali ? O viviamo in un'era di POLITICALLY CORRECT ad intermittenza ? Il marcio lo si vede sempre o solo quando fa comodo ? Udine è sempre stata anni luce AVANTI !!!!!

robytopy

Mar, 15/03/2016 - 17:02

De Bellis ma non hai qualcosa di più interessante da scrivere ?

robytopy

Mar, 15/03/2016 - 17:03

ma ci sono ancora giornalisti veri ????????????

Mirko1975

Gio, 17/03/2016 - 05:48

Quella dell'Hellas e quelle della Roma e della dacia sono tifoserie molto diverse, imparagonabili. Tirare fuori fatti vecchi anche se discutibili non fa altro che confermare l'usanza di etichettare una tifoseria attraverso atti compiuti da pochi ( tipo l'episodio del manichino, o quello di Udine), la differenza penso sia l'attaccamento alla maglia e non ai giocatori , valore che in Italia non esiste tranne che in pochissimi casi . Anche se a Udine mi sembra non sia successo niente